Marty Holah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marty Holah
Dati biografici
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 184 cm
Peso 101 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea
Squadra Waikato
Carriera
Attività provinciale
1999-2007 Waikato 73 (40)
2011- Waikato 9 (0)
Attività di club¹
2001-2007 Chiefs 69 (10)
2007-2011 Ospreys 57 (10)
Attività da giocatore internazionale
2001-2006 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 36 (15)
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2003

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 7 marzo 2013

Martin Rowan "Marty" Holah (Hamilton, 14 settembre 1976) è un rugbista a 15 neozelandese, terza linea della formazione provinciale di Waikato in ITM Cup.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Holah è nato a Hamilton, nella regione di Waikato, e debuttò nel 1999 nel campionato provinciale neozelandese[1] in rappresentanza di tale regione.

Nel 2001 esordì anche nella relativa franchise in Super Rugby, gli Chiefs e in quello stesso anno disputò il suo primo test match per la Nuova Zelanda, a North Shore City contro Samoa. Prese successivamente parte alla Coppa del Mondo di rugby 2003 guadagnando il terzo posto finale, e fino al 2006 disputò 36 incontri negli All Blacks.

Nel 2007 si trasferì in Europa ai gallesi degli Ospreys[2], con i quali vinse nella sua prima stagione la coppa Anglo-Gallese; nei quattro anni in tale club vinse anche la Celtic League nel 2009-10.

Nel 2011, al termine del contratto, decise di tornare in Nuova Zelanda, ancora al Waikato[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Simon Roberts, Ospreys flanker Marty Holah excited by Waikato opportunity, in Western Mail, Cardiff, 19 aprile 2011. URL consultato il 13 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Giles Mole, Ospreys sign Marty Holah, in Daily Telegraph, 14 agosto 2007. URL consultato il 12 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]