David Foenkinos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Foenkinos

David Foenkinos (Parigi, 28 ottobre 1974) è uno scrittore, regista sceneggiatore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parigi nel 1974[1], è tradotto in più di quindici lingue[2].

Dopo gli studi alla Sorbona[3], ha esordito come narratore nel 2001 e da allora ha pubblicato 16 libri tra romanzi, biografie (una su John Lennon) e narrativa per l'infanzia.

Autore molto apprezzato in patria, ha ricevuto nel 2004 il Prix Roger-Nimier per Le Potentiel érotique de ma femme[4] e il Premio Renaudot nel 2014 per il romanzo Charlotte[5].

Nel 2011 ha curato assieme al fratello Stéphane la trasposizione cinematografica del suo romanzo La delicatezza[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Inversion de l'idiotie : de l'influence de deux Polonais (2001)
  • Entre les oreilles (2002)
  • Le Potentiel érotique de ma femme (2004)
  • En cas de bonheur (2005)
  • Les Cœurs autonomes (2006)
  • Qui se souvient de David Foenkinos ? (2007)
  • Le nostre separazioni (Nos séparations) (2008), Roma, E/O, 2012 ISBN 978-88-6632-130-9
  • La delicatezza (La délicatesse) (2009), Roma, E/O, 2010 ISBN 978-88-7641-924-9
  • Bernard (2010)
  • Imagine. Io, John Lennon (Lennon) (2010), Roma, Gremese, 2013 ISBN 978-88-8440-785-6 - Nuova ed. Milano, Edizioni BD Rock, 2016 ISBN 978-88-6883-605-4
  • L'eroe quotidiano (Les souvenirs) (2011), Roma, E/O, 2013 ISBN 978-88-6632-251-1
  • Le petit garçon qui disait toujours non (2011)
  • Mi è passato il mal di schiena (Je vais mieux) (2012), Roma, E/O, 2014 ISBN 978-88-6632-457-7
  • Il salice piangente che sorrideva con Soledad Bravi (Le saule pleureur de bonne humeur) (2012), Milano, Rizzoli, 2013 ISBN 978-88-17-06382-1
  • Charlotte (2014), Milano, Mondadori, 2015 ISBN 978-88-04-65168-0
  • Il mistero Henri Pick (Le Mystère Henri Pick) (2016), Milano, Mondadori, 2017 978-88-04-67628-7

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo dello scrittore, su librimondadori.it. URL consultato il 30 settembre 2017.
  2. ^ Scheda dell'autore, su edizionieo.it. URL consultato il 30 settembre 2017.
  3. ^ La biografia di Foenkinos David, su wuz.it. URL consultato il 30 settembre 2017.
  4. ^ Prix Roger Nimier, su prix-litteraires.net. URL consultato il 30 settembre 2017.
  5. ^ Prix Renaudot: David Foenkinos récompensé pour « Charlotte », su lemonde.fr. URL consultato il 30 settembre 2017.
  6. ^ Scheda del film, su imdb.com. URL consultato il 30 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87834470 · ISNI: (EN0000 0001 0922 4180 · LCCN: (ENnr2003002443 · GND: (DE130325023 · BNF: (FRcb137729633 (data) · NLA: (EN41123667