Man Booker International Prize

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Man Booker International Prize è un premio letterario internazionale assegnato nel Regno Unito. È stato introdotto nel giugno 2004 per "integrare" il Man Booker Prize con un riconoscimento ad autori non appartenenti all'area anglofona (Commonwealth e pochi altri paesi).[1] Sponsorizzato da Man Group, dal 2005 al 2015 il premio è stato assegnato ogni due anni a un autore vivente di qualsiasi nazionalità per un corpus di lavori pubblicati in inglese o generalmente disponibili in traduzione inglese.[2] Ha premiato la "creatività continua, lo sviluppo e il contributo generale alla narrativa sul palcoscenico mondiale" di un autore,[3] ed è stato, all'inizio, un riconoscimento del corpus di opere dello scrittore piuttosto che di un particolare titolo.[2] I giudici ogni anno selezionano le proprie liste di autori e non ci sono inviti alla candidatura.[2]

Dal 2016, il premio è assegnato ogni anno a un singolo libro in traduzione inglese, con un premio di £ 50.000 per il titolo vincitore, condiviso equamente tra autore e traduttore.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il premio prima del 2016[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il Man Booker Prize era aperto solo a scrittori del Commonwealth, Irlanda e Zimbabwe, l'International Prize era aperto ad autori di qualsiasi nazionalità .[5] Il riconoscimento aveva un valore di £ 60 000 e un autore poteva essere premiato solo una volta.[3] Il Man Booker International assegnava inoltre un altro premio per le traduzioni. Il vincitore poteva scegliere un traduttore in lingua inglese di una sua opera per fargli avere un premio del valore di £ 15 000.[6]

Il vincitore dell'anno inaugurale fu lo scrittore albanese Ismail Kadare. È stato seguito dallo scrittore nigeriano Chinua Achebe nel 2007 e due anni dopo dalla scrittrice canadese Alice Munro. Nel 2011 il premio è stato assegnato all'americano Philip Roth. Lodando il suo giudizio concertato, il giornalista Hephzibah Anderson ha notato che il Man Booker International Prize stava "diventando rapidamente il premio più significativo, apparendo un'alternativa sempre più competente al Nobel".[7]

Il premio dopo il 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio 2015, la Booker Prize Foundation ha annunciato che dal 2016 il Man Booker International Prize avrebbe premiato annualmente un'opera tradotta. L'obiettivo era di incoraggiare la pubblicazione e la lettura di opere di qualità tradotte e di evidenziare il lavoro dei traduttori. Il premio viene ora assegnato annualmente a un libro tradotto in inglese con una somma di £ 50 000 da dividere in parti uguali tra autore e traduttore. Ogni autore e ogni traduttore della shortlist (i finalisti - 6 titoli) ricevono comunque una somma di £ 1 000 ciascuno. Questo fa si che il valore totale dei premi sia di £ 62 000 all'anno, mentre prima era di £ 37 500 (il premio, come detto, era biennale). I giudici compilano una longlist di 12 o 13 libri in marzo, seguita da una shortlist di sei opere in aprile e il vincitore viene annunciato solitamente in maggio.[8]

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Anno Nome Opera Traduttore Paese Lingua originale
2005 Ismail Kadare Albania Albanese
2007 Chinua Achebe n/a Nigeria Inglese
2009 Alice Munro n/a Canada Inglese
2011 Philip Roth n/a Stati Uniti Inglese
2013 Lydia Davis n/a Stati Uniti Inglese
2015 László Krasznahorkai George Szirtes e Ottilie Mulzet Ungheria Ungherese
2016 Han Kang The Vegetarian Deborah Smith Corea del Sud Coreano
2017 David Grossman A Horse Walks Into a Bar Jessica Cohen Israele Ebraico
2018 Olga Tokarczuk Flights Jennifer Croft Polonia Polacco

Finalisti dal 2016[modifica | modifica wikitesto]

Si riportano i titoli delle edizioni italiane delle opere vincitrici, quando pubblicate.

2016[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore
The Vegetarian di Han Kang (Corea del Sud)

Shortlist:

Longlist:

2017[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore
A Horse Walks Into a Bar di David Grossman (Israele)

Shortlist:

Longlist:

2018[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore
Flights di Olga Tokarczuk (Polonia)

Shortlist:

Longlist:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Readers debate world Booker prize, BBC News, 20 dicembre 2004. URL consultato il 22 maggio 2011.
  2. ^ a b c Simon Crerar, Alice Munro announced as Man Booker International Prize winner, in The Times, 27 maggio 2009. URL consultato il 22 maggio 2011.
  3. ^ a b Spark heads world Booker nominees, BBC News, 18 febbraio 2005. URL consultato il 22 maggio 2011.
  4. ^ Sarah Shaffi, 'Reconfiguration' of Man Booker International Prize, in The Bookseller, 7 luglio 2015. URL consultato l'8 luglio 2015.
  5. ^ Atwood on World Booker shortlist, BBC News, 12 aprile 2007. URL consultato il 22 maggio 2011.
  6. ^ Carmen Callil, Why I quit the Man Booker International panel, in The Guardian, 21 maggio 2011. URL consultato il 21 maggio 2011.
  7. ^ Hephzibah Anderson, Alice Munro: The mistress of all she surveys, in The Guardian, 31 maggio 2009. URL consultato il 28 maggio 2012.
  8. ^ Evolution of the Man Booker International Prize announced | The Man Booker Prizes, su themanbookerprize.com. URL consultato il 18 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Premi letterari Portale Premi letterari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di premi letterari