Love Songs (Elton John)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Love Songs
ArtistaElton John
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione6 novembre 1995 (UK)
24 settembre 1996 (USA)
Durata70:50
Dischi1 (CD), 2 (LP)
Tracce15 (USA), 17 (UK)
GenereRock
Pop
EtichettaRocket Records, MCA Records (Stati Uniti)
ProduttoreGus Dudgeon, Chris Thomas
Registrazione1969 - 1996
Noten. 24 Stati Uniti
n. 4 Regno Unito
n. 2 Italia
Certificazioni
Dischi d'oroBelgio Belgio[1]
(vendite: 25 000+)
Giappone Giappone[2]
(vendite: 100 000+)
Polonia Polonia[3]
(vendite: 50 000+)
Svezia Svezia[4]
(vendite: 50 000+)
Ungheria Ungheria[5]
(vendite: 10 000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina (2)[6]
(vendite: 120 000+)
Australia Australia (3)[7]
(vendite: 210 000+)
Austria Austria[8]
(vendite: 50 000+)
Canada Canada (2)[9]
(vendite: 200 000+)
Europa Europa (5)[10]
(vendite: 5 000 000+)
Finlandia Finlandia[11]
(vendite: 63 250[12])
Francia Francia (2)[13]
(vendite: 600 000+)
Germania Germania[14]
(vendite: 500 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[15]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[16]
(vendite: 900 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[17]
(vendite: 3 000 000+)
Svizzera Svizzera (2)[18]
(vendite: 100 000+)
Elton John - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1997)

Love Songs è una famosa raccolta dell'artista britannico Elton John, distribuita il 6 novembre 1995 (in CD e doppio LP) dalla Rocket Records nel Regno Unito.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

In un certo senso, potrebbe essere considerata come un Greatest Hits non ufficiale. Contiene infatti alcuni dei più grandi successi della carriera di Elton, tutti accomunati dal fatto di essere dei brani lenti (il titolo, infatti, vuol dire Canzoni D'Amore). La versione statunitense presenta una moltitudine di brani degli anni Novanta (basti citare The One, Sacrifice e Can You Feel the Love Tonight), inclusi due singoli provenienti da Made in England del 1995 (Believe e Blessed). Ci sono anche due canzoni eseguite live: Candle in the Wind e Don't Let the Sun Go Down on Me (quest'ultima eseguita in duetto con George Michael). I brani You Can Make History (Young Again) e No Valentines furono registrati appositamente per questa versione.

In Gran Bretagna, Love Songs presentava tracce differenti; oltre ad escludere i due nuovi brani, includeva I Guess That's Why They Call It the Blues, Nikita, True Love (cantata in duetto con Kiki Dee), Please, Song for Guy e la versione in studio di Candle in the Wind.

In seguito furono distribuiti ufficialmente i videoclip di molti brani (alcuni eseguiti live), inizialmente in VHS, laserdisc e Video CD (quest'ultimo formato non prevedeva i videoclip di True Love, Please e della versione live di Someone Saved My Life Tonight) e poi in DVD.

Negli Stati Uniti l'album Love Songs è pubblicato dalla MCA Records quasi un anno dopo la release britannica.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani sono stati composti da Elton John e Bernie Taupin, salvo dove indicato diversamente.

Versione USA[modifica | modifica wikitesto]

  1. Can You Feel the Love Tonight (John, Rice)
  2. The One
  3. Sacrifice
  4. Daniel
  5. Someone Saved My Life Tonight
  6. Your Song
  7. Don't Let the Sun Go Down on Me (live, duetto con George Michael)
  8. Believe
  9. Blue Eyes (John, Osborne)
  10. Sorry Seems to Be the Hardest Word
  11. Blessed
  12. Candle in the Wind (live)
  13. You Can Make History (Young Again)
  14. No Valentines
  15. Circle of Life (John, Rice)

Versione UK[modifica | modifica wikitesto]

  1. Sacrifice
  2. Candle in the Wind
  3. I Guess That's Why They Call It the Blues
  4. Don't Let the Sun Go Down on Me (live, duetto con George Michael)
  5. Sorry Seems to Be the Hardest Word
  6. Blue Eyes (John, Osborne)
  7. Daniel
  8. Nikita
  9. Your Song
  10. The One
  11. Someone Saved My Life Tonight
  12. True Love (duetto con Kiki Dee)
  13. Can You Feel the Love Tonight (John, Rice)
  14. Circle of Life (John, Rice)
  15. Blessed
  16. Please
  17. Song for Guy (John)

I videoclip (VHS/laserdisc/VCD/DVD)[modifica | modifica wikitesto]

Love Songs
ArtistaElton John
Tipo albumVideo compilation
Pubblicazione1995
Durata86:00
Dischi1
Tracce18
GenerePop
Pop rock
EtichettaPolygram CFR (VHS, laserdisc, VCD), Rocket Records (DVD)
Registrazione1969 - 1995
FormatiVHS, laserdisc, VCD, DVD (2000)
Elton John - cronologia
Album video precedente
(1993)
Album video successivo
(1997)
Elton John - cronologia
  1. Sacrifice
  2. Candle in the Wind
  3. I Guess That's Why They Call It the Blues
  4. Don't Let the Sun Go Down on Me (live, duetto con George Michael)
  5. Sorry Seems to Be the Hardest Word
  6. Blue Eyes
  7. Daniel
  8. Nikita
  9. Your Song
  10. The One
  11. Someone Saved My Life Tonight (non in VCD)
  12. True Love (duetto con Kiki Dee, non in VCD)
  13. Can You Feel the Love Tonight (John, Rice)
  14. Circle of Life (John, Rice)
  15. Blessed
  16. Please (non in VCD)
  17. Song for Guy (John)
  18. Believe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Goud en Platina - 1995, Ultratop. URL consultato il 10 aprile 2016.
  2. ^ (JA) ゴールドディスク認定 - 一般社団法人 日本レコード協会, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 10 aprile 2016.
  3. ^ (PL) Przyznane w 1997 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 10 aprile 2016.
  4. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  5. ^ (HU) Adatbázis › Arany- és platinalemezek › 2000, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 10 aprile 2016.
  6. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  7. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1997 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 aprile 2016.
  8. ^ (DE) Elton John, Love Songs – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 10 aprile 2016.
  9. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 10 aprile 2016.
  10. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 1999, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2013).
  11. ^ (FI) Kultalevyjen myöntämisrajat, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  12. ^ (FI) Elton John, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  13. ^ (FR) Les Certifications, Infodisc.fr. URL consultato il 10 aprile 2016. Selezionare "Elton JOHN" e premere "OK".
  14. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 10 aprile 2016.
  15. ^ (NL) Goud/Platina, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 10 aprile 2016.
  16. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 10 aprile 2016.
  17. ^ (EN) Elton John, Love Songs – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 10 aprile 2016.
  18. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 10 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica