Legge di iniziativa popolare nella Repubblica Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La legge di iniziativa popolare è un istituto legislativo relativo all'iniziativa legislativa, previsto dalla Costituzione italiana all'art. 71 [1], secondo comma, mediante il quale i cittadini facenti parte del corpo elettorale possono, attraverso una raccolta di firme, presentare al Presidente della Camera dei deputati o Senato un progetto di legge redatto in articoli, affinché questo sia poi discusso e votato.

Disciplina normativa[modifica | modifica wikitesto]

La legge 25 maggio 1970, n. 352[2] e successive modificazioni, disciplina l'istituto agli articoli 48 e 49. In dettaglio è necessaria la firma di almeno 50.000 elettori su una proposta di progetto di legge. Per la disciplina più analitica sull'utilizzo si seguono gli articoli previsti per il referendum abrogativo.

I moduli per la raccolta firme sono dei fogli prestampati su quattro facciate in formato uso bollo, che devono però essere espressamente vidimati; tale vidimazione dei moduli, cioè l'apposizione di un timbro autentico e sottoscritto dal pubblico ufficiale, è operata prima che questi vengano utilizzati e può essere effettuata presso:

  • la Corte d'Appello
  • il Tribunale, sia dal cancelliere che da un dirigente delegato,
  • il Segretario Comunale o un impiegato da lui delegato.

Gli uffici in seguito riconsegneranno i moduli entro 48 ore dalla presentazione.

La raccolta delle firme deve avvenire in presenza di un autenticatore e la proposta, una volta raggiunto il numero di firme necessario, viene consegnata al Presidente della Camera dei Deputati o del Senato della Repubblica.

Spetta poi alla stessa Camera presso cui è presentato il progetto di legge provvedere alla verifica ed al computo delle firme dei richiedenti, al fine di accertare la regolarità della richiesta. Tutti i progetti di legge sono accompagnati da una relazione scritta, che ne illustra l'oggetto e la finalità.

Leggi di iniziativa popolare finora approvate[modifica | modifica wikitesto]

Nella legge nazionale che disciplina la materia non è mai stato inserito un termine massimo entro cui portare in discussione una proposta di iniziativa popolare; tra il 1979 ed il 2014 sono state presentate 260 proposte alla Camere, ma solo il 43% di queste è arrivato ad essere discusso in commissione parlamentare, mentre sono poche le iniziative popolari approvate e diventate in seguito legge dello Stato[3], come ad esempio:

Seppure possa sembrare molto bassa (1,15%) la percentuale di leggi di iniziativa popolare approvate in via definitiva, la stessa è comunque molto più alta della percentuale delle proposte di legge presentate dai parlamentari (0,66%): nel 2014 su oltre 4.000 proposte di legge presentate da membri del Parlamento Italiano, solo 26 leggi furono approvate[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]