Anne Wiazemsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anne Wiazemsky nel film Il seme dell'uomo (1969)

Anne Wiazemsky (Berlino, 14 maggio 1947Parigi, 5 ottobre 2017) è stata un'attrice, scrittrice e regista francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anne Wiazemsky nasce da Claire Mauriac (1917-1992), a propria volta figlia di François Mauriac, e da Yvan Wiazemsky (1915-1962), diplomatico d'origine aristocratica russa (appartenente alla famiglia dei principi omonimi), emigrato in Francia dopo la rivoluzione del 1917. A quel tempo i genitori abitano a Berlino, poi vanno a Roma (dove nel 1949 nasce il fratello di Anne, Pierre Wiazemsky, illustratore noto con lo pseudonimo di Wiaz), a Montevideo, Ginevra e Caracas, prima di rientrare in Francia nel 1961.

Debutta al cinema nel 1966 con il ruolo da protagonista in Au hasard Balthazar, diretto da Robert Bresson. L'anno successivo interpreta La cinese di Jean-Luc Godard e quello stesso anno sposa il regista, diventandone attrice-feticcio e moglie per dodici anni, fino al divorzio nel 1979. Lavora con il marito in Week-end - Un uomo e una donna da sabato a domenica, Vento dell'est, Vladimir et Rosa e Crepa padrone, tutto va bene.

Alla fine degli anni sessanta lavora anche con importanti autori italiani, come Pier Paolo Pasolini (Teorema e Porcile), Marco Ferreri (Il seme dell'uomo) e Carmelo Bene (Capricci).

Negli anni ottanta dirada la sua attività cinematografica e dal 1988, con la pubblicazione della raccolta di racconti Des filles bien élevées, intraprende con successo la carriera di scrittrice, vincendo il Prix Goncourt des lycéens per Canines (1993) e il Grand Prix du roman de l'Académie française per Il canto delle rane a Bajgora (Une poignées de gens) (1998). Le sue opere sono state fonte d'ispirazione per il cinema: da Hymnes à l'amour (1996) è stato tratto nel 2003 il film Toutes ces belles promesses di Jean-Paul Civeyrac, da Je m'appelle Elizabeth (2004) l'omonimo film diretto da Jean-Pierre Améris nel 2006 e da Un an après il film Il mio Godard (Le Redoutable) di Michel Hazanavicius nel 2015.

È deceduta il 5 ottobre 2017 in un ospedale di Parigi in seguito a un cancro.[1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Mon beau navire, Paris: Gallimard, 1989
  • Marimé, Paris: Gallimard, 1991
  • Canines, Paris: Gallimard, 1993
  • Hymnes à l'amour, Paris: Gallimard, 1996
  • Une poignées de gens, 1998; trad. di Romana Petri, Il canto delle rane a Bajgora, Milano: Piemme, 2000. ISBN 88-384-4699-7
  • Aux quatre coins du monde, Paris: Gallimard, 2001
  • Sept garçons, Paris: Gallimard, 2002
  • Je m'appelle Élisabeth, Paris: Gallimard, 2004
  • Jeune fille, Paris: Gallimard, 2007
  • Mon enfant de Berlin, 2009, trad. di Cinzia Poli, La ragazza di Berlino, Roma: e/o, 2010. ISBN 978-88-76419-17-1
  • Un année studieuse, 2012, trad. di Silvia Manfredo, Un anno cruciale Roma: e/o, 2013. ISBN 978-88-6632-249-8
  • Un an après, Paris: Gallimard, 2015
  • Un saint homme, Paris: Gallimard, 2017

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Des filles bien élevées, Paris: Gallimard, 1988 (racconti)[2]
  • Album de famille, Paris: Éd. du May, 1992 (fotografie)
  • Conversation avec Bernardo Bertolucci, in "Nouvelle Revue Française", 520, maggio 1996
  • Conversation avec Olivier Assayas, in "Nouvelle Revue Française", 532, maggio 1997
  • Prefazione a Gajto Gazdanov, Dernier voyage, Paris: Mercure de France, 1999
  • Les Cafés, Paris: Plume, 2000
  • Venise, Paris: Éd. du Chêne, 2001 (con fotografie di Jean-Noël de Soye)
  • Les Visiteurs du soir, Paris: Desclée de Brouwer, 2003 (con disegni di Stanislas Bouvier) (racconto per bambini)
  • Sales chats, Paris: La Martinière, 2007 (con illustrazioni di Nicolas Vial)
  • Adolphe di Benjamin Constant lu par Anne Wiazemsky, Paris: Éd. des Femmes, 2007 (registrazione su 3 cd, durata: 165')
  • Photographies, Paris: Gallimard, 2012 (con Gabriel Bauret)
  • Nos maisons de famille, Paris: La Martinière, 2012 (con fotografie di Pascaline Marre)
  • Prefazione a Maurice Genevoix, Rroû, Paris: La Table Ronde, 2016

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anne Wiazemsky in Teorema (1968)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo.
  2. ^ Contiene: Pour tes dix ans, Anna - Dernière soirée avant la rentrée des classes - Rencontre avec Fanou - Au gré du vent - Eddy - L'île. L'ultimo è pubblicato anche a sé, Paris: Gallimard, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85517251 · ISNI (EN0000 0001 0921 6850 · SBN IT\ICCU\MILV\154338 · LCCN (ENn92094666 · GND (DE119496976 · BNF (FRcb12064566z (data)