Veicolo ferroviario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un treno Milano-Nizza, della ex società Thellō (oggi Trenitalia France), in partenza dalla stazione di Milano Centrale, il 28 aprile 2015. In testa c'è la locomotiva elettrica FS E.402.106, seguita dalle carrozze viaggiatori della ex società Thellō. La locomotiva appartiene al sottoinsieme dei materiali di trazione (o veicoli motori), mentre le carrozze appartengono al sottoinsieme del materiali da viaggiatori (o veicoli trainati per il trasporto di viaggiatori).

Nella tecnica e nell'organizzazione delle ferrovie, si definiscono veicoli, i rotabili che costituiscono gli elementi dell'insieme del materiale mobile (o materiale rotabile)[1][2][3][4].

In tale definizione sono compresi i mezzi di trazione (o materiali di trazione, o materiali motori, o unità di trazione), comprendenti le locomotive e gli automotori, le automotrici e gli autotreni; e il materiale rimorchiato, che è adibito al trasporto di viaggiatori (carrozze o vetture passeggeri), di bagagli (bagagliai), di posta (ambulanti postali), di merci (carri), o di attrezzi e materiali per la manutenzione dell'infrastruttura ferroviaria o di altri materiali rotabili (carri gru, carri officina, carri soccorso)[1][2][3][4].

Nel linguaggio corrente, e a volte anche in quello della divulgazione, si comprendono tra i veicoli anche i tender delle locomotive a vapore[1][2][3][4]. Parti comuni a tutti i veicoli ferroviari sono la parte non sospesa, costituita dal rodiggio (eventualmente coi carrelli). e la parte sospesa[5]. Quest'ultima comprende il telaio, gli organi di trazione e di repulsione, il sistema di frenatura e la cassa[1][2][3][4].

Un treno è composto da uno o più veicoli, comprensivo di unità di trazione con relativi comandi di controllo (banco e cabina di guida), e quindi in grado di muoversi autonomamente[1][2][3][4].

Tipologie di veicoli ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

La locomotiva a vapore DB 18 201 in sosta a Hersbruck il 30 giugno 2007. La locomotiva a vapore appartiene al sottoinsieme dei mezzi di trazione termici. L'unità 18 201 è la più veloce locomotiva a vapore funzionante in tutto il mondo.
Le locomotive elettriche SNCF BB 9004 e CC 7107, conservate nel Musée français du chemin de fer di Mulhouse, il 29 agosto 2006. Le locomotive elettriche appartengono al sottoinsieme dei mezzi di trazione elettrici, Nel 1955, durante una serie di corse di prova, le unità qui raffigurate toccarono la velocità di 331 km/h, conseguendo il primato mondiale di velocità. per treni con trazione elettrica.
L'elettrotreno FFS RAe 1051 in corsa presso Lavorgo il 18 agosto 1988. Gli elettrotreni appartengono al sottoinsieme dei mezzi di trazione elettrici. Costruiti e impiegati per i servizi Trans Europ Express, gli elettrotreni RAe 1050 aprirono l'epoca dell'interoperabilità sulla rete ferroviaria europea.

Mezzi di trazione[modifica | modifica wikitesto]

Per le distinzioni terminologiche vedasi anche Mezzo di trazione ferroviario.

I mezzi di trazione vengono distinti anzitutto per il tipo di servizio effettuato.

Locomotive e automotori[modifica | modifica wikitesto]

La suddivisione considera il tipo di trazione (in particolare il motore primo: va tenuto presente che i veicoli possono avere più motori di più tipi, come nel caso delle locomotive Diesel con trasmissione elettrica)

Automotrici e autotreni[modifica | modifica wikitesto]

Materiale rimorchiato[modifica | modifica wikitesto]

Veicoli bimodali[modifica | modifica wikitesto]

Unimog U-400 bimodale

Industrie costruttrici di veicoli ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Costruttore di veicoli ferroviari e Produzione di locomotive a vapore nel mondo.

Identificazione ufficiale dei veicoli ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Martarelli, Veicolo, p. 541.
  2. ^ a b c d e f Giovanardi, Ferroviario, p. 610.
  3. ^ a b c d e f Guida, Milizia, Dizionario, p. 390.
  4. ^ a b c d e f Ricci, Tecnica, p. 181.
  5. ^ Tartarini, Materiale, p. 450.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 23614 · GND (DE4052368-8 · NDL (ENJA00572936
  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti