Industria metalmeccanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'industria metalmeccanica è un settore industriale che compete alla lavorazione dei metalli ed alla produzione di oggetti in metallo. La metalmeccanica quindi utilizza i prodotti semilavorati dell'industria metallurgica per l'ottenimento dei prodotti finiti. La produzione di macchinari o impianti destinati a settori produttivi (ad esempio le macchine tessili, le macchine agricole, quelle da cantiere o gli impianti di fabbrica) è un segmento specifico e cruciale di questo comparto ed è detto meccanica strumentale.

I settori che compongono la metalmeccanica[modifica | modifica wikitesto]

Operaio al lavoro con tornio parallelo.

I settori che compongono l'industria metalmeccanica sono:

  • produzione di macchinari
  • produzione di impianti
  • produzione di utensili
  • carpenteria metallica
  • costruzione di navi
  • costruzione di treni
  • costruzione di aerei
  • costruzione di elicotteri
  • costruzione di autoveicoli
  • costruzione di motociclette

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Al 2015 la produzione meccanica di tecnologie componentistica ha raggiunto il valore dei 44 miliardi di euro, caratterizzata da una crescita omogenea del valore della produzione nell'industria dei sistemi di pompaggio, della costruzione di caldaie, rubinetti, impianti di verniciatura e lavaggio[1].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tito Menzani, La macchina nel tempo. La meccanica strumentale italiana dalle origini all'affermazione in campo internazionale, Bologna, Clueb, 2011, ISBN 978-88-491-3524-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lifestyle della crescita meccanica e affine, su teleborsa.it, 13 ottobre 2016 (archiviato il 12 Marzo 2017).