Nel tempio degli uomini talpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nel tempio degli uomini talpa
The Mole People (1956) trailer 1.jpg
Una scena tratta dal trailer del film
Titolo originaleThe Mole People
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1956
Durata77 min.
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generefantascienza, orrore
RegiaVirgil W. Vogel
SoggettoLaszlo Gorog
SceneggiaturaLaszlo Gorog
ProduttoreWilliam Alland
Casa di produzioneUniversal Pictures
FotografiaEllis Carter
MontaggioIrving Birnbaum
MusicheHeinz Roemheld, Hans J. Salter, Herman Stein
CostumiJay A. Morley Jr.
TruccoJoan St. Oegger, Bud Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nel tempio degli uomini talpa (The Mole People) è un film di fantascienza del 1956 diretto da Virgil W. Vogel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I titoli di testa si aprono con un racconto ambientato in un'era passata in cui si pensa che una civiltà superiore abitasse alle pendici di un vulcano, ma dopo che questo eruttò gli abitanti furono costretti a rintanarsi nelle sue viscere arrivando a scoprire una Terra abitabile nel sottosuolo.

Il racconto viene narrato dal professor Frank Baxter, che cerca di dare credibilità alla storia rifacendosi alle teorie della terra cava di John Symmes e Cyrus Teed.

Appassionati dall'avvincente storia di Baxter, una spedizione di archeologi e cacciatori di tesori, composta da Roger Bentley, Jud Bellamin, Etienne Lafarge e Paul Stuart approfondisce le analisi giungendo nell'Asia centrale in una catena montuosa.

Entrati nelle viscere della montagna, gli archeologi non trovano nulla, ma proprio mentre si apprestano ad andarsene ecco che saltano fuori alcuni uomini talpa, discendenti degli antichi sumeri, divenuti cannibali per via dell'assenza di viveri nel sottosuolo e affetti da un forte albinismo per la mancanza di luce.

Inizialmente gli uomini talpa pensano che i protagonisti siano una sorta di messaggeri divini, questo si deve al fatto che una delle creature si brucia dopo aver guardato la torcia di un archeologo. La situazione quindi si tranquillizza, e gli studiosi conoscono una ragazza di razza Europoide, Adad, apparentemente umana senza collegamenti agli uomini talpa.

Ma la calma finisce quando un uomo talpa per sbaglio uccide un archeologo, ed Elinor, il Sommo Sacerdote delle creature ordina loro di sterminare gli umani e mangiarli per cibarsi. In una corsa contro il tempo, quando i primi segni di un imminente terremoto con epicentro il Tempio degli uomini talpa si fanno sentire, gli archeologi usano le poche torce rimaste per bruciare la pelle alle creature.

Nella fretta di risalire in superficie e con il regno delle creature in distruzione per via del sisma, Adad, la donna che ha aiutato gli archeologi a fuggire, rimane indietro e finisce seppellita insieme ai mostri che l'hanno cresciuta.

Gli archeologi rimangono così traumatizzati dall'avventura che decidono di non raccontare nulla, solo di smentire la storia di Baxter così da non rischiare la vita di altre persone in futuro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dalla Universal International Pictures (UI), il film venne girato negli Universal Studios, al 100 di Universal City Plaza, a Universal City.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dall'Universal, uscì nelle sale cinematografiche USA nel dicembre 1956. Nel 1957, uscì in Finlandia (22 febbraio, con il titolo Kätketty maailma) e in Francia (13 settembre, come Le Peuple de l'enfer. In Italia, fu distribuito dall'agenzia italiana dell'Universal International nel 1961, con notevole ritardo, doppiato dalla cooperativa CDC. Negli Stati Uniti, uscì nuovamente sul mercato nel 1964.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Clive Hirschhorn, The Universal Story, Octopus Books - London, 1983 ISBN 0-7064-1873-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]