Il sangue degli altri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo omonimo, vedi Il sangue degli altri (romanzo).
Il sangue degli altri
Il sangue degli altri (film 1984).png
Jodie Foster in una scena del film
Titolo originaleLe sang des autres
Lingua originaleinglese, tedesco
Paese di produzioneFrancia, Canada, USA
Anno1984
Durata135 min
Generedrammatico
RegiaClaude Chabrol
SoggettoSimone de Beauvoir (romanzo)
SceneggiaturaBrian Moore
Casa di produzioneSuperChannel, CTV Television Network, Téléfilm Canada, Antenne 2, Filmax, Films A2, Home Box Office e International Cinema Corporation
FotografiaRichard Ciupka
MontaggioMonique Fardoulis e Yves Langlois
MusicheMatthieu Chabrol e François Dompierre
ScenografiaFrançois Comtet e Nicole Rachline
Interpreti e personaggi

Il sangue degli altri (Le sang des autres) è un film di Claude Chabrol del 1984.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato durante gli anni della Seconda guerra mondiale, Helene si innamora di Jean, un partigiano, che viene catturato durante un'azione belligerante dalle forze tedesche. Per salvarlo la donna si concede all'industriale tedesco Bergman che intuisce i veri sentimenti della donna.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato nelle capitali europee di Belgio e Francia, mentre alcune parti nella Cormeilles-en-Parisis, località francese. L'idea venne presa dal romanzo omonimo di Simone de Beauvoir del 1945 e poi sceneggiato da Brian Moore. Il film si avvalse di varie compagnie nella produzione: SuperChannel, CTV Television Network, Téléfilm Canada, Antenne 2, Filmax, Films A2, Home Box Office e International Cinema Corporation.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film risulta poco convinto nella sua realizzazione e trasmette allo spettatore questa sensazione, anche se la regia ben si sofferma sui dettagli.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morando Morandini, Laura Morandini, Luisa Morandini e Mauro Tassi, Il Morandini 2010, Zanichelli, 2010, ISBN 978-88-08-30176-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema