Giudice di pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il giudice di pace è un organo giurisdizionale con diverse funzioni. Alla denominazione corrispondono, però, significati diversi a seconda dell'ordinamento giuridico e giudiziario di riferimento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La figura del giudice di pace trova la sua origine negli ordinamenti di common law dopo la guerra dei cento anni: sorta in Inghilterra, dove il termine compare sin dal 1361, si è poi diffusa negli altri paesi appartenenti a quest'area.

Nel 1790 è stata adottata anche in Francia (dove è stata soppressa nel 1958) e, in seguito, da altri paesi di civil law, quali il Belgio, alcuni cantoni della Svizzera (ad esempio, Vaud) e l'Italia (ma era già presente in alcuni stati pre-unitari).

Nel 1947 la Costituente preferì, come modello di selezione dei magistrati, quello concorsuale; tuttavia lasciò nella Costituzione la possibilità di ammettere la nomina o l'elezione di alcune categorie di giudici, alle quali sarebbero spettate esclusivamente funzioni monocratiche. Con la legge 21 novembre 1991 n. 374 furono infine istituiti nella magistratura ordinaria i giudici di pace, con funzioni esclusivamente giudicanti e privi di quella requirente[1][2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero della giustizia | Giudice di pace, su www.giustizia.it. URL consultato il 13 agosto 2022.
  2. ^ Giudice di pace: la guida completa, su Altalex, 30 luglio 2020. URL consultato il 13 agosto 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 22104 · LCCN (ENsh85071142 · J9U (ENHE987007538517205171 · NDL (ENJA00572954