Hans Richter (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Hans Richter (Nowawes, 12 gennaio 1919Heppenheim, 5 ottobre 2008) è stato un attore e regista tedesco. La sua carriera di attore è durata oltre cinquant'anni: il suo esordio risale al 1931 come attore bambino e, fino al 1984, tra televisione e cinema, ha girato quasi 150 film. Saltuariamente, è stato anche regista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di musicisti (suo padre era un cantante, sua madre un primo violino), Hans Richter nacque a Nowawes, un villaggio alle porte di Potsdam che era stato fondato da Federico il Grande.

Il piccolo Hans iniziò dodicenne la sua carriera di attore in un film di Gerhard Lamprecht, Emil und die Detektive (1931). Circa 2.500 bambini tedeschi concorrono per una parte nel film, basato sul popolarissimo omonimo romanzo pubblicato da Erich Kästner nel 1929.[1] Richter viene scelto assieme a Rolf Wenkhaus, Inge Landgut, Hans Joachim Schaufuß, Hans Löhr e Martin Rickelt.

Impiegato nel ruolo di un ragazzino sveglio e impertinente, Richter ebbe tanto successo che diventò da un giorno all'altro il più popolare attore bambino del cinema tedesco. Negli anni trenta girò quasi sessanta film, continuando a lavorare come giovane attore anche durante la guerra.

Nel 1943, aveva 24 anni. Dopo le scuole superiori, aveva studiato recitazione con Albert Florath, ma, nel 1944, fu arruolato nell'esercito. Mandato in guerra, venne fatto prigioniero. Altri componenti del cast di Emil und die Detektive non furono altrettanto fortunati; ben tre di loro (Rolf Wenkhaus, Hans Joachim Schaufuß e Hans Löhr) morirono in combattimento.

A guerra finita, Richter lavorò a Monaco come cabarettista prima di trasferirsi ad Amburgo. Ritornò a lavorare per il cinema nel 1948 con Arlberg-Express, un film austriaco diretto da Eduard von Borsody. Negli anni cinquanta, cominciò anche la sua carriera di attore televisivo che continuò fino agli anni ottanta. Uno dei suoi ultimi ruoli cinematografici fu, nel 1975, quello del governatore militare di Parigi ne L'affare della sezione speciale di Costa-Gavras, film vincitore del premio per la miglior regia al 28º Festival di Cannes.

Richter ebbe anche un'intensa carriera in teatro come interprete di opere di Shakespeare, Molière e Brecht. Fu fondatore e promotore per molti anni anche di un festival estivo di teatro a Heppenheim, vicino a Heidelberg.[2]

Hans Richter morì il 5 ottobre 2008 a Heppenheim a 89 anni d'età.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

1931[modifica | modifica wikitesto]

1932[modifica | modifica wikitesto]

1933[modifica | modifica wikitesto]

1934[modifica | modifica wikitesto]

1935[modifica | modifica wikitesto]

1936[modifica | modifica wikitesto]

1937[modifica | modifica wikitesto]

1938[modifica | modifica wikitesto]

1939[modifica | modifica wikitesto]

1940[modifica | modifica wikitesto]

1942[modifica | modifica wikitesto]

1943[modifica | modifica wikitesto]

1944[modifica | modifica wikitesto]

1948[modifica | modifica wikitesto]

1949[modifica | modifica wikitesto]

1950[modifica | modifica wikitesto]

1951[modifica | modifica wikitesto]

1952[modifica | modifica wikitesto]

1953[modifica | modifica wikitesto]

1954[modifica | modifica wikitesto]

1955[modifica | modifica wikitesto]

1956[modifica | modifica wikitesto]

1957[modifica | modifica wikitesto]

1958[modifica | modifica wikitesto]

1959[modifica | modifica wikitesto]

1960[modifica | modifica wikitesto]

1961[modifica | modifica wikitesto]

1962[modifica | modifica wikitesto]

1963[modifica | modifica wikitesto]

1967[modifica | modifica wikitesto]

1969[modifica | modifica wikitesto]

1970[modifica | modifica wikitesto]

1971[modifica | modifica wikitesto]

1973[modifica | modifica wikitesto]

1975[modifica | modifica wikitesto]

1976[modifica | modifica wikitesto]

1979[modifica | modifica wikitesto]

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guntram Vogt, Die Stadt im Film, Schüren 2001, p. 260.
  2. ^ Holmstrom, The Moving Picture Boy, p.90.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, p. 90.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74605151 · ISNI (EN0000 0000 8155 2982 · GND (DE116511990 · BNF (FRcb16082409b (data) · BNE (ESXX5401755 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-74605151