Fantasma (Baustelle)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fantasma
ArtistaBaustelle
Tipo albumStudio
Pubblicazione29 gennaio 2013
Durata72:52
Dischi1
Tracce19
GenereSynth pop
Indie rock
Folk rock
Rock alternativo
EtichettaWarner Atlantic
ProduttoreBaustelle e Marco Tagliola
RegistrazioneWroclaw Radio Concert Hall di Breslavia/Fortezza Medicea di Montepulciano
FormatiCD, digitale, cofanetto (dal 1º febbraio 2013)
Certificazioni
Dischi d'oro1 (FIMI[1])
Baustelle - cronologia
Album successivo
(2015)
Logo
Logo del disco Fantasma
Singoli
  1. La morte (non esiste più)
    Pubblicato: 28 dicembre 2012
  2. Nessuno
    Pubblicato: 5 giugno 2013
  3. Monumentale
    Pubblicato: 12 luglio 2013

Fantasma è il sesto album in studio dei Baustelle, gruppo musicale alternative rock toscano formatosi nel 1996 in provincia di Siena. L'album è stato pubblicato il 29 gennaio 2013 da Warner Atlantic.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album esce a quasi tre anni di distanza dal precedente lavoro I mistici dell'Occidente (uscito nel marzo 2010) e segna una continuità con quest'ultimo nel percorso artistico dei Baustelle.

L'album è stato pubblicato, dal 1º febbraio e in edizione limitata, anche in un formato cofanetto contenente un doppio vinile, un CD e un booklet di 24 pagine.

I Baustelle hanno iniziato a progettare il disco con l'intenzione di realizzare canzoni come moderni lieder, ossia semplici composizioni per pianoforte e voce, per poi rivestirle del suono di un'orchestra sinfonica. La band si è quindi avvalsa della collaborazione di un'orchestra sinfonica di 60 elementi, la FilmHarmony Orchestra di Breslavia (Polonia). Per valorizzare al meglio la dinamica orchestrale del disco, la band ha affidato a Enrico Gabrielli (Calibro 35, Mariposa), che aveva già suonato con la sezione ad archi della FilmHarmony Orchestra quando era stato in tour con Mike Patton, la cura degli arrangiamenti orchestrali[2].

L'album si compone di 19 tracce, di cui 6 strumentali e 13 canzoni. Le registrazioni sono cominciate nel maggio 2012 e sono state curate da Marco Tagliola e dagli stessi Baustelle. L'orchestra sinfonica è stata registrata nella Wroclaw Radio Concert Hall di Breslavia, presso il Polskie Radio Auditorium. Le altre registrazioni sono avvenute presso la Fortezza Medicea di Montepulciano (provincia di Siena), città d'origine della band, presso l'Europäische Akademie für Musik und Darstellende Kunst di Palazzo Ricci, sempre a Montepulciano, e presso il Perpetuum Mobile Studio di Nave (BS). Alcune registrazioni sono state eseguite gli organi a canne della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Montepulciano Stazione e del Duomo di Montepulciano. Il missaggio, ad opera di Marco Tagliola, è stato fatto presso il Noise Factory di Milano, mentre il disco è stato masterizzato da Giovanni Versari a La Maestà di Tredozio (FC)[3][4].

Si tratta del primo album dei Baustelle in cui lo stesso gruppo assume il ruolo relativo alla produzione artistica (con il contributo del sound engineer Marco Tagliola)[5]. A tal proposito, Bianconi ha dichiarato: "Volevamo toglierci lo sfizio, forse ci sentiamo più sicuri, volevamo anche che ci fosse la nostra visione musicale a trecentosessanta gradi senza nessuno che facesse da filtro. In questo modo non c'è nessuna figura a cui delegare la responsabilità… e infatti è un lavoro grosso e importante che si traduce anche in ansie e fatica, ma va bene così."[6].

In quattro brani, ossia Maya colpisce ancora, Cristina, Radioattività e Il finale, ha collaborato come compositore Diego Palazzo degli Egokid[7].

Si tratta di un concept album dedicato al tema del tempo. Il Fantasma del titolo, infatti, come affermato da Francesco Bianconi in un'intervista, "sintetizza la nostra idea di tempo: è il passato che appare nel presente. Ma oggi anche il futuro è un fantasma, non ha contorni definiti che avrebbe avuto 25 anni fa. La parola fantasma evoca infinite suggestioni, da Edgar Allan Poe al Canto di Natale di Dickens, passando per la grafica della copertina, che si rifà ai film horror di quarant'anni fa. Ma il solo fantasma di cui avere paura è dentro di noi"[8]. Altri temi trattati sono l'amore, l'assenza, la morte, la spiritualità e i temi sociali in generale[9].

Essendo presente un arrangiamento orchestrale, sono numerosi i riferimenti musicali relativi alla musica classica, in particolare ad autori del Novecento come Igor Stravinskij, Gustav Mahler, György Ligeti e Richard Wagner, ma anche alla cosiddetta musica concreta. Vi sono inoltre accenni alla musica barocca (in Diorama). Non mancano i riferimenti alle colonne sonore dei film western italiani degli anni settanta e dei film horror, quindi alla musica del maestro Ennio Morricone, che compose musiche per i film di Sergio Leone e Dario Argento (in particolare, l'intro Fantasma (Titoli di testa) richiama il tema de L'uccello dalle piume di cristallo). Inoltre, per l'estensione canora baritonale di Bianconi e per i testi, il disco richiama alla musica d'autore di grandi del passato come Piero Ciampi e Fabrizio De André (soprattutto per i temi affrontati in Tutti morimmo a stento)[10][11][12].

Gustav Mahler, V Sinfonia in Do# minore, IV Movimento, Adagietto. (info file)
La composizione di Mahler viene rielaborata da Rachele Bastreghi in La natura.

La canzone L'orizzonte degli eventi era inizialmente intitolata Thursday Django[8], in onore a Luis Bacalov. Nel brano La natura, che è anche il primo pezzo scritto interamente da Rachele Bastreghi[13], si può ascoltare una rielaborazione del celebre Adagietto della V Sinfonia di Gustav Mahler, che era stato anche inserito come colonna sonora nel lungometraggio Morte a Venezia di Luchino Visconti.

Due brani tratti da Fantasma, ossia Radioattività e Il futuro, vengono scelti in versione strumentale per la colonna sonora del film I corpi estranei di Mirko Locatelli (2013). Proprio in contemporanea con l'uscita nelle sale cinematografiche del film I corpi estranei, il 2 aprile 2014 viene diffuso il videoclip del brano Il futuro, diretto dallo stesso Locatelli e interpretato da Filippo Timi.[14]

Singoli estratti[modifica | modifica wikitesto]

Il primo singolo estratto da Fantasma è La morte (non esiste più), pubblicato il 28 dicembre 2012. Di questo brano viene diffuso anche un videoclip l'8 gennaio 2013, per la regia di Cosimo Alemà.

Il 5 giugno 2013 è stato diffuso in anteprima sul sito de La Repubblica il video del brano Nessuno, diretto da Gianluca Moro e Daniele Natali.[15]

Il 12 luglio seguente viene pubblicato come terzo singolo il brano Monumentale, accompagnato da un videoclip diretto da Paoloreste Gelfo e diffuso dal 15 luglio seguente.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

Come per i precedenti lavori La malavita, Amen e I mistici dell'Occidente, la copertina è realizzata dal fotografo Gianluca Moro. Essa ritrae una bambina (Lucia Tamba) stesa a terra con gli occhi chiusi. Si tratta di un omaggio al cinema horror italiano degli anni settanta, in particolare alla figura di Nicoletta Elmi nei film di Mario Bava e Dario Argento.[5]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune anticipazioni sull'album sono avvenute tramite la pubblicazione di alcuni teaser trailer pubblicati sul canale ufficiale YouTube della band.

Tra il 21 gennaio e il 1º febbraio 2013, Radio 2 ha trasmesso un format di 10 puntate dal titolo Storie di fantasmi (regia di Andrea Cacciagrano), a cui hanno partecipato i Baustelle insieme con Andrea Gentile, Alcide Pierantozzi, Giuseppe Genna, Antonio Riccardi, Massimiliano Viel, Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro.

Il 29 gennaio 2013 (data di pubblicazione dell'album) il gruppo ha presentato Fantasma alla Feltrinelli di Milano. Nei giorni immediatamente successivi si sono svolti altri appuntamenti, tra cui quelli presso le Feltrinelli di Firenze, Roma e Napoli.

Per quanto riguarda il tour promozionale, la "data zero" è prevista a Cosenza il 18 febbraio 2013, mentre sono da segnalare quattro date speciali in cui i Baustelle presentano in anteprima il disco. Tra il 19 e il 25 febbraio 2013, infatti, i Baustelle suonano in anteprima live le nuove canzoni attraverso quattro concerti in altrettanti grandi teatri italiani, accompagnati dall'orchestra sinfonica Ensemble Simphony Orchestra di 48 elementi diretta dal maestro Enrico Gabrielli. Precisamente si esibiscono a Bari, Roma, Firenze e Milano. A partire da marzo 2013 il gruppo intraprende un tour teatrale in giro per l'Italia.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2013 i Baustelle hanno ritirato il Premio Lunezia della Critica per il valore musical-letterario dell'album Fantasma.[16]

Nel settembre 2013 il disco viene inserito nella rosa dei cinque finalisti della Targa Tenco nella categoria "album dell'anno"[17]. I Baustelle giungono secondi dietro a Niccolò Fabi con Ecco.[18]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Il brano Diorama si riferisce agli animali imbalsamati del museo di storia naturale di Milano. (In un bosco siberiano per metà / Impantanata nella neve / La bestia feroce punta il cervo / È sul punto di spiccare il salto / E brama la gola)
  • Nessuno è una canzone d'amore, ma anche una "chiamata alle armi", come definita da Bianconi[13].
  • La morte (non esiste più) vede l'io narrante rappresentato da un anziano, che sente avvicinarsi la fine della sua esistenza, ma che trova conforto in un canto liberatorio[13].
  • Diorama è ispirata alla poesia Maschio Alpha, contenuta ne Gli impianti del dovere e della guerra (Garzanti, 2004) di Antonio Riccardi e alla frequentazione del museo di storia naturale di Milano[19].
  • Monumentale è ispirata al cimitero Monumentale di Milano[20], descritto in modo tale da esorcizzare i simboli della morte per eccellenza.
  • Il finale è ispirata alla figura di Olivier Messiaen, compositore francese che il 15 gennaio 1941, internato in un campo di lavoro nazista a Görlitz, suonò il suo Quatuor pour la fin du temps davanti a un pubblico composto di prigionieri e guardie[8][21].
  • Nella canzone Maya colpisce ancora, "maya" è una parola sanscrita che vuol dire "illusione". Nella stessa canzone, inoltre, viene citato il mantra Hare Kṛṣṇa, in riferimento sempre ad una sua funzione illusoria[22]. Si riscontra anche un riferimento alla profezia dei Maya sulla fine del mondo. Bianconi ha definito questa una canzone "felicemente pessimista"[13].
  • L'orizzonte degli eventi può essere ispirata al concetto fisico, appunto, l'orizzonte degli eventi.
  • Contà l'inverni è il racconto di un carcerato che parla della sua avventura. È cantata in dialetto romanesco ed è ispirata alla canzone Lella di Edoardo De Angelis[8].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
la Repubblica XL[23] 8.9/10 stelle
Rolling Stone[24] 4/5 stelle
Sentireascoltare[10] 7.7/10 stelle
Rockol[25] 4/5 stelle
Ondarock[12] 7.5/10 stelle
Storia della Musica[26] 6/10 stelle
Rockit[27] Positivo

Fantasma è stato accolto molto positivamente dalla critica e considerato un album ambizioso nelle tematiche, e che divide ma allo stesso tempo unisce il disco alla precedente produzione dei Baustelle. Ne viene esaltata in modo particolare la ricercatezza dello stile e dei contenuti: secondo Rolling Stone "Fantasma è un magnifico lavoro, generato nel momento di grazia di questo laboratorio e rimpinzato di materiali"[24] in cui i Baustelle hanno optato "per una formula esecutiva rischiosa", ma tenuta "prodigiosamente lontano dalla ridondanza"[24]. Anche XL di Repubblica sottolinea il coraggio di aver pubblicato un'opera che "rifugge da ogni stereotipo"[23] e fatta "in uguali parti di dolcezza e di tristezza"[23]. I portali Sentireascoltare e Storiadellamusica azzardano un paragone con la scrittura di Fabrizio De André: per il primo "il fantasma che appare è quello di un De André preciso (...) quello dei concept album: Storia di un impiegato e Tutti morimmo a stento"[10]; mentre per il secondo la vicinanza si intravede nel "virtuosismo verbale" utilizzato.[26] Molta importanza è stata data dalla critica al potere introspettivo del disco: a tal proposito, secondo il webzine Rockit, l'album "non descrive la tua quotidianità, il tuo vissuto (...), tocca comunque un buon numero di nervi scoperti: c'è la paura (...), c'è il vivere in due, e l'idea che uno dei due se ne andrà prima dell'altro".[27] Per Rockol Fantasma è un "progetto da valutare, la costruzione di un album fondamentalmente pop, ma concepito per restare, lontano anni luce da tanta musica usa e getta che caratterizza la nostra epoca."[25]. Discorso analogo per Onda Rock che scrive: "il potenziale immaginifico qui racchiuso è tutto da scoprire, celato in ogni brano e in ogni passaggio musicale così come in ogni strofa."[12]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2016 il disco è stato certificato disco d'oro dalla FIMI.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fantasma (Titoli Di Testa) – 2:03 (musica: F. Bianconi - C. Brasini)
  2. Nessuno – 5:45 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - R. Bastreghi - E. Bianconi)
  3. La morte (non esiste più) – 4:24 (F. Bianconi)
  4. Nessuno Muore – 0:13 (musica: E. Gabrielli)
  5. Diorama – 7:00 (F. Bianconi)
  6. Primo Principio Di Estinzione – 0:23 (musica: F. Bianconi - E. Gabrielli)
  7. Monumentale – 4:03 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - R. Bastreghi)
  8. Il Finale – 5:08 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - D. Palazzo - A. Maiorino)
  9. Fantasma (Intervallo) – 1:37 (musica: F. Bianconi - C. Brasini - E. Gabrielli - R. Bastreghi)
  10. Cristina – 5:34 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - R. Bastreghi - C. Brasini - D. Palazzo - A. Maiorino)
  11. Il Futuro – 5:20 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - C. Brasini)
  12. Secondo Principio Di Estinzione – 0:36 (musica: F. Bianconi - E. Gabrielli)
  13. Maya Colpisce Ancora – 4:42 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - D. Palazzo)
  14. L'Orizzonte Degli Eventi – 3:00 (testo: F. Bianconi – musica: R. Bastreghi)
  15. La natura – 3:51 (testo: F. Bianconi - R. Bastreghi – musica: R. Bastreghi - G. Mahler)
  16. Contà L'Inverni – 5:07 (testo: F. Bianconi – musica: C. Brasini)
  17. L'Estinzione Della Razza Umana – 4:46 (F. Bianconi)
  18. Radioattività – 5:59 (testo: F. Bianconi – musica: F. Bianconi - D. Palazzo)
  19. Fantasma (Titoli di coda) – 3:19 (musica: F. Bianconi - C. Brasini)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Posizione massima raggiunta[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Massima posizione raggiunta
Classifica italiana album FIMI 2[28]

Andamento nella classifica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Italia
Settimana 1[28] 2[29] 3[30] 4[31] 5[32] 6[33] 7[34] 8[35] 9[36] 10[37] 11[38] 12[39] 13[40] 14[41]
Posizione 2 7 15 21 22 33 33 35 45 56 63 72 93 87

Classifica di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Anno Paese Posizione
2013 Italia[42] 62

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti

The Film Harmony Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

(tutte eccetto 1)

  • Direttore: Wojciech Rodek
  • Concertmaster: Magorzata Kogut - Ślanda
  • Direttore artistico: Marcin Mirowski
  • Flauti: Jan Krzeszowiec, Ewa Mizerska
  • Oboe: Wokciech Merena, Aneta Kolendo
  • Clarinetti: Maciej Dobosz, Michał Siciński
  • Fagotti: Dariusz Bator, Bartosz Kwasecki
  • Corni: Mateusz Feliński, Jerzy Porębski
  • Trombe: Piotr Bugaj, Aleksander Zalewski, Justyna Maliczowska
  • Tromboni: Paweł Maliczowski, Mariusz Syrowatko, Marcin Wołowiec
  • Timpani: Jacek Wota
  • Arpa: Magdalena Czopka
Primi Violini
  • Małgorzata Kogut - Ślanda (Concertmaster - Solo)
  • Tomasz Kulisiewicz
  • Dorota Stawinoga
  • Wojciech Bolsewicz
  • Marta Sochal - Matuszyk
  • Alicja Iwanowicz
  • Krzysztof Iwanowicz
  • Magdalena Pikor
  • Dorota Pindur
  • Aleksandra Buczek
  • Zuzanna Dudzic
Secondi violini
  • Kamila Susłowicz
  • Tomasz Bolsewicz
  • Tymoteusz Rapak
  • Olga Kwiatek
  • Agata Francuz
  • Tomasz Mirowski
  • Dorota Żak
  • Paweł Kulczycki
  • Dorota Gawlikowska
Viole
  • Magdalena Gołemberska
  • Pawel Brzychcy
  • Anna Stagenalska
  • Marlena Grodzicka - Myślak
  • Michał Mazur
  • Piotr Chrupek
  • Ewa Hofman
Violoncelli
  • Bożena Papała (Solo)
  • Jacek Francuz
  • Maciej Miłaszewicz
  • Monika Łapka
  • Maciej Kłopocki
  • Beata Kołodziej
Contrabbassi
  • Mirosław Mały
  • Paweł Jabłczyński
  • Mariusz Dziundzio

Arrangiata da Enrico Gabrielli (tutte le tracce) e Francesco Bianconi (tracce 3,5,7,10,13,14,17,19)

Fondazione Cantiere Internazionale di Montepulciano[modifica | modifica wikitesto]

Corale Poliziana

(in 1,19)

  • Direttore: Judy Diodato
Soprani
  • Paola Bassi
  • Federica Caldesi
  • Elisabetta Canapini
  • Laura Crestini
  • Elisabetta Della Marta
  • Giulia Gambacciani
  • Chiara Giorgi
  • Concetta Leotta
  • Carol MacDonald
  • Edi Martorini
  • Daniela Mosca
  • Bianca Nocchi
  • Anna Lia Peruzzi
Contralti
  • Paola Bernardini
  • Simona Canapini
  • Monica Cortonesi
  • Giuliana Da Silva
  • Silvia Dragoni
  • Andreina Leita
  • Aurora Massoni
  • Ida Milesi
  • Patrizia Porreca
  • Maria Pia Rosignoli
  • Susanna Targioni
  • Virginia Vannuccini
Tenori
  • Woldemaro Abram
  • Carlo Crestini
  • Adolfo D'Avanzo
  • Alfonso Del Ciondolo
  • Monica Lippi
  • Luigi Pollio
Bassi
  • Stefano Bernardini
  • Franco Capitini
  • Giordano Casini
  • Alessandro Collini
  • Andrew Lugowsky
  • John MacDonald
  • Franco Maifrini
  • Quirino Marignetti
  • Raul Massai
  • Paolo Parissi
  • Alberto Quinti
  • Antonino Zagari
Coro delle voci bianche

(in 5)

  • Direttore: Alessio Tiezzi.
  • Voci bianche: Giacomo Zerillo, Leonardo Rossi, Aurora Ranieri, Jacopo Parissi, Andrea Ciacci, Leonardo Bove, Emma Bernardini (anche solista)

Arrangiata da Enrico Gabrielli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Certificazioni, fimi.it.
  2. ^ FANTASMA: esce oggi il nuovo album dei BAUSTELLE, su gibilterra.org, 29 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2013).
  3. ^ Note di copertina di Fanstama, Baustelle [booklet], Warner Atlantic, 5053105572526, CD, 2013.
  4. ^ Fulvio Paloscia, Baustelle, il ritorno a casa "A caccia dei suoni di Montepulciano", in La Repubblica (Firenze), 28 luglio 2012. URL consultato il 3 maggio 2014.
  5. ^ a b La copertina di Fantasma, su bauaffair.it, 20 dicembre 2012. URL consultato il 3 maggio 2014.
  6. ^ Baustelle, 'Fantasma': 'Disco impegnativo e faticoso, ma ne siamo soddisfatti', su Rockol.it, 22 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  7. ^ Silvia Tozzi, Intervista col malato, su loudvision.it, 23 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  8. ^ a b c d Bruno Ruffili, Tutti i fantasmi dei Baustelle, in La Stampa (Milano), 23 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  9. ^ Emanuele Rauco, I Baustelle Parlano di Morte e Assenza in un Disco che Profuma di Capolavoro, su fourzine.it, 4 febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  10. ^ a b c Giulia Cavaliere, Baustelle - Fantasma, su sentireascoltare.com, 30 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  11. ^ Ondarock, I Baustelle tornano con “Fantasma”. Tra complessità orchestrali e (poche) note pop, in Il Fatto Quotidiano, 30 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  12. ^ a b c Claudio Lancia, Baustelle - Fantasma :: Le recensioni di Onda Rock, 1º febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  13. ^ a b c d Luca Valtorta e Lorenza Biasi, Baustelle. Il vizio assurdo, la Repubblica XL, 19 febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  14. ^ Baustelle, in anteprima il video “Il Futuro”, dalla colonna sonora del nuovo film con Filippo Timi, su deejay.it. URL consultato il 3 maggio 2014.
  15. ^ Filmato audio Baustelle, "Nessuno": anteprima videoclip, la Repubblica, 5 giugno 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  16. ^ Premio Lunezia 2013 con Anna Oxa, Britti, Malika, Baustelle e…, Velvet Music, 17 luglio 2013.
  17. ^ Targhe Tenco 2013: I finalisti (PDF), Club Tenco, 17 settembre 2013. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  18. ^ Appino, Cesare BAsile, Niccolò Fabi e Mauro Giovanardi I vincitori delle Targhe Tenco 2013 La premiazione al Medimex di Bari l'8 dicembre (PDF), Club Tenco, 2 ottobre 2013. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2013).
  19. ^ Dalla puntata 4 di Storie di fantasmi, in onda su Radio 2 Rai il 24 gennaio 2013.
  20. ^ Dalla puntata 5 di Storie di fantasmi, in onda su Radio 2 Rai il 25 gennaio 2013.
  21. ^ Note di copertina di Fanstama, Baustelle [booklet], Warner Atlantic, 5053105572526, CD, 2013.

    «Ovvero Olivier Messiaen davanti a ufficiali e prigionieri nel campo di concentramento, un istante prima di eseguire "Quatuor pour la fin du temps".»

  22. ^ Maria Musso, Baustelle – Fantasma, su outsidersmusica.it, 31 gennaio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  23. ^ a b c Luca Valtorta, Un'orchestra contro gli stereotipi rock, in la Repubblica XL, nº 83, gennaio-febbraio 2013.
  24. ^ a b c Stefano Pistolini, Fantasma, in Rolling Stone Italia, 6 marzo 2013. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  25. ^ a b Daniela Calvi, FANTASMA - Baustelle - Recensione, su rockol.it, 7 febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  26. ^ a b Walter Bianco, Recensione: Baustelle - Fantasma, su storiadellamusica.it, febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  27. ^ a b Sandro Giorello, Baustelle - Recensione - Fantasma (Pop rock, Pop, Cantautore), su rockit.it, 24 febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2014.
  28. ^ a b Classifica settimanale dal 28/01/2013 al 03/02/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  29. ^ Classifica settimanale dal 04/02/2013 al 10/02/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  30. ^ Classifica settimanale dall'11/02/2013 al 17/02/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2014).
  31. ^ Classifica settimanale dal 18/02/2013 al 24/02/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014.
  32. ^ Classifica settimanale dal 25/02/2013 al 03/03/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  33. ^ Classifica settimanale dal 04/03/2013 al 10/03/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  34. ^ Classifica settimanale dall'11/03/2013 al 17/03/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2013).
  35. ^ Classifica settimanale dal 18/03/2013 al 24/03/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014.
  36. ^ Classifica settimanale dal 25/03/2013 al 31/03/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  37. ^ Classifica settimanale dal 01/04/2013 al 07/04/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  38. ^ Classifica settimanale dal 08/04/2013 al 14/04/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  39. ^ Classifica settimanale dal 15/04/2013 al 21/04/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  40. ^ Classifica settimanale dal 22/04/2013 al 28/04/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  41. ^ Classifica settimanale dal 29/04/2013 al 05/05/2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  42. ^ Classifiche Annuali 2013, FIMI.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock