Nana Ekvtimishvili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nana Ekvtimishvili nel 2014

Nana Ekvtimishvili (in georgiano: ნანა ექვთიმიშვილი?; Tbilisi, 9 luglio 1978) è una regista cinematografica, sceneggiatrice e produttrice cinematografica georgiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia filosofia all'Università statale di Tbilisi quindi si trasferisce in Germania dove studia sceneggiatura e drammaturgia all'Accademia di Cinema e Televisione (HFF) di Babelsberg.

I suoi primi racconti sono pubblicati nel 1999 nella rivista georgiana Arili.

Nel 2007, collaborando alla sceneggiatura del film Fata Morgana, dà avvio alla sua collaborazione artistica con il regista e sceneggiatore tedesco Simon Groß.

Nel 2008 firma il primo cortometraggio, The Lost Mainland, e tre anni più tardi il secondo, Waiting for Mum che la fa notare a livello internazionale.

Nel 2012 fonda con Simon Groß la casa di produzione Polare Film, che l'anno successivo realizza In Bloom (Grzeli nateli dgeebi), diretto da loro stessi e selezionato per far parte della sezione "Forum" della Berlinale.[1] Il film, basato sull'infanzia di Nana, ha numerosi riconoscimenti e ottiene una buona distribuzione internazionale.

My Happy Family (Chemi Bednieri Ojakhi), nel 2017, è in concorso al Sundance Film Festival e selezionato nella sezione "Forum" della Berlinale.

Nel 2015 ha pubblicato anche un romanzo in georgiano მსხლების მინდორი ("Campo di pere"), successivamente tradotto in tedesco e pubblicato anche in Germania col titolo Das Birnenfeld.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

  • The Lost Mainland - cortometraggio (2008)
  • Waiting for Mum - cortometraggio (2011)
  • In Bloom (Grzeli nateli dgeebi), codiretto con Simon Groß (2013)
  • My Happy Family (Chemi Bednieri Ojakhi), codiretto con Simon Groß (2017)

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Grzeli nateli dgeebi, su berlinale.de. URL consultato il 27-8-2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107294020 · ISNI (EN0000 0004 4715 3362 · LCCN (ENno2015049154 · GND (DE1061469190 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015049154