Muscolo temporale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Muscolo Temporale
Gray382.png
Il muscolo temporale; l'arcata zigomatica e il massetere sono stati rimossi.
Sistema Sistema muscolare
Inserzione Processo coronoideo della mandibola.
Muscolo antagonista Muscolo platisma
Nervo terzo ramo (nervo mandibolare) del nervo trigemino

Il muscolo temporale è uno dei muscoli masticatori. Esso è cioè coinvolto nei movimenti della masticazione e, più precisamente, ha la funzione di elevare la mandibola.

Origina dalla fossa temporale del cranio e dalla faccia mediale del processo zigomatico. Si inserisce con un robusto tendine al processo coronoideo mandibolare. È ricoperto dalla fascia temporale e viene innervato dal nervo trigemino.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Origina dalla fossa temporale e dalla parte profonda della fascia temporale. Passa medialmente all'arcata zigomatica e si inserisce sul processo coronoideo della mandibola.

Il muscolo temporale è coperto dalla fascia temporale, conosciuta anche con il nome di aponeurosi temporale.

Innervazione[modifica | modifica sorgente]

Come tutti quanti gli altri muscoli masticatori, il controllo del muscolo temporale proviene dal terzo ramo del nervo trigemino. In modo particolare, il muscolo temporale è innervato dai nervi temporali profondi.

Azioni[modifica | modifica sorgente]

La contrazione del muscolo temporale eleva la mandibola. Alcune fibre orizzontali della parte posteriore della mandibola ritraggono inoltre la mandibola stessa.

Palpazione[modifica | modifica sorgente]

Il muscolo può essere palpato se uno posiziona le sue dita sulle tempie (sulla parte laterale della testa, appena un po' a lato del sopracciglio), mentre chiude e schiude la bocca.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anastasi, Trattato di anatomia umana, Napoli, Edi. Ermes, 2006.

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]