John P. Fulton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori effetti speciali 1946
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori effetti speciali 1955
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori effetti speciali 1957

John P. Fulton (Beatrice, 4 novembre 1902Iver Heath, Buckinghamshire, Inghilterra, 5 luglio 1966) è stato un effettista statunitense.

La sua notorietà ebbe negli anni trenta, periodo nel quale fu uno dei componenti fissi della fantastica squadra della Universal Pictures che in quegli anni diede vita alla serie dei Mostri della Universal. A maturità acquisità fu vincitore di tre Oscar per i migliori effetti speciali, per L'uomo meraviglia (1945), I ponti di Toko-Ri (1954) e I dieci comandamenti (1956).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane studiò ingegneria, ma iniziò presto la sua carriera nel mondo del cinema, dapprima come assistente fotografo, appassionandosi presto alle potenzialità offerte dal nascente cinema sonoro e avvicinandosi al mondo degli effetti speciali. L'incontro con Carl Laemmle, capo della Universal, fu decisivo per la sua carriera. Da ricordare la sua attiva collaborazione con Alfred Hitchcock per il quale fu il supervisore agli effetti speciali in sei film tra il 1942 e il 1958.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la filmografia presente sul sito Internet Movie Database, Jack Fulton fu special effects supervisor (supervisore agli effetti speciali) in 266 film.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Come accadudo in altri cssi, questo artista ha avuto tardivo riconoscimento della sua opera da parte dei membri dell'Academy Awards. L'Oscar che sarebbe dovuto arrivare già nel 1934 per gli straordinari effetti speciali de L'uomo invisibile (film per il quale non fu neppure candidato) giunse solo undici anni più tardi (nel 1945 per L'uomo meraviglia), successo bissato nel 1952 con I ponti di Toko-Ri e triplicato nel 1957 con I dieci comandamenti. Tuttavia la sua opera sul personaggio dell'Uomo invisibile gli fu parzialmente riconosciuta con le candidature agli Oscar 1941, 1942 e 1943 rispettivamente per i film La donna invisibile, Il ritorno dell'uomo invisibile e Joe l'inafferrabile.

Oltre a queste tre candidature e ai tre Oscar vinti, Fulton aggiunse una seconda candidatura sempre nel 1940 (lo stesso anno della candidatura per La donna invisibile) per il film Hellzapoppin in Grecia (The Boys from Syracuse, 1940).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36473492 · ISNI (EN0000 0001 1758 0863 · LCCN (ENno89009020 · ULAN (EN500129100