Muscolo obliquo inferiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Muscolo obliquo inferiore
Eyemuscles.png
Muscolo dell'occhio. L'obliquo inferiore è indicato con il numero 8.
Gray888.png
Sezione sagittale della cavità orbitale destra
Anatomia del Gray (EN) Pagina 1023
Nome latino musculus obliquus inferior bulbi
Sistema Sistema muscolare
Origine osso mascellare
Inserzione sclera
Azioni rotation of the head on the neck
Arteria arteria oftalmica
Nervo oculomotore
Identificatori
TA A15.2.07.019
FMA 49040

Il muscolo obliquo inferiore è uno dei sei muscoli striati che consente il movimento del bulbo oculare[1].

Origine e inserzione[modifica | modifica wikitesto]

Origina dal pavimento dell'orbita nella sua parte antero-inferiore[2], a livello di una lieve depressione della faccia orbitale dell'osso mascellare subito al di sotto del sacco lacrimale, e si porta postero lateralmente ad avvolgere il bulbo oculare ed a fissarsi sul suo quadrante posteriore infero-esterno. Lungo il suo decorso passa al di sotto del muscolo retto inferiore e lungo questo tratto le guaine di questi due muscoli si uniscono formando il legamento sospensore di Lockwood.

Innervazione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo obliquo inferiore è innervato dal III paio dei nervi cranici (il nervo oculomotore)[2].

Vascolarizzazione[modifica | modifica wikitesto]

È vascolarizzato dall'arteria oftalmica e da un ramo dell'arteria infraorbitaria.

Azione[modifica | modifica wikitesto]

L'azione di questo muscolo consiste nello spostare il polo posteriore del bulbo oculare medialmente e verso il basso, permettendo così all'occhio di ruotare in alto e lateralmente (abduzione ed innalzamento con extrarotazione)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anastasi et al., Trattato di Anatomia Umana, volume III, Milano, Edi.Ermes, 2007, ISBN 978-88-7051-287-8
  • Massimo G. Bucci: Oftalmologia; Società Editrice Universo
  • Kahle, Leonhardt, Platzer: Anatomia Umana. Atlante Tascabile; Casa Editrice Ambrosiana
  • Balboni, Motta: Anatomia Umana; Edi-Ermes