L'affare della Sezione Speciale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'affare della Sezione Speciale
L'affare della Sezione Specialе.png
Una scena del film
Titolo originale Section spéciale
Paese di produzione Francia, Italia, Germania Ovest
Anno 1975
Durata 118 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Costa-Gavras
Soggetto Hervé Villeré
Sceneggiatura Costa-Gavras e Jorge Semprún
Fotografia Andréas Winding
Montaggio Françoise Bonnot
Musiche Éric Demarsan
Scenografia Max Douy
Interpreti e personaggi

L'affare della Sezione Speciale è un film del 1975 diretto da Costa-Gavras, vincitore del premio per la miglior regia al 28º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Francia, agosto 1941. Durante l'occupazione nazista, un giovane ufficiale di Marina tedesco viene assassinato a Parigi da un gruppo di giovani comunisti. Il governo collaborazionista di Vichy cerca di placare i tedeschi, emanando una legge che sanziona duramente i delitti politici. Alla legge viene posta una data anteriore all'attentato di Parigi e, in spregio ai più elementari valori giuridici, ad essa è attribuita efficacia retroattiva.

Allo scopo di dare una parvenza di legalità a quella che è in effetti una rappresaglia, all'indomani della sua approvazione, legge è applicata presso la corte d'appello di Parigi, dove è istituita un'apposita "Sezione speciale". Questa Sezione è costituita da giudici politicamente schierati con la destra più conservatrice, per la maggior parte troppo ambiziosi, codardi o inumani per rifiutarsi di applicare una legge giuridicamente ripugnante. La Sezione, che giudica in unico grado e quindi senza alcuna possibilità di impugnare le sue decisioni, è quindi chiamata a giudicare dodici prevenuti già in carcere per le più varie imputazioni, sempre di carattere politico, e uno di questi è già stato condannato dal tribunale di Parigi per i medesimi reati, ma a una pena ben più lieve di quelle che vengono comminate dalla nuova legge. Il mandato assegnato alla Sezione dal governo di Vichy, è di condannare sei imputati alla pena di morte. Grazie al coraggio di alcuni dei giovani avvocati nominati di ufficio e alla fermezza di uno dei magistrati giudicanti, la Sezione non riesce a condannare a morte che tre degli imputati. Ma una nota alla fine del film ci avverte che anche quelli "sfuggiti" alla condanna alla pena capitale saranno in seguito uccisi in carcere o moriranno in campo di concentramento.

La sceneggiatura[2] di Jorge Semprun dimostra come le fiamme del totalitarismo debbano essere nutrite, anche con sangue innocente: è in special modo conveniente per il governo se gli accusati sono completamente sacrificabili, anche se vistosamente innocenti[3].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1975, festival-cannes.fr. URL consultato il 18 giugno 2011.
  2. ^ Sondertribunal: nach dem Buch von Hervé Villeré = Section speciale. [serial online]. 1975;Available from: Bibliotheksverbund Bayern, Ipswich, MA. Accessed November 5, 2015.
  3. ^ Giampiero Buonomo L’esule spagnolo figlio della borghesia intellettuale, in L'Ago e il filo, settembre 2011, pagina 29.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema