Kees Meeuws

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kees Meeuws
Dati biografici
Nome Keith Junior Meeuws
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 181 cm
Peso 121 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Ritirato 2011
Carriera
Attività provinciale
1996 Auckland
1997-2001 Otago
2002-2004 Auckland
2009-2011 Otago 26 (10)
Attività di club¹
2004-2006 Castres 31 (45)
2006-2007 Agen 10 (0)
2007-2008 Castres 13 (0)
Attività in franchise
1997-2001 Highlanders 47 (5)
2002-2004 Blues 33 (35)
2008-2009 Scarlets 6 (0)
Attività da giocatore internazionale
1998-2004 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 42 (50)
Attività da allenatore
2012-2013 Highlanders All. avanti
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2003

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 6 novembre 2017

Keith Junior "Kees" Meeuws (pron. [ˈkeɪs ˈmjuːz]; Auckland, 26 luglio 1974) è un ex rugbista a 15 e allenatore di rugby a 15 neozelandese, a lungo pilone delle rappresentative provinciali di Auckland e di Otago.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di padre olandese emigrato in Nuova Zelanda e di madre māori[1], Meeuws crebbe ad Auckland, per la cui selezione esordì nel 1996 nel campionato provinciale nazionale.

Nella stagione successiva passò a Otago ed entrò nella franchise degli Highlanders[2]. Durante il Tri Nations 1998 esordì negli All Blacks a Sydney contro l'Australia, e prese parte un anno più tardi alla Coppa del Mondo di rugby 1999 in Galles dove la Nuova Zelanda giunse quarta.

Nel 2002 Meeuws tornò ad Auckland ed entrò nella franchise dei Blues[3]; con la squadra provinciale vinse il campionato nel 2002, mentre con la franchise si aggiudicò il Super 12 2003; dopo tale vittoria partecipò alla Coppa del Mondo di rugby 2003 in Australia, classificandosi al terzo posto finale, e nel 2004 disputò il suo ultimo incontro internazionale, contro il Sudafrica.

Alla fine dell'anno lasciò la Nuova Zelanda per essere ingaggiato dal Castres, in Francia; l'anno successivo divenne il capitano della squadra[4]; dopo una stagione ad Agen tornò a Castres per il campionato 2007-08, alla fine del quale firmò un contratto biennale con i gallesi Scarlets, formazione di Celtic League[5]. Dopo una sola stagione, tuttavia, nella quale non fu impiegato per diverso tempo a causa della rottura del tendine di Achille, Meeuws rescisse consensualmente il contratto per poter permettere alla famiglia di tornare in Nuova Zelanda, dove Otago aveva fatto un'offerta al giocatore[6].

Alla fine della ITM Cup 2011 smise di giocare[7] per diventare allenatore della mischia della prima squadra degli Highlanders in Super Rugby[2]; fu richiamato eccezionalmente in squadra nel prestagione del Super Rugby 2012, allorquando fu necessario un pilone di riserva per un incontro amichevole in quanto tutti gli specialisti del ruolo erano infortunati[7].

A fine stagione 2013 si ritirò anche dall'allenamento per continuare la sua carriera nel ramo immobiliare[8].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Meeuws on the loose and loving it, in The New Zealand Herald, 18 giugno 2004. URL consultato il 12 marzo 2013.
  2. ^ a b (EN) Rugby: Highlanders call up scrum coach Meeuws, in The New Zealand Herald, 16 febbraio 2012. URL consultato il 12 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Expectations lower for Auckland's youthful lineup, in The New Zealand Herald, 16 agosto 2002. URL consultato il 12 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Meeuws to captain Castres, in Asia Africa Intelligence Wire, 19 ottobre 2005. URL consultato il 12 marzo 2013.
  5. ^ (EN) All Black Meeuws joins Scarlets, in BBC, 18 maggio 2008. URL consultato il 12 marzo 2013.
  6. ^ (EN) All Black Meeuws leaves Scarlets, in BBC, 4 luglio 2009. URL consultato il 12 marzo 2013.
  7. ^ a b (EN) Highlanders call up scrum coach Meeuws, in The New Zealand Herald, 16 febbraio 2012. URL consultato il 13 novembre 2013.
  8. ^ (EN) Richard Knowler, Former test prop Kees Meeuws says easy games not doing All Blacks any favours, in Stuff, Fairfax Media, Ltd, 23 agosto 2017. URL consultato il 6 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN7122571 · LCCN: (ENno2005047605