Mathias Énard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mathias Énard

Mathias Énard (Niort, 11 gennaio 1972) è uno scrittore e traduttore francese.

È il vincitore del premio Goncourt 2015 con il romanzo Boussole[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mathias Énard, dopo essersi formato in storia dell'arte all'École du Louvre, studia arabo e persiano all'INALCO. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente, nel 2000 si stabilisce a Barcellona, dove collabora a diverse riviste culturali e traduce due opere, una dal persiano e l'altra dall'arabo. Fa altresì parte del comitato di redazione della rivista Inculte a Parigi e, nel 2010, insegna l'arabo all'università autonoma di Barcellona[2].

Pubblica nel 2010 un breve racconto, Parle-leur de batailles, de rois et d'éléphants, su un episodio probabilmente fittizio della vita di Michelangelo, un viaggio a Costantinopoli, dove sbarca il 13 maggio 1506, invitato dal sultano Bayezid II . Lo scopo di questo breve testo narrativo è quello di mostrare la Costantinopoli tollerante ed europea, che aveva saputo accogliere gli ebrei cacciati dalla Spagna dai re cattolici.

Nel 2015,si è visto assegnare il premio Goncourt per il romanzo Boussole che parla della visione dell'Oriente da parte dell'Occidente. Boussole è la vicenda di un musicologo che vive barricato nel proprio appartamento viennese. Un giorno l'uomo viene a sapere di essere gravemente malato. Durante la notte, insonne, rivive i giorni trascorsi in Siria, a Palmira e Aleppo, e l'amore per una collega orientalista francese, Sarah.

Il 17 giugno 2017, Mathias Énard vince il Premio Gregor Von Rezzori per la narrativa con il romanzo Bussola (Boussole)[3] e l'anno successivo viene insignito del Premio letterario Konrad-Adenauer-Stiftung[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La perfezione del tiro (La Perfection du tir, Actes Sud, Arles, 2003; rééd. Babel, Actes Sud, n°903, 2008), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana Dal mondo - Francia, Roma, E/o, 2018, ISBN 978-88-335-7001-3.
  • (FR) Remonter l’Orénoque, Arles, Actes Sud, 2005.
  • Breviario per aspiranti terroristi (Bréviaire des artificiers, Éditions Verticales/Gallimard, 2007), traduzione di Alice Volpi, illustrazioni di Pierre Marquès, Collana Gog n. 5, Milano, Nutrimenti, 2009, ISBN 978-88-95842-36-3.
  • Zona (Zone, Actes Sud, 2008; rééd. Babel, Actes Sud, n° 1020, 2010), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana La Scala, Milano, Rizzoli, 2011, ISBN 978-88-17-04216-1.
  • Parlami di battaglie, di re e di elefanti (Parle-leur de batailles, de rois et d'éléphants, Actes Sud, 2010; rééd. Babel, Actes Sud, n° 1153, 2013), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana La Scala, Milano, Rizzoli, 2013, ISBN 978-88-17-06357-9.
  • L'alcol e la nostalgia (L'Alcool et la Nostalgie, Éditions Inculte, 2011; rééd. Babel, Actes Sud, n° 1111, 2012), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana Assolo, Roma, E/o, 2017, ISBN 978-88-6632-892-6.
  • Via dei ladri (Rue des voleurs, Actes Sud, 2012), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana La Scala, Milano, Rizzoli, 2014, ISBN 978-88-17-07215-1.
  • (FR) Tout sera oublié, illustrazioni di Pierre Marquès, Actes Sud, 2013, ISBN 978-2-330-01808-5.
  • Bussola (Boussole, Actes Sud, 2015), traduzione di Yasmina Mélaouah, Collana Dal mondo - Francia, Roma, E/o, 2016, ISBN 978-88-6632-791-2.
  • Ultimo discorso alla Società proustiana di Barcellona (Dernière communication à la société proustienne de Barcelone, Éditions Inculte, 2016), traduzione di Lorenzo Alunni, Francesco Targhetta, Collana Assolo, Roma, E/o, 2020, ISBN 978-88-335-7219-2.
  • (FR) Désir pour désir, RMN, 2018, ISBN 978-2711870981.

Adattamenti cinematografici delle sue opere[modifica | modifica wikitesto]

  • À cœur ouvert, film francese di Marion Laine, 2012, adattato dal romanzo Remonter l'Orénoque (2005).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Le Goncourt 2015 remis à Mathias Enard !, su Le Point. URL consultato il 3 novembre 2015.
  2. ^ Notice d'autorité de la BnF, su catalogue.bnf.fr.
  3. ^ Gaia Rau, Festival degli scrittori, Mathias Énard vince il Premio von Rezzori, su firenze.repubblica.it, 19 giugno 2017. URL consultato il 19 maggio 2020.
  4. ^ (DE) Mathias Énard erhielt Adenauer-Literaturpreis, su wn.de, 6 maggio 2018. URL consultato il 19 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12532729 · ISNI (EN0000 0001 1560 2459 · LCCN (ENnr2004009865 · GND (DE13652236X · BNF (FRcb14483324m (data) · BNE (ESXX1700143 (data) · NLA (EN52103443 · NDL (ENJA001120548 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2004009865