Elettrotreno NTV ETR.675

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NTV ETR.675 Italo EVO
Elettrotreno
Etr675PortaNuova.jpg
Un ETR 675 in sosta a Torino Porta Nuova
Anni di progettazione 2015-2016
Anni di esercizio dal 2017
Quantità prodotta 22
Costruttore Alstom Ferroviaria
Convoglio
Dimensioni 187,3 m (lunghezza)
2.830 mm (larghezza)
Capacità 472 passeggeri
Massa in servizio 400 t
Rodiggio Bo'Bo' + Bo'Bo' + 2'2' + 2'2' + 2'2' + Bo'Bo' + Bo'Bo'
Diametro ruote motrici 920 mm
Tipo di trasmissione elettrica
Potenza oraria 5,6 MW
Potenza continuativa 5,5 MW
Velocità massima omologata 250 km/h
Alimentazione kV =
25 kV ~ 50 Hz
Tipo di motore Motore trifase asincrono 6FJA 3257

Il Pendolino ETR.675 di NTV fa parte della famiglia Avelia di Alstom, della quale fanno parte anche altri convogli distribuiti in diverse nazioni d'Europa.

È entrato in servizio in Italia nel mese di dicembre del 2017 per NTV che gli ha assegnato il nome commerciale Italo EVO, ampliando la rete della compagnia.

Il Pendolino ETR.675 non è dotato di assetto variabile. Il nome Pendolino, tuttavia, rimane evidentemente come marchio per treni che possono essere strutturati sia con che senza pendolamento.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I 22 treni di NTV (12 commissionati nel primo ordine, 5 deliberati a novembre 2017[1] e altri 5 successivamente) sono composti da 7 elementi per una lunghezza totale di 187,3 m con una larghezza di 2.830 mm. La loro velocità massima è di 250 km/h e hanno una potenza continua di 5.500 kW.

Per ogni lato sono presenti 9 porte larghe 900 mm e internamente la capacità è di 472 passeggeri[2] con la possibilità di accogliere due sedie a rotelle per disabili.

Il treno può circolare indifferentemente sotto la tensione di 3 kV CC e 25 kV CA 50 Hz, quindi su tutte le linee ferroviarie italiane.

Volendo semplificare molto, si tratta di un'evoluzione proprio del Pendolino realizzato per le ferrovie polacche PKP, ormai da anni in servizio lungo tutto il paese. Quindi, in qualche modo, si tratta di un'evoluzione della famiglia degli ETR 600/610 appartenenti anche a Trenitalia, dai quali differisce principalmente dal punto di vista estetico per il frontale, che è stato rivisto in chiave aerodinamica e di protezione del personale di macchina.

La decisione di prendere un prodotto senza assetto variabile è dovuta probabilmente al fatto che questi treni circolano principalmente su linee AV, dove il pendolamento non sarebbe stato necessario. Oltretutto, essendo un'evoluzione di un treno già circolante, si è probabilmente scelto questo convoglio anche in funzione di un'immediata reperibilità e di un'immediata circolabilità.

Sono dotati di 4 pantografi di tipo Schunk monobraccio, 2 per la corrente alternata e altrettanti per la continua, installati in alternanza sulle carrozze 4 e 5.

La lunghezza complessiva di ciascun treno è di 187 metri con composizione di 7 elementi e come per i predecessori ETR.600/610, i veicoli 1 e 2 sono motori, 3, 4 e 5 rimorchi, il 6 e 7 motori. I sottosistemi di bordo prevedono Ripetizione Segnali Continua con SCMT integrato nel medesimo cruscotto e anche ERTMS di secondo livello, come richiesto da RFI per l'esercizio sulle proprie linee.

In confronto agli ETR.600, 610 e ED250 PKP di Alstom da cui gli ETR.675 derivano, questi ultimi si differenziano esteriormente per un nuovo design del frontale, nel rispetto degli standard TSI 2014. Tra queste anche il parabrezza, che non può più essere fissato al guscio aerodinamico in vetroresina, ma deve essere ancorato alla struttura metallica facente parte della cassa. La stessa TSI 2014 non prevede più l'obbligo della presenza di strutture scatolate in corrispondenza dei vestiboli delle carrozze, consentendo pertanto una più economica e veloce produzione del rotabile.

Altra differenza rispetto ai "cugini" di FS, FFS e PKP, su entrambi gli elementi di testa dell'Avelia Evo di NTV da progetto non sono presenti le porte di salita dei macchinisti (non obbligatorie secondo le TSI 2014); la scelta comporta un aumento dei posti a sedere (circa 8 in Smart), ma verosimilmente darà luogo a qualche problema al personale di macchina, soprattutto nelle stazioni di testa in cui viene operato il cambio banco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NTV acquista altri cinque ETR 675 Italo EVO, su tuttoTRENO Blog. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  2. ^ La flotta di Italo, su .italo. URL consultato il 12 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti