Paul-Émile Janson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul-Émile Janson
Paul-EmileJanson.jpg

Primo ministro del Belgio
Durata mandato 24 novembre 1937 –
15 maggio 1938
Monarca Leopoldo III
Predecessore Paul Van Zeeland
Successore Paul-Henri Spaak

Dati generali
Partito politico Partito Liberale
Professione Avvocato
Professore universitario

Paul-Émile Janson (Bruxelles, 30 maggio 1872Campo di concentramento di Buchenwald, 3 marzo 1944) è stato un politico belga.

Esponente del Partito Liberale, è stato primo ministro del Belgio dal 24 novembre 1937 al 15 maggio 1938.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di professione avvocato, nel 1910 diventa membro della Camera dei rappresentanti. Dal 1935 al 1936 è stato senatore. Ha ricoperto diversi incarichi ministeriali: Difesa nazionale, Giustizia e Affari esteri.

È stato primo ministro del Belgio dal 24 novembre 1937 al 15 maggio 1938. È stato difficile formare il governo in un periodo politicamente instabile e un ambiente internazionale teso. Il governo ha creato i consigli culturali olandesi e francesi e ha introdotto un disegno di legge sull'uso delle lingue in campo militare.

Era lo zio del socialista Paul-Henri Spaak, che gli succedette come primo ministro. Era inoltre professore presso l'Università Libera di Bruxelles, il più grande anfiteatro porterà poi il suo nome.

Rifugiato nel sud della Francia nel 1940, viene arrestato dai tedeschi dopo l'invasione della zona sud. Deportato a Sachsenhausen e Buchenwald, muore lì nel 1944.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro del Belgio Successore State Coat of Arms of Belgium.svg
Paul Van Zeeland 24 novembre 1937 - 15 maggio 1938 Paul-Henri Spaak
Controllo di autorità VIAF: (EN280979089 · GND: (DE1058664808 · BNF: (FRcb102425664 (data)