Ex aequo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ex aequo (disambigua).

Ex aequo è una locuzione latina che ha il significato di "parità di posizione" al termine di una competizione o in una classifica finale.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione viene utilizzata in ambito sportivo o in altri ambiti, ma sempre legati a competizioni o concorsi, con la valenza di un posizionamento nella graduatoria a "pari merito", ovvero quando due partecipanti o concorrenti arrivano o si piazzano nella medesima disposizione.[1][2][3][4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Nobel Prize in Literature 1904, su sito ufficiale del Premio Nobel. URL consultato il 23 agosto 2016.
  2. ^ Jerez 1997: la pole più serrata della storia della Formula 1, su Motori Fanpage. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  3. ^ Atletica: Mondiali ancora tabù per Lavillenie nell'asta, Fraser si conferma regina dello sprint, su repubblica.it, 24 agosto 2015. URL consultato il 4 aprile 2016.
  4. ^ Pari merito: un po' di statistiche, su SciareMag, 2 gennaio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2021.
  5. ^ Schwarz è il più veloce a Chamonix, Vinatzer miglior azzurro a 1”81, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 30 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport