Imanbek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Imanbek
NazionalitàKazakistan Kazakistan
GenereDance pop[1]
Periodo di attività musicale2017 – in attività
EtichettaSpinnin', Dharma, Effective

Imanbek, pseudonimo di Imanbek Maratuly Zejkenov (in kazako: Иманбек Маратұлы Зейкенов?; Aksu, 21 ottobre 2000), è un disc jockey e produttore discografico kazako.

Nel 2020 è diventato famoso a livello mondiale grazie al remix del brano Roses del rapper Saint Jhn, che gli ha fruttato un Grammy Award nella categoria Miglior registrazione remixata, divenendo il primo artista kazako ad ottenere il prestigioso premio nella storia della cerimonia.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Aksu, Kazakistan, Imanbek iniziò a suonare la chitarra all’età di 8 anni, per poi proseguire nel mixaggio all’età di 17 anni mentre lavorava in una stazione ferroviaria.

Verso la fine del 2019 pubblica un remix del brano Roses del rapper Saint Jhn, hit in grado di raggiungere le prime posizioni di molte classiche mondiali, tra cui il primato nel Regno Unito, in Australia ed in Nuova Zelanda, il secondo posto in Francia ed in Svizzera ed il terzo in Germania; in Italia raggiunse il quarto posto. Inoltre il brano conquistó il primo posto dei brani più "shazamati". Nel marzo 2020 approda alla Spinnin' Records rilasciando il brano Dope tramite Dharma Records. Nel maggio 2020 rilascia un remix della versione di Rasster del brano Sad! di XXXTentacion seguito dal remix di Valentino del rapper 24kGoldn. Il 23 ottobre 2020 pubblica il singolo Too Much in collaborazione con Usher e Marshmello,[3] mentre il 31 dello stesso mese rilascia Kill Me Better, brano prodotto con Don Diablo e Trevor Daniel.

Nel 2021 pubblica vari altri singoli, collaborando con artisti come Sean Paul, Rita Ora, Sofia Reyes e Cher Lloyd.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Remix[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019 – Parah Dice – Hot (Imanbek Remix)
  • 2019 – FILV con Edmofo feat. Emma Peters – Clandestina (Imanbek Remix)
  • 2019 – DmimixeR feat. MURANA – Romantic Dance (Imanbek Remix)
  • 2019 – Saint JhnRoses (Imanbek Remix)
  • 2020 – Rasster – Sad! (Imanbek XXX Remix)
  • 2020 – 24kGoldnValentino (Imanbek Remix)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Paul Simpson, Imanbek, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 29 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Katie Bain, Imanbek on How His Improbable Grammy Win Has Made Him 'The Son of Kazakhstan', su Billboard, 19 marzo 2021. URL consultato il 29 marzo 2021.
  3. ^ (EN) Listen to Marshmello, Imanbek and Usher's Mega-Collab "Too Much" - EDM.com - The Latest Electronic Dance Music News, Reviews & Artists, su edm.com. URL consultato il 23 ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]