Hitachi Rail Italy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hitachi Rail Italy
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione2015
Sede principaleNapoli, Pistoia, Reggio Calabria
GruppoHitachi Rail Europe
Filiali
  • Hitachi Rail España
  • Hitachi Rail USA
SettoreMetalmeccanica
ProdottiVeicoli ferroviari
Sito web

Hitachi Rail Italy S.p.A. è una società per azioni italiana che opera nella produzione e commercializzazione di materiale rotabile con sede e stabilimenti a Napoli, Pistoia e Reggio Calabria, in Italia, di proprietà dell'azienda giapponese Hitachi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Hitachi Rail Italy S.p.A. nasce all'interno del gruppo Hitachi Rail Europe appositamente per rilevare AnsaldoBreda dalla controllante Leonardo-Finmeccanica.

L'operazione è avvenuta il 2 novembre 2015 per 30 milioni di euro: dopo circa un secolo di storia, sparisce così il marchio Ansaldo, a favore di Hitachi, ritenuto di più ampio respiro internazionale e strategico per competere su mercati globali.[1][2][3]

Gli stabilimenti di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria, con 1 930 dipendenti passano sotto il controllo della nuova compagnia giapponese, così come la maggiori parte delle commesse tra cui Trenitalia (Frecciarossa 1000 e Vivalto), Trenord (TSR) e ATM (Leonardo e Meneghino).

Rimangono, invece, di competenza Leonardo-Finmeccanica lo stabilimento di Carini e i suoi 153 dipendenti (attività di revamping) e manutenzione, nonché altri 129 dipendenti che lavorano su vecchi programmi in via di collaborazione a Napoli e Pistoia) così come i contratti firmati con Società Nazionale delle Ferrovie del Belgio e Nederlandse Spoorwegen attinenti alla vicenda Fyra.[4][5]

Tra il 2015 ed il 2016 Hitachi Rail Italy vince la gara da 500 milioni di euro di Great Western Rail per la realizzazione di 36 treni Intercity Express 802 che verranno prodotti a Pistoia e quella indetta da Trenitalia per i primi 39 Rock (333 milioni, opzionabili fino a 300, per un totale di 2.6 miliardi).[6][7][8]

Gli impianti di Pistoia e Reggio Calabria si occupano della parte prettamente legata al veicolo, mentre componentistica ed elettronica sono di pertinenza del sito di Napoli.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Treni ad alta velocità[modifica | modifica wikitesto]

Treni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Tram[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana driverless[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Completata la cessione di AnsaldoBreda e Ansaldo STS da Finmeccanica ad Hitachi - DETTAGLIO - Leonardo - Aerospace, Defence and Security, su www.leonardocompany.com. URL consultato il 27 luglio 2018.
  2. ^ (IT) Hitachi: «Ansaldo Breda e Sts,nessun esubero, ma nuovo nome», in Corriere della Sera. URL consultato il 27 luglio 2018.
  3. ^ Ansaldo addio, il marchio è Hitachi, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 27 luglio 2018.
  4. ^ (IT) Da AnsaldoBreda nasce Hitachi Rail Italy, su tuttoTRENO Blog. URL consultato il 27 luglio 2018.
  5. ^ Fuori da Hitachi 282 AnsaldoBreda, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 27 luglio 2018.
  6. ^ Fs:è 'Caravaggio' treno Hitachi Rail per trasporti regionali - Toscana, in ANSA.it, 29 giugno 2016. URL consultato il 27 luglio 2018.
  7. ^ Ferrovie.it - Hitachi Rail Italy annuncia 'Caravaggio' per Trenitalia, in Ferrovie.it. URL consultato il 27 luglio 2018.
  8. ^ Hitachi, 29 treni per l’Inghilterra - Cronaca - il Tirreno, in il Tirreno, 23 dicembre 2015. URL consultato il 27 luglio 2018.
  9. ^ Pistoia, Trenitalia presenta Rock: il nuovo convoglio per i pendolari, in repubblica.it, 20-01-2017. URL consultato il 20-01-2017.
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti