Sacco lacrimale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sacco lacrimale
Gray896.png
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1028
Arteriaarteria angolare
Identificatori
TAA15.2.07.068
FMA20289
Apparato lacrimale

Il sacco lacrimale è un piccolo serbatoio a forma di bisaccia facente parte dell'apparato lacrimale.

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

Il sacco lacrimale è di forma ovale e misura dai 12 ai 15 mm di lunghezza. È situato nella parte più alta del condotto naso-lacrimale, un canale osseo, scavato nell'osso mascellare, attraverso il quale è connesso alla cavità nasale. Riceve lo sbocco nel canale lacrimale comune sulla sua parete esterna, mentre è chiuso superiormente a forma di cupola.

Il sacco è rivestito da epitelio colonnare contenente cellule mucipare caliciformi, e tessuto connettivo.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Il sacco lacrimale funge da serbatoio per le lacrime, all'occorrenza il sacco le spinge verso l'esterno con l'ausilio del muscolo orbicolare durante il battito delle palpebre. Il sacco lacrimale drena anche detriti e microbi dall'occhio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, Trattato di anatomia umana vol. 1, Edizioni Ermes, 2006.
  • Henry Gray, Gray's Anatomy, 20ª ed., 1918, p. 1028.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 43193