Rachele Bastreghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rachele Bastreghi
Baustelle2.jpg
Nazionalità Italia Italia
Genere Indie rock
Alternative rock
Musica elettronica
Periodo di attività musicale 1997 – in attività
Strumento voce, tastiere, percussioni
Gruppo attuale Baustelle

Rachele Bastreghi (Montepulciano, 15 luglio 1977) è una cantautrice e musicista italiana, componente del gruppo toscano Baustelle.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Montepulciano (SI) nel 1977, a metà anni novanta, quando frequentava il liceo, viene contattata da un gruppo che cercava una cantante e chitarrista.[1]. Entra così a far parte dei Baustelle, di cui facevano parte anche Claudio Brasini, Francesco Bianconi, Mirko Cappelli, Michele Angiolini e Fabrizio Massara. Lascerà però ben presto la chitarra. Infatti tuttora nei Baustelle Rachele è la voce femminile e suona tastiere, percussioni, clavinet e organo. È anche autrice di alcuni brani. La band, dopo la registrazione di alcuni brani tra demo e cover, debutta nel 2000 con il primo album, Sussidiario illustrato della giovinezza.

Nel 2003 viene pubblicato il secondo album, La moda del lento. Nello stesso anno, Rachele partecipa con Bianconi ai cori dell'album La verità sul tennis dei Virginiana Miller.[2] Collabora con i Perturbazione in A luce spenta, brano contenuto nell'album Canzoni allo specchio del 2005.

Gli album successivi dei Baustelle, etichettati Warner, sono La malavita (2005), Amen (2008), I mistici dell'Occidente (2010) e Fantasma (2013). Nel 2008 ha suonato dal vivo con i La Crus nelle due tappe (a Roma e a Milano) che chiudono la carriera del duo lombardo.[3]

Nel 2011 ha collaborato con Le luci della centrale elettrica in Un campo lungo cinematografico, colonna sonora del film Ruggine[4], brano contenuto anche in versione live nell'EP C'eravamo abbastanza amati. Partecipa con Vasco Brondi, Manuel Agnelli, Giorgio Canali e Davide Toffolo all'ultima tappa del tour de Le luci della centrale elettrica il 3 settembre al Teatro Romano di Verona. Nel marzo 2012 suona nella tappa di Milano del tour degli Egokid.

Nel 2014 collabora con gli Afterhours ri-arrangiando e cantando il brano Mi trovo nuovo, contenuto nella riedizione dell'album Hai paura del buio?. L'11 novembre 2014 appare nel terzo episodio della serie televisiva Questo nostro amore 70 (Rai 1) nel ruolo di Marie. All'interno dell'episodio interpreta il brano originale da lei scritto Mon petit ami du passé. Lo stesso brano Mon petit ami du passé viene pubblicato come singolo il 15 dicembre 2014 ed è il primo estratto di un EP che l'artista realizza come solista e che viene pubblicato da Warner Music Italy il 27 gennaio 2015[5]. L'EP è composto da sette brani, di cui due cover (All'inferno insieme a te di Patty Pravo e Cominciava così degli Equipe 84) e una traccia strumentale.

Ha collaborato con Dell'Era nel brano Non ho più niente da dire presente nell'album Stare bene è pericoloso (2015).[6]

A inizio 2016 firma il testo e la musica del brano Ci rivedremo poi, contenuto nel nuovo album di Patty Pravo Eccomi, pubblicato il 12 febbraio.

Nel 2017 collabora con Mauro Ermanno Giovanardi per il brano Baby Dull, presente nel suo album di cover La mia generazione uscito a settembre.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Baustelle[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Baustelle.

Solista[modifica | modifica wikitesto]

EP

Singoli

  • 2014Mon petit ami du passé
  • 2015Il ritorno

Collaborazioni

Autrice

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]