Lago di Val di Noci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago di Val di Noci
Alta Via - Diga Val di Noce - Genova - Italia - 1994 - Itinerari Crocetta d'Orero-Creto.jpg
Vista da Veisce
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Provincia Genova Genova
Coordinate 44°29′35.4″N 9°02′15.83″E / 44.493167°N 9.03773°E44.493167; 9.03773Coordinate: 44°29′35.4″N 9°02′15.83″E / 44.493167°N 9.03773°E44.493167; 9.03773
Altitudine 527,5 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0,2 km²
Profondità massima 42[1] m
Volume 0,0034 km³
Idrografia
Origine artificiale
Bacino idrografico 7,5 km²
Immissari principali Rio Noci
Emissari principali Rio Noci
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Val di Noci
Lago di Val di Noci

Il lago di Val di Noci è un lago artificiale dell'Appennino ligure che si trova nel comune di Montoggio[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il lago è stato creato costruendo una diga sul rio Noci, nei pressi di Montoggio, negli anni venti del XX secolo come risorsa idrica di Genova[2].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Il lago era abitato da carpe, ma poi per lavori di manutenzione è stato svuotato nel 1999[3] e i pesci sono stati trasferiti nei laghi del Gorzente, nel lago della Busalletta e nel lago del Brugneto. Dal 2006, dopo il riempimento, è stato effettuato il ripopolamento ittico sia da parte della provincia di Genova[4], che da parte della Società Genova Acque nel 2000[5] che ne gestisce l'invaso col nome attuale (2010) di Mediterranea delle Acque S.p.A[6].

Lo scarso inquinamento della zona è confermato dalle elateridi presenti in tutta la buona stagione e che di notte, con la loro piccola luminescenza, indicano dove si trovano.

Produzione di energia idroelettrica[modifica | modifica wikitesto]

L'Azienda Mediterranea delle Acque, accanto alle centrali già presenti, in altri punti del territorio circostante[7], dal 2009 ha in progetto una centrale idroelettrica sulla Diga Val Noci[8]. Questa centrale viene contestata a causa di precedenti negativi dissesti idrologici che certe altre centrali hanno comportato[9].

Dissesto idrogeologico naturale[modifica | modifica wikitesto]

Carotaggi eseguiti nel 2000, sul versante destro del lago, hanno rivelato la possibilità di una frana, della quale, guardando in alto verso Veixe, si vede una fessura e sconsigliato di costruire una strada carrozzabile che portasse a Noci[10]. Il paesino di Noci è tuttora isolato e disabitato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valnoci, ISE - CNR. URL consultato il 24-4-2010.
  2. ^ a b Lago di Val Noci, comune di Montoggio, altavallescrivia.it. URL consultato il 24-4-2010.
  3. ^ Lago Valnoci: da domani il recupero dei pesci per lo svuotamento[collegamento interrotto], Pro.No, 20-6-2000. URL consultato il 24-4-2010.
  4. ^ Il Lago del Valnoci ed il suo popolamento ittico: sintesi delle indagini svolte nel 1997 (PDF), cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 24-4-2010.
  5. ^ idem come sopra
  6. ^ L'invaso di Valnoci[collegamento interrotto], Mediterranea delle Acque. URL consultato il 24-4-2010.
  7. ^ La centrale di Canate, Mediterranea delle Acque. URL consultato il 24-4-2010 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2008).
  8. ^ Maria Pia Turbi, Le centrali idroelettriche degli acquedotti di Genova (PDF), Club Alpino Italiano, 13-6-2009, p. 24. URL consultato il 24-4-2010.
  9. ^ dissesto Centrale idroelettrica di Vobbia
  10. ^ Studio Bonvino, Committente Genova Acque Spa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]