Pescaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pescaglia
comune
Pescaglia – Stemma Pescaglia – Bandiera
Pescaglia – Veduta
Pescaglia (terziere Il Poggio)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Lucca-Stemma.png Lucca
Amministrazione
SindacoAndrea Bonfanti (lista civica Progetto Pescaglia) dal 26/06/2019
Territorio
Coordinate43°58′N 10°25′E / 43.966667°N 10.416667°E43.966667; 10.416667 (Pescaglia)Coordinate: 43°58′N 10°25′E / 43.966667°N 10.416667°E43.966667; 10.416667 (Pescaglia)
Altitudine504 m s.l.m.
Superficie70,55 km²
Abitanti3 460[1] (31-3-2018)
Densità49,04 ab./km²
FrazioniVedi elenco
Comuni confinantiBorgo a Mozzano, Camaiore, Fabbriche di Vergemoli, Lucca, Stazzema
Altre informazioni
Cod. postale55064
Prefisso0583
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT046022
Cod. catastaleG480
TargaLU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 695 GG[2]
Nome abitantiPescaglini
PatronoMadonna della Solca
Giorno festivo21 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pescaglia
Pescaglia
Pescaglia – Mappa
Posizione del comune di Pescaglia all'interno della provincia di Lucca
Sito istituzionale

Pescaglia è un comune italiano di 3.460 abitanti della provincia di Lucca (Media Valle del Serchio), in Toscana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Il toponimo Pescaglia è sicuramente di origine romana, anche se il suo significato primitivo è incerto: secondo alcuni deriverebbe da pascualia, riferendosi a una terra di pascoli, secondo altri al verbo piscare, per l'abbondanza di pescato nei torrenti della zona. In ogni caso il primitivo insediamento dovette nascere come "castrum" a presidio e controllo dei semper rebellantes Apuani. IL toponimo si trova citato per la prima volta in una pergamena dell'800, relativamente a un immobile nelle proprietà di San Pietro in Vaticano a Roma[3].

Nel medioevo il borgo, diviso in tre terzieri (Il Poggio, ovvero quello che oggi si indica come Pescaglia, Villabuona e Piazzanello), fu amministrato da signori locali, finché nel 1272 non fu conquistato da Lucca[4].

I lucchesi successivamente rifortificarono il borgo, facendone un avamposto contro i pericolosi vicini di Castelnuovo di Garfagnana. Il territorio, già interessato da un fiorire di pievi romaniche, vide un nuovo sviluppo così nel XVI secolo, quando si arricchì di chiese, palazzi e opere fortificate[3].

Nel corso del XVIII secolo si accentuò, come in altri piccoli centri della Toscana, il fenomeno della modernizzazione delle strutture religiose, che vide il rifacimento, con grande impegno per le comunità, di quasi tutte le chiese e chiesette della zona, per lo più di impianto romanico[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

San Martino in Freddana

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Monumento ai caduti

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 210 persone (87 maschi e 123 femmine). Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sulla popolazione totale residente erano:

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Pescaglia è attraversata da due strade di carattere provinciale. A sud, dalla SP1 Via Francigena, che collega Lucca con la Versilia e a nord dalla SP 32 Diecimo-Pescaglia-Pascoso, sulla quale sono svolte autocorse in servizio pubblico a cura di CTT Nord.

Comune con Diecimo, è inoltre presente una fermata ferroviaria, servita dalle corse effettuate da Trenitalia che percorrono la ferrovia Lucca-Aulla nell'ambito del contratto di servizio con la Regione Toscana. Nelle adiacenze della stessa è attivo il raccordo ferroviario con lo stabilimento Lucart, attivo nel settore cartiero.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1985 26 maggio 1990 Luigi Giovanni Carmazzi Democrazia Cristiana Sindaco [6]
19 giugno 1990 19 novembre 1990 Luigi Giovanni Carmazzi Democrazia Cristiana Sindaco [6]
22 dicembre 1990 24 aprile 1995 Lando Baldassari Democrazia Cristiana Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Lando Baldassari centro-destra Sindaco [6]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Lando Baldassari centro-destra Sindaco [6]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Fabiano Giannecchini centro-destra Sindaco [6]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Lando Baldassari lista civica: passione idee valori per Pescaglia Sindaco [6]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Andrea Bonfanti lista civica: Pescaglia cambia verso Sindaco [6]
26 maggio 2019 "in carica" Andrea Bonfanti lista civica: Progetto Pescaglia Sindaco [6]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è stata l'A.S.D. Pescaglia 2008 che militava nel girone C toscano di 2ª Categoria.

Tra le realtà amatoriali si distingue invece l'A.S.D. Valfreddana, squadra di Monsagrati, che da 10 stagioni consecutive milita nella 1ª Serie Dilettanti A.I.C.S. arrivando a vincere il campionato provinciale di categoria nell'anno 2019[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b Arcidiocesi di Lucca, su diocesilucca.it. URL consultato il 3 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  4. ^ a b Itinerari Lorenesi - Pescaglia Archiviato il 7 gennaio 2014 in Internet Archive.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  7. ^ www.aicslucca.com, http://www.aicslucca.com/news.php?id=654. URL consultato il 24 giugno 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150427966 · GND (DE4210654-0 · WorldCat Identities (EN150427966
Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana