Villa Collemandina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Collemandina
comune
Villa Collemandina – Stemma Villa Collemandina – Bandiera
Villa Collemandina – Veduta
Dal basso: Villa Collemandina, Canigiano e Corfino
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Lucca-Stemma.png Lucca
Amministrazione
SindacoFrancesco Pioli (lista civica Tradizione e futuro) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate44°10′N 10°24′E / 44.166667°N 10.4°E44.166667; 10.4 (Villa Collemandina)Coordinate: 44°10′N 10°24′E / 44.166667°N 10.4°E44.166667; 10.4 (Villa Collemandina)
Altitudine549 m s.l.m.
Superficie34,79 km²
Abitanti1 255[1] (31-8-2020)
Densità36,07 ab./km²
FrazioniCanigiano, Corfino, Magnano, Massa Sassorosso, Pianacci, Sassorosso
Comuni confinantiCastiglione di Garfagnana, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana, Sillano Giuncugnano, Villa Minozzo (RE)
Altre informazioni
Cod. postale55030
Prefisso0583
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT046035
Cod. catastaleL926
TargaLU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantivillesi
Patronosan Sisto e santa Margherita
Giorno festivo6 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa Collemandina
Villa Collemandina
Villa Collemandina – Mappa
Posizione del comune di Villa Collemandina all'interno della provincia di Lucca
Sito istituzionale

Villa Collemandina è un comune italiano di 1 255 abitanti della Garfagnana in provincia di Lucca, facente parte del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Villa Collemandina si trova nella zona della Garfagnana centrale, nell'alta valle del Serchio; dista dal capoluogo provinciale 59 km. Il territorio comunale occupa una superficie di 34,79 chilometri quadrati ed è caratterizzato da un paesaggio collinare nella parte sud e media ed alta montagna appenninica a nord; è attraversato da nord-est a sud da Il Fiume o torrente Corfino, affluente del fiume Serchio. La differenza altimetrica risulta compresa tra i 452 e i 1982 m s.l.m. di Monte Vecchio sul crinale appenninico, ciò fa si che il territorio sia ricco di castagneti alternati a coltivi e prati nella parte più bassa, mentre in altitudine troviamo faggete e boschi di conifere, fino alle praterie appenniniche di alta quota. Al centro del comune si trova il massiccio montuoso della Pania di Corfino (1603 m s.l.m.), che con il suo aspetto roccioso, domina su tutta la zona meridionale e buona parte della valle del Serchio. Il comune è formato da sette paesi: Villa Collemandina (capoluogo e sede comunale) e le frazioni di Canigiano, Corfino, Magnano, Massa Sassorosso, Pianacci, Sassorosso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio fu abitato da una società mista di Etruschi, e Liguri Apuani lungo le rotte di comunicazione verso il nord Italia fino alla conquista dei Romani nel 180 A.C. circa. Dalla fine del X secolo fu feudo dei Cunimondinghi a partire da Rodilando figlio di Cunimondo IV signore di Villa Collemandina e di Castelvecchio di Garfagnana.[2] Dal nome dei signori Cunimondinghi, derivò l’appellativo Collemandina o Collemandrina, con cui è qualificato tutt’oggi il paese.[2]

Durante il XIII secolo il paese fu dominato dalla famiglia dei De Nobili che nel 1265 cedettero il loro feudo al vicino comune di Castiglione di Garfagnana sotto l'influenza lucchese. Nel 1430 tutto il territorio passò sotto il dominio del Ducato Estense e vi rimase fino all'Unità d'Italia. Fra il 1803 e il 1806 ci fu la cosiddetta soppressione con relativa fusione dei piccoli comuni autonomi (al tempo corrispondenti a 4), formandosi così l'attuale comune di Villa Collemandina. Il giorno 7 settembre 1920 il capoluogo fu l'epicentro del terremoto che sconvolse tutta la Garfagnana (vedi Terremoto della Garfagnana e della Lunigiana del 1920), causando in paese 29 vittime. In questo tragico evento il vecchio paese medievale fu completamente raso al suolo e anche se negli anni immediatamente successivi fu ricostruito, ovviamente la distruzione provocata dal sisma, ne cambiò per sempre la sua fisionomia. Nel 1923 il comune, insieme a tutti gli altri comuni della Garfagnana, fu separato dalla provincia di Massa Carrara per entrare a far parte della provincia di Lucca.

Panorama da Corfino

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiali[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa dei Santi Sisto e Margherita

Oratori[modifica | modifica wikitesto]

  • Oratorio dei Santi Fabiano e Sebastiano (detto del Suffragio) a Corfino
  • Oratorio di Sant'Antonio da Padova in località Sulcina a Corfino
  • Oratorio di Santa Maria Maddalena in località Campaiana a Corfino
  • Oratorio della Madonna di Loreto a Magnano

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
15 giugno 1985 19 maggio 1990 Francesco Pioli lista civica Sindaco [4]
18 giugno 1990 24 aprile 1995 Francesco Pioli Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Francesco Pioli Partito Popolare Italiano Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Francesco Pioli centro Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Dorino Tamagnini lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Dorino Tamagnini lista civica Sindaco [4]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Dorino Tamagnini lista civica Tradizione e futuro Sindaco [4]
26 maggio 2019 in carica Francesco Pioli lista civica Tradizione e futuro Sindaco [4]

Famiglie nobili[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ a b Paolo Tomei, Milites elegantes. Le strutture aristocratiche nel territorio lucchese (800-1100 c.), Firenze, 2019.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  5. ^ De Nobili di Villa, sul'sito di Villa Collemandina.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana