Isole Sparse dell'oceano Indiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isole sparse dell'Oceano Indiano)
Isole Sparse dell'oceano Indiano
distretto[1]
Îles Éparses de l'océan Indien
Isole Sparse dell'oceano Indiano – Stemma Isole Sparse dell'oceano Indiano – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Isole Sparse dell'oceano Indiano – Veduta
Veduta aerea di Europa
Localizzazione
StatoFrancia Francia[1]
RegioneFlag of the French Southern and Antarctic Lands.svg TAAF
Amministrazione
Presidente del Consiglio dipartimentalePrefetto delle TAAF[1]: Cécile Pozzo di Borgo
Capo del Distretto: Anne Tagand
Data di istituzione21 febbraio 2007
Territorio
Coordinate22°20′38″S 40°22′02″E / 22.343889°S 40.367222°E-22.343889; 40.367222 (Isole Sparse dell'oceano Indiano)Coordinate: 22°20′38″S 40°22′02″E / 22.343889°S 40.367222°E-22.343889; 40.367222 (Isole Sparse dell'oceano Indiano)
Superficie43[4] km²
Abitanti45[5]
Densità1,05 ab./km²
Altre informazioni
Linguefrancese
Cod. postale984 15
Prefisso+262
Fuso orarioUTC+4, UTC+3
ISO 3166-2ISO 3166-2:TF[2]
Codice INSEE984 15[3]
Cartografia
Isole Sparse dell'oceano Indiano – Localizzazione
Isole Sparse dell'oceano Indiano – Mappa
Sito istituzionale
Carta delle isole Sparse :
• 1 : Bassas da India
• 2 : Europa
• 3 : isole Gloriose
• 4 : Juan de Nova
• 5 : Tromelin
• KM : Comore
• MG : Madagascar
• MU : Mauritius
• RE : Réunion
• MZ : Mozambico
• YT : Mayotte

Le Isole Sparse dell'oceano Indiano (in francese Îles Éparses de l'océan Indien) sono un distretto delle Terre australi e antartiche francesi, esse comprendono 4 isole coralline ed 1 atollo dell'oceano Indiano e sono prive di popolazione autoctona.

In base alla legge francese n° 2007-224 del 21 febbraio 2007 queste isole ricadono sotto la giurisdizione delle Terre australi e antartiche francesi, di cui costituiscono il quinto distretto.[6][7]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Tre delle isole (Europa, Gloriose, Juan de Nova) e l'atollo Bassas da India si trovano nel canale del Mozambico, mentre una quarta isola – Tromelin – è situata ad oltre 300 km ad est del Madagascar, in pieno oceano Indiano.

La superficie totale delle isole è di circa 132 km², di cui soltanto 43 km² costantemente sopra il livello del mare.[8]

Le isole non hanno una popolazione autoctona permanente. Dal 1973, allo scopo di esercitare costantemente la sovranità francese sui territori, su ciascuna delle isole di Gloriose, Juan de Nova ed Europa è distaccato un piccolo presidio delle forze armate francesi (composto da 14 militari) ed un gendarme (che esercita de jure la sovranità). Su Tromelin la sovranità è invece esercitata dal capo della missione meteorologica.

Le isole sono state dichiarate riserve naturali ed ospitano delle stazioni meteorologiche (tranne Bassas da India). Le stazioni di Gloriose, Juan de Nova ed Europa sono automatizzate. Il centro di rilevamento sull'isola Tromelin, è di grande interesse per la previsione dei cicloni che minacciano Madagascar, Réunion e Mauritius. Ciascuna isola, tranne Bassas da India, ha una pista di atterraggio di oltre 1.000 m.

Le isole Gloriose sono composte da due isole sabbiose circondate da una barriera corallina – l'Isola Gloriosa (Île Glorieuse o Grande Glorieuse) e l'Isola del Giglio (Île du Lys o Petite Glorieuse) – e da tre isolotti rocciosi (Rocher du Sud, Roches Vertes e Île aux Crabes o Île aux Épaves).

Le isole Sparse con La Réunion e Mayotte estendono la Zona Economica Esclusiva (ZEE) francese su un milione di chilometri quadrati di oceano Indiano occidentale.

Le risorse naturali delle isole Sparse comprendono essenzialmente la pesca, inoltre sulle isole Gloriose e Tromelin vi sono guano, fosfati e palme da cocco.[9]

Superficie e coordinate[10]
Isole
(nome ufficiale)
Per. Superficie
(km2)
Barriera corallina
(km2)[11]
Laguna
(km2)[9]
Coordinate[11] Dist. (km)
La Réunion
ZEE
(km2)
Île Tromelin <1[12] 1,4 15°53′S 54°31′E / 15.883333°S 54.516667°E-15.883333; 54.516667[11] 591 280.000[12]
Archipel des Glorieuses 15[13] 7[13] 165[14] 11°35′S 47°18′E / 11.583333°S 47.3°E-11.583333; 47.3[11] 1.376 48.350[13]
Île Juan-De-Nova 15[15] 5[15] 193 17°03′S 42°43′E / 17.05°S 42.716667°E-17.05; 42.716667[11] 1.321 61.050[15]
Île Bassas Da India <1[16] 47 79,8[9] 21°27′S 39°45′E / 21.45°S 39.75°E-21.45; 39.75[11] 1.644 123.700[16]
Île d'Europa 15[17] 30[17] 86,5 9[17] 22°21′S 40°21′E / 22.35°S 40.35°E-22.35; 40.35[11] 1.572 127.300[17]
Totale 45 43[11] 492,9 88,8 640.400
Fonti: Tromelin[12], Glorieuses[13], Juan-De-Nova[15], Bassas-Da-India[16], Europa[17]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le isole Sparse dell'oceano Indiano sono state scoperte tra il XVI e il XVIII secolo; le isole Juan de Nova, Bassas da India e Europa sono integrate come dipenzenze della colonia di Madagascar il 31 ottobre 1897 in esecuzione di una legge del 6 agosto 1896.

In vista dell'indipendenza del Madagascar (avvenuta il 26 giugno 1960), il 1º aprile 1960 sono staccate dalla "Colonia del Madagascar e sue dipendenze" le isole Tromelin, Gloriose, Juan de Nova, Europa e Bassas da India che sono integrate al Ministère des Outre-mer.[18]

Infine, la legge n° 2007-224 del 21 febbraio 2007 modifica le legge n° 55-1052 (che creava le TAAF) e aggiunge le isole Bassas da India, Europa, Gloriose, Juan de Nova e Tromelin alle TAAF.[6][7]

Comore, Madagascar, Mauritius e Seychelles contestano la sovranità francese sull'area.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º aprile 1960 – indipendenza del Madagascar – al 3 gennaio 2005, le isole erano sotto l'autorità del Ministère des Outre-mer e amministrate dal prefetto del dipartimento de La Réunion. Dal 3 gennaio 2005 le isole sono amministrate dal prefetto, amministratore superiore delle Terre australi e antartiche francesi, residente a La Réunion. Il prefetto, amministratore superiore delle TAAF, è affiancato da un segretario generale che funge anche da "Capo del Distretto delle Isole Sparse", quest'ultimo è affiancato da un "aggiunto".

In conformità col nuovo Statuto del 2007[6], le isole Sparse sono state soppresse da La Réunion e sono state aggiunte a Terres australes françaises con l'aggiornamento Nº VI-1 dei codici ISO 3166-1.[2]

Per contrastare le pretese territoriali dei paesi limitrofi (Comore, Madagascar, Mauritius e Seychelles), la Francia mantiene una guarnigione di 15 persone (14 militari e 1 gendarme) sulle Isole Gloriose, Juan de Nova e Europa. Mauritius reclama Tromelin; il Madagascar rivendica le rimanenti 4 isole (Bassas da India, Europa, Gloriose e Juan de Nova); inoltre le Comore e le Seychelles reclamano le isole Gloriose.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le Isole Spase sono un distretto del TOM "Terre australi e antartiche francesi"; il grado amministrativo sarebbe "2"; tuttavia le TAAF non sono una regione e le isole Sparse non sono un dipartimento; vedi Suddivisioni della Francia.
  2. ^ a b (FREN) Attribution de codets pour Saint-Barthélemy et Saint-Martin et mise à jour pour la France et d’autres territoires français (PDF), su iso.org, 21 settembre 2007.
  3. ^ Insee
  4. ^ vedi tabella "superficie e coordinate".
  5. ^ vedi tabella "superficie e coordinate".
  6. ^ a b c (FR) Loi n° 2007-224 du 21 février 2007 portant dispositions statutaires et institutionnelles relatives à l'outre-mer, su legifrance.gouv.fr, 22 febbraio 2007.
  7. ^ a b (FR) Journal officiel des TAAF – nº33 – 1er trimestre 2007 (PDF), su taaf.fr.
  8. ^ Si giunge a questo risultato escludendo le lagune di Bassas da India (79,8 km²) e di Europa (9 km²) che vengono totalmente sommerse più volte l'anno in occasione di maree particolarmente forti.
  9. ^ a b c CIA-FB
  10. ^ taaf5
  11. ^ a b c d e f g h Livret
  12. ^ a b c (FR) L’île Tromelin, su taaf.fr.
  13. ^ a b c d (FR) L’archipel des Glorieuses, su taaf.fr.
  14. ^ Includendo anche il Banco del Geyser = 240.
  15. ^ a b c d (FR) L’île Juan De Nova, su taaf.fr.
  16. ^ a b c (FR) L’île Bassas Da India, su taaf.fr.
  17. ^ a b c d e (FR) L’île d’Europa, su taaf.fr.
  18. ^ (FR) Décret n° 60-555 du 1er avril 1960 relatif à la situation administrative de certaines îles relevant de la ‎souveraineté de la France, su legifrance.gouv.fr, 14 giugno 1960.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]