Judith Schalansky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Judith Schalansky

Judith Schalansky (Greifswald, 20 settembre 1980) è una scrittrice tedesca, designer, tiene corsi di tipografia. Nel 2006 ha pubblicato un compendio tipografico, Fraktur mon amour, dedicandosi successivamente anche a opere letterarie. Nel 2020 ha vinto il Premio Strega Europeo con il libro "Inventario di alcune cose perdute"[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Artista e scrittrice, laureata in Storia dell'Arte e in Communication Design, insegna tipografia al Potsdam Technical Institute dal 2008[2]. Il suo primo libro è un saggio sui caratteri gotici (Fraktur mon Amour, 2008) che ha vinto diversi premi dedicati al design. Lo splendore casuale delle meduse, la sua prima opera di narrativa, edita in Italia da Nottetempo vince il Premio Stiftung per il libro tedesco più bello dell'anno, mentre la traduzione italiana vince il Premio Salerno libro d'Europa, riservato alla narrativa europea under 40.[3][4] Anche la sua opera successiva, Atlante delle isole remote, che descrive 50 isole non segnalate su Google Earth e talvolta neanche nelle cartografie ufficiali[5] riproducendole in scala 1:125.000, ed edito in Italia da Bompiani, vince nel 2012 il Premio Stiftung per il libro tedesco più bello dell'anno, e il Premio per il design della Repubblica Federale di Germania (argento).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La cinquina del Premio Strega Europeo 2021, su ansa.it, 15 settembre 2021. URL consultato il 16 settembre 2021.
  2. ^ BIOGRAFIE DEI VINCITORI DEL PREMIO SALERNO LIBRO D’EUROPA, su salernoletteratura.com (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  3. ^ Come funziona il Premio Salerno Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  4. ^ I finalisti al Superpremio 2013, su salernoletteratura.com. URL consultato il 24 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  5. ^ La Stampa libri

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74186916 · ISNI (EN0000 0000 4222 4281 · Europeana agent/base/144569 · LCCN (ENn2008032137 · GND (DE131647679 · BNE (ESXX5317580 (data) · BNF (FRcb15867558v (data) · J9U (ENHE987007336936005171 · NDL (ENJA001229674 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008032137