Lazzaretto di Ancona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lazzaretto di Ancona
0420025141 - Mole Vanvitelliana (Lazzaretto) - Ancona (Italy).jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Ancona
Coordinate 43°36′52″N 13°30′13″E / 43.614444°N 13.503611°E43.614444; 13.503611Coordinate: 43°36′52″N 13°30′13″E / 43.614444°N 13.503611°E43.614444; 13.503611
Informazioni
Condizioni restaurato a partire dal 1997
Costruzione primo XVIII secolo
Uso Mostre ed Eventi culturali
Realizzazione
Architetto Luigi Vanvitelli
Proprietario Comune di Ancona

Il Lazzaretto di Ancona, detto anche Mole Vanvitelliana, è un edificio di Ancona progettato dall'architetto Luigi Vanvitelli.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio sorge su di un'isola artificiale pentagonale situata all'interno del porto; è collegato alla terraferma da tre ponti, ed occupa una superficie di 20.000 m²; il canale che lo divide dalla terraferma è detto mandracchio.

Originariamente si raggiungeva solamente attraverso imbarcazioni; il rifornimento idrico era assicurato da una rete sotterranea di cisterne. L'acqua si attingeva attraverso tre pozzi, situati nel piccolo tempio neoclassico dedicato a San Rocco (protettore dalla peste e dalle epidemie), presente al centro del cortile interno. Il tempietto è aperto sui 4 lati, ciò consentiva alle persone rinchiuse nelle stanze che si affacciavano sul cortile di assistere alla messa senza entrare in contatto gli uni con gli altri e con l'officiante.

Il luogo poteva ospitare fino a 2.000 persone, oltre ad una grande quantità di merci. Nella parte interna dell'edificio si trovano i locali del Lazzaretto vero e proprio, che erano destinati alla quarantena, mentre le stanze nella parte esterna erano usate come deposito della merce. Verso il mare aperto il lazzaretto è fornito di un rivellino, progettato per la difesa militare del porto. Dunque fin dalla sua origine l'opera fu progettata come una struttura polifunzionale: magazzino portuale, luogo di quarantena, fortificazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Lazzaretto durante il restauro del tetto dell'ala sud-ovest
Il Lazzaretto durante il restauro dell'ala sud-est

Nei primi decenni del XVIII secolo il porto e la città di Ancona cominciarono a vivere un periodo di grande sviluppo economico, grazie alla concessione del porto franco da parte di papa Clemente XII. Questi decise di migliorare le condizioni del porto di Ancona ed affidò l'incarico a Vanvitelli, architetto che in seguito sarebbe divenuto famoso per la progettazione della Reggia di Caserta. Il Vanvitelli ridisegna completamente il porto, rispettandone la forma naturale ed anzi traendo ispirazione da essa. Progetta così il molo Nuovo (ora parte del molo Nord) e il nuovo Lazzaretto, su un'isola artificiale pentagonale da lui realizzata nella zona meridionale del porto. I lavori iniziano il 27 luglio 1733 e terminano dieci anni dopo.

Originariamente il Lazzaretto era una costruzione polifunzionale: lazzaretto di sanità pubblica, fortificazione a difesa del porto, deposito per le merci, protezione del porto dall'azione delle onde. Salvaguardava la salute pubblica ospitando depositi ed alloggi per merci e persone in quarantena, che arrivavano al porto da zone ritenute non sicure: per questo fu costruito su un'isola artificiale fuori dal territorio cittadino. Il suo fascino è dovuto anche alla sua forma geometrica, ricca di valori simbolici: il numero cinque può indicare il potere dell'uomo di modificare la realtà circostante. Inoltre, il Lazzaretto si pone in relazione con la sovrastante Cittadella, con pianta stellare a cinque punte, e dunque anch'essa avente una forma basata sul numero cinque. Il luogo ha giocato un ruolo importante durante l'assedio degli austriaci alla città occupata dai francesi nel 1799 e nel corso della Prima guerra mondiale. Nel corso del tempo è stata usato anche come ospedale militare; nel 1884 cambia destinazione d'uso e diventa raffineria di zucchero. Durante le due guerre mondiali ritorna ad essere una cittadella militare; successivamente, nel 1947, diventa deposito di tabacchi. Nel 1997 il comune di Ancona ne acquisisce la proprietà ed inizia un restauro che sta ridonando al Lazzaretto il suo armonico aspetto originario, senza però cancellare completamente le modifiche più significative subite nel corso dei secoli. Ora il monumento viene usato per ospitare mostre temporanee ed altri eventi culturali; una parte di esso accoglie il Museo Tattile Omero.

Da quando è cessata la destinazione militare della struttura, si è cominciato ad indicare il monumento anche con l'espressione Mole Vanvitelliana e non con il termine Lazzaretto, da sempre usato, sia in ambito colto (dallo stesso Vanvitelli!), sia a livello popolare. Il rivellino ospita la società sportiva SEF Stamura e la base nautica dell'Istituto nautico Elia. Nell'angolo sinistro esterno della Mole lato porta Pia si trova una targa in bronzo, in ricordo dello sventato attacco di sabotatori asburgici al porto di Ancona nel 1918.

Il Lazzaretto ed il Risorgimento[modifica | modifica wikitesto]

Il Lazzaretto è stato anche il luogo dove 25 ottobre 1853 gli austro-pontifici hanno fucilato 9 patrioti risorgimentali: Antonio Biagini, Lodovico Balducci, Pietro Cioccolanti, Giovanni Dell'Onte, Giovanni Galeazzi, Ciriaco Giambrignoni, Andrea Papini, Vincenzo Rocchi, Pietro Rossi.[1]

Lo sventato attacco nel 1918 al porto di Ancona[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Incursione austriaca ad Ancona.

Nella notte del 5 aprile 1918 un gruppo di circa sessanta sabotatori della marina asburgica sbarcò di notte a nord di Ancona con l'intento di affondare le navi italiane presenti nel porto di Ancona e poi fuggire con i MAS (Motoscafi Armati Siluranti). Infatti, dal 12 febbraio 1918, le acque antistanti il Lazzaretto di Ancona divennero la base di una squadriglia di MAS, imbarcazioni d'assalto della Regia Marina, al comando dell'allora capitano di corvetta Luigi Rizzo. L'audace impresa era stata concepita dal comando della Marina austro-ungarica come risposta alla cosiddetta "Beffa di Buccari" del febbraio precedente, che aveva avuto tra i protagonisti proprio Rizzo, del quale si voleva la morte[2]. I sabotatori austriaci riuscirono a superare i controlli grazie all'oscurità e alla presenza di soldati istriani che parlavano italiano, ma all'altezza della Mole vennero fermati da due guardie di finanza che si erano insospettite, Grassi e Maganuco. Vi fu uno scontro a fuoco, durante il quale Grassi fu ferito, ma Maganuco riuscì a tenere impegnati gli assaltatori e a dare l'allarme; sul posto accorse una pattuglia di carabinieri comandata dal brigadiere Guadagnini, avvisato anche da due irredentisti che avevano disertato; i sabotatori allora si arresero.[3].

Poche settimane dopo il tentato attacco austriaco, il 10 giugno 1918, proprio dal porto di Ancona partì una piccola squadra di due MAS, comandata da Rizzo, scortata da due torpediniere, che si distinse in quella che fu forse la più importante operazione offensiva dell'Italia ai danni della Marina austro-ungarica durante la prima guerra mondiale, l'impresa di Premuda, che portò all'affondamento della corazzata SMS Szent István ("Santo Stefano").

Targa a ricordo dello sventato attacco del 6 aprile 1918[modifica | modifica wikitesto]

« LE GUARDIE DI FINANZA GRASSI CARLO E MAGANUCO GIUSEPPE VIGILI SCOLTE[4]

OSARONO OPPORSI CON LE ARMI A 59 MILITARI DELLA MARINA AUSTRIACA QUI GIUNTI DI SORPRESA NELLA NOTTE SUL 6 APRILE 1918 PER IMPADRONIRSI DEI MAS ORMEGGIATI NEL PORTO E SOSTENNERO DA SOLI UN CONFLITTO CRUENTO FINCHE’ CORSE ALLA TESTA DI UNA PATTUGLIA IL BRIGADIERE DEI RR. CC. GUADAGNINI ANARSEO CHE AUDACEMENTE INTIMO’ ED OTTENNE LA RESA DEI NEMICI.


I CITTADINI DI ANCONA MEMORI QUESTO RICORDO POSERO IV NOVEMBRE MCMXXVII »


Il Lazzaretto e gli eventi bellici[modifica | modifica wikitesto]

Lazzaretto AN - segni di 4 cannonate a palla
Lazzaretto AN - segni di cannonate a palla
Lazzaretto AN - lesioni 1860 cannonate

Il Lazzaretto è stato interessato dagli eventi bellici del 1799 durante il periodo di occupazione francese di Ancona, del 1849 durante la Repubblica romana e del 1860 durante l’assedio della città da parte delle truppe piemontesi. In quest'occasione il Lazzaretto fu conquistato con un colpo di mano da parte dei bersaglieri del XVI battaglione del IV Corpo d’armata dell’Esercito Italo-piemontese e quindi, una volta in possesso piemontese, bombardato dal soprastante forte pontificio della Cittadella di Ancona, dal Molo, dalla vicina Porta Pia e dal Forte della Lanterna (attuale Basamento della Lanterna, nelle vicinanze della lanterna rossa del porto.[5]
Anche queste strutture, come il Lazzaretto, furono colpite dal fuoco delle artiglierie e sono ancora presenti diversi segni lasciati dai proiettili del tempo.

Nelle mura esterne del Lazzaretto, nella parte in pietra bianca tra il ponte e il rivellino, è ancora possibile rilevare diverse lesioni di forma circolare e incavata originate da palle di cannone che colpivano quella zona del forte dal mare, anche se la datazione di tali lesioni belliche non può essere effettuata con certezza.
Altre numerose lesioni causate da proiettili ottocenteschi sono ben visibili sul tratto di mura in mattoni sul lato con ingresso dal mare, di fronte al mercato del pesce. Anche in altri tratti di mura del pentagono è possibile vedere un minore numero di lesioni di cannoni di calibro medio-piccolo, come a sinistra dell'ingresso principale di fronte a Porta Pia, mentre sempre lato Porta Pia, sul muro esterno e nella parte alta di quello interno sono presenti molti segni lasciati da proiettili di fucileria, presumibilmente sparati dai soldati pontifici quando il Lazzaretto fu occupato dai bersaglieri[6].

Durante le due guerre mondiali l’opera del Vanvitelli fu bombardata e danneggiata durante l’attacco nella notte del 24 maggio 1915 ad opera della flotta asburgica.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Il tempietto centrale di San Rocco[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1815-1915 Le Marche, i marchigiani, il Risorgimento, l'Italia - a cura di M Carassai, N Lucantoni, M. Mazzoni - Istituto Gramsci - Affinità elettive - 2011 - ISBN 978-88-7326-166-7 - pag. 131
  2. ^ Infatti, addosso ad uno dei marinai austriaci fu trovata una fotografia dell’eroe italiano da eliminare.
  3. ^ Lo Specchio della Città Aprile 2010 / Storia
  4. ^ scolte = sentinelle
  5. ^ cfr. Massimo Coltrinari, L’investimento e la presa di Ancona, Edizioni Nuova Cultura, Roma, 2010, pag. 159.
  6. ^ Altre lesioni belliche ottocentesche si possono osservare ad Ancona nel Parco della Cittadella, a Porta Pia, nel Duomo di Ancona e nell'Arco di Traiano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]