Candle in the Wind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la versione dedicata a Lady Diana, vedi Candle in the Wind 1997.
Candle in the Wind
ArtistaElton John
Tipo albumSingolo
Pubblicazione4 febbraio 1974
Durata3:39
Album di provenienzaGoodbye Yellow Brick Road
GenerePop rock
Pop
EtichettaDJM Records
MCA Records
ProduttoreGus Dudgeon
Registrazione1973
FormatiCD
Elton John - cronologia
Singolo precedente
(1973)
Singolo successivo
(1974)

Candle in the Wind è un brano pop rock, con musica di Elton John e testo di Bernie Taupin. Fu scritta nel 1973 prendendo come spunto Marilyn Monroe per descrivere l'eventualità della morte prematura all'apice di una carriera artistica, ma il successo maggiore si è avuto con il riadattamento per Lady Diana Spencer, nel 1997, che la trasformò nel singolo più venduto di tutti i tempi[1][2][3].

Versione originale[modifica | modifica wikitesto]

« Goodbye Norma Jean
Though I never knew you at all.. »

La versione originale è presente nell'album doppio del 1973 Goodbye Yellow Brick Road, uno dei maggiori successi di Elton, sia artistici che commerciali. Il testo della canzone ha come spunto un ritratto disincantato della vita di Marilyn Monroe (Norma Jean Baker era infatti il suo vero nome). La canzone fu pubblicata anche come singolo e si posizionò all'undicesimo posto delle classifiche dei dischi venduti nel Regno Unito nel 1974.
Questa versione è al 347º posto della lista redatta dalla rivista Rolling Stone delle 500 canzoni più grandi di tutti i tempi ed è sicuramente uno dei classici di Elton.

Il 7 aprile 1990 Elton dedicò il brano a Ryan White, un ragazzo malato di AIDS che morirà il giorno successivo a causa di complicazioni[4].

Candle in the Wind
ArtistaElton John
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1987
Durata3:35
Album di provenienzaLive in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra
GenereBallata
EtichettaRocket Records
MCA Records (Stati Uniti e Canada)
Festival Records, Australian Broadcasting Corporation, Warner Bros. Records (Australasia e Oceano Pacifico)
ProduttoreGus Dudgeon
Registrazione1986
Formati45 giri
Elton John - cronologia
Singolo precedente
(1987)

Versione live del 1987[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 il brano venne nuovamente realizzato come singolo, in una versione dal vivo estratta dall'album Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra; Elton era vestito da Wolfgang Amadeus Mozart con tanto di parrucca incipriata e fu seguito in diretta da oltre dieci milioni di telespettatori[5]. Questa nuova versione raggiunse la Top10 negli USA e nel Regno Unito.

Riadattamento del 1997[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Candle in the Wind 1997.

« Goodbye England's rose
May you ever grow in our hearts.. »

Candle in the Wind 1997 o Goodbye England's Rose, è un riadattamento effettuato da Elton John e Bernie Taupin in onore di Lady Diana. La canzone raggiunse nello stesso anno il primo posto nella classifica dei singoli venduti nel Regno Unito ed ebbe uno straordinario successo in tutto il mondo, superando in poco tempo White Christmas di Bing Crosby nella classifica dei singoli più venduti di tutti i tempi[6], con circa 40 milioni di copie vendute.

Altre versioni e parodie[modifica | modifica wikitesto]

  • La cantautrice britannica Sandy Denny eseguì una cover del brano nell'album Rendezvous (1977).
  • La cantante britannica Kate Bush eseguì una cover del brano nel 1991.
  • Nel 2014 la cover cantata da Ed Sheeran è stata inserita nella versione deluxe di Goodbye Yellow Brick Road.[7]
  • Nell'episodio dei Simpsons Funeral for a Fiend (2007) viene effettuata una parodia di Candle in the Wind (il titolo della puntata si riferisce invece a un altro brano di Elton, chiamato Funeral for a Friend).
  • La canzone viene parodiata anche in un cortometraggio chiamato Castro's Funeral (2007).
  • I La Bouche eseguirono una cover di "Candle In The Wind '97".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica