Mino Taveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cosimo Taveri, meglio conosciuto come Mino Taveri (Brindisi, 21 settembre 1961), è un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nel 1979 come dj radiofonico presso Radio Canale 94 di Brindisi, emittente del gruppo SPER; lì inizierà anche la sua carriera giornalistica, che verrà approfondita nel settembre 1982 presso l'emittente televisiva regionale Puglia TV.

Si iscrive all'Albo dei Giornalisti nel 1985, quindi due anni dopo diventa il direttore responsabile dell'emittente radiofonica regionale Ciccio Riccio, ruolo che manterrà fino al 1998. Collabora dal 1987 al 1989 con il settimanale Commercio, Turismo e Servizi.

Viene assunto a Telelombardia nel 1987 come conduttore dei telegiornali dell'emittente, quindi diventa inviato per Qui Studio a Voi Stadio negli stadi di Milano, Parma, Bergamo e Cremona; è ideatore del programma Tiro Libero con in studio Flavio Tranquillo e Oscar Eleni ed il giocatore Francesco Anchisi.

In occasione dei Mondiali di Italia 90 conduce la trasmissione Milano 90 con collegamenti da tutti gli stadi italiani e ospiti in studio, quindi è ideatore ed inviato del programma Diretta Basket con collegamenti in diretta dal PalaTrussardi di Milano.

Diventa responsabile della redazione sportiva di Telelombardia, ideatore e realizzatore di diversi speciali tra cui John Lennon 10 anni dopo in occasione del decennale dell'assassinio di John Lennon con testimonianze di musicisti e personaggi dello sport, e l'approfondimento giornaliero GUERRA DEL GOLFO, giorno per giorno dedicato al conflitto bellico in Kuwait.

Nel 1991 viene assunto alla redazione sportiva della neonata Tele+2 come conduttore del magazine Sportime, del telegiornale sportivo Telesport e di Momenti di Sport, oltre che del settimanale Settimana Gol. È conduttore e inviato per +2 Sera sul campo principale del posticipo del Campionato di Serie A e curatore della rassegna stampa e delle notizie dell'ultim'ora durante Il processo di Biscardi oltre che conduttore del magazine La Fabbrica del Gol e del notiziario Tuttocalcio assieme a Fulvio Collovati.

Dalla stagione 1996/1997 diventa uno dei telecronisti del Campionato di Serie A di Telepiù calcio e nel settembre del 1997 è il conduttore fino a maggio 2003 di Zona, magazine bisettimanale nonché programma di punta di Tele+ che ha annoverato tra gli altri Josè Altafini, Gianluca Vialli, Hansi Muller, Marco Simone, Cesare Maldini e Walter Zenga; tale trasmissione riceverà il Victor-Eutelsat 1999 come "miglior magazine calcistico italiano" al Sat Expo 1999.

Con la fusione tra Tele+ e Stream TV viene cooptato nella redazione di SKY Sport, dove dal 2003 al 2005 conduce tutte le trasmissioni inerenti alla UEFA Champions League (trasmissioni pre e post partita e il magazine bisettimanale) al fianco di Paolo Rossi, Salvatore Bagni e Josè Altafini.

Nel 2005 approda alla redazione di Sport Mediaset dove è tuttora.

È stato uno dei conduttori di Studio Sport, di Guida al Campionato e di Domenica Stadio nelle stagioni 2004/2005 e 2005/2006. Inoltre ha condotto le trasmissioni pre e postpartita della UEFA Champions League (in onda sul digitale terrestre Mediaset Premium).

È un amante della vela, ha infatti partecipato a diverse edizioni della regata Brindisi-Corfù.[1]

Dal settembre 2007 dirige il mensile di pallacanestro "TreZeroCinque" in distribuzione nella provincia di Brindisi.

Oltre ad essere uno dei volti principali di Sport Mediaset, dal 26 agosto 2012 conduce il contenitore sportivo Sport Mediaset XXL, in onda ogni domenica dalle 13:00. Inoltre durante la stagione 2012-2013 ha condotto lo spazio dedicato ai pre e postpartita della UEFA Europa League sulle reti Mediaset. È inviato in Russia per i Mondiali 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brindisi-Corfù 2010: domani alle 14 partenza dal porto interno Archiviato il 31 gennaio 2011 in Internet Archive., ilnautilus.it
Controllo di autoritàVIAF (EN305357614 · ISNI (EN0000 0004 2016 3958 · SBN IT\ICCU\BRIV\181618
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie