Giovanni La Via

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni La Via
LaViawiki2.JPG

Eurodeputato
Legislature - VII

- VIII

Gruppo
parlamentare
Partito Popolare Europeo
Circoscrizione Italia insulare
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Alternativa Popolare (Dal 2017)
In precedenza:
Il Popolo della Libertà (2009-2013)
Nuovo Centrodestra (2013-2017)
Titolo di studio Laurea in Scienze Agrarie
Professione Docente Universitario

Giovanni La Via (Catania, 28 giugno 1963) è un politico italiano, deputato al Parlamento Europeo dal 7 giugno 2009 e Presidente della Commissione Ambiente, Sanitá Pubblica e Sicurezza alimentare.

Dal luglio 2006 al maggio 2009 ha ricoperto l'incarico di Assessore Regionale tecnico per l'Agricoltura e per le Foreste della Regione Siciliana nella II Giunta Cuffaro (2006-2008) e confermato nella I Giunta Lombardo (2008-2009).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 è ricercatore universitario, nel 1994 diventa professore associato di economia e politica agraria presso l'Università degli Studi di Messina e nel 2001 docente ordinario presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Catania[1].

Dal 2002 è chiamato a dirigere il Dipartimento di Scienze Economico-Agrarie ed Estimative, dopo aver presieduto il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari dal 1996 al 2002.

Coordina vari progetti di ricerca attinenti alle diverse filiere agroalimentari presenti in Sicilia ed è autore di numerose monografie ed articoli pubblicati su riviste economiche a carattere nazionale ed internazionale.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2006 è nominato Assessore Regionale tecnico, con delega all'Agricoltura e alle Foreste, nella XIV legislatura dell'Assemblea Regionale Siciliana nella II Giunta Cuffaro (2006-2008), incarico nel quale verrà riconfermato nella successiva legislatura, nel 2008 nella I Giunta Lombardo (2008-2009). Esce nella II Giunta Lombardo nel dicembre 2008.

Viene eletto al Parlamento europeo nel 2009 con 145.745 preferenze nella lista del PdL nella Circoscrizione Italia Insulare. È iscritto al Gruppo del Partito Popolare Europeo ed è membro della commissione permanente per i Bilanci e della commissione permanente per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale. È membro della Delegazione alla commissione di cooperazione parlamentare Ue-Moldova e della Delegazione all'Assemblea parlamentare Euronest.

Il 27 settembre 2011 è nominato relatore per il Parlamento europeo sulla proposta legislativa riguardante il finanziamento, la gestione ed il monitoraggio della Politica Agricola Comune[2] (PAC). Il 25 gennaio 2012 riceve l'incarico di relatore per il Parlamento europeo del Bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio finanziario del 2013[3].

Il 5 febbraio 2013 è nominato nuovo Capodelegazione del PdL nel PPE al Parlamento europeo subentrando al dimissionario Mario Mauro passato con Scelta Civica per l'Italia del Premier Mario Monti.[4]

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà[5], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano dimettendosi da Capogruppo PdL all'Europarlamento.[6][7].

Il 20 novembre è eletto Capodelegazione del Nuovo Centrodestra all'interno sempre del Partito Popolare Europeo all'Europarlamento.[8].

Nell'aprile 2014 viene scelto candidato, alle Elezioni europee del 2014 (Italia) come capolista del Nuovo Centrodestra - Unione di Centro nella Circoscrizione Italia insulare (che raccoglie i collegi di Sicilia e Sardegna). Con 56.446 è il primo degli eletti in termini di preferenze per la lista NCD-UDC ed il primo nella Circoscrizione Isole rappresenta uno dei 3 membri della lista eletto all'Europarlamento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Capogruppo de Il Popolo della Libertà all'Europarlamento Successore Il Popolo della Libertà.svg
Mario Mauro 9 gennaio 2013 - 15 novembre 2013 Raffaele Baldassarre