Fio Zanotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fiorenzo Zanotti, detto Fio (Bologna, 20 novembre 1949), è un musicista, compositore, arrangiatore, produttore e direttore d'orchestra italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato presso il conservatorio "G.B. Martini"[1] di Bologna, Fio Zanotti inizia la propria carriera musicale nel gruppo di rock progressivo dei Gjudas, di cui faceva parte anche Jimmy Villotti[2], al quale nel 1989 segue il progetto Sorapis di cui fa parte anche Adelmo Fornaciari (in arte Zucchero)[2]. Proprio per Fornaciari, Zanotti nel 2004 dirige l'orchestra alla Royal Albert Hall di Londra per il concerto ZU & Co.[2]

Notato da Loredana Bertè prende parte al suo tour nel 1980[3], e in seguito collaborerà con numerosi cantanti e gruppi italiani, fra cui Zucchero, Anna Oxa, Mietta, Milva, Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Eros Ramazzotti, Vasco Rossi, Pooh, Marcella Bella, Fiordaliso, Ivana Spagna, Francesco Baccini, Ricchi e Poveri, Al Bano & Romina Power, Den Harrow, Adriano Celentano[4], Renato Zero, Francesco De Gregori, Claudio Baglioni (per il quale ha scritto l'arrangiamento dell'inno dei giochi olimpici invernali Torino 2006) e Gianluca Grignani.[2]

Collabora con la Rai in occasione delle trasmissioni La situazione di mia sorella non è buona, 125 milioni di cazzate e Rock Economy di Celentano, dirigendo l'orchestra e suonando, di Il cielo è sempre più blu di Giorgio Panariello e di Music Farm, condotto da Simona Ventura. Nel 1979 ha scritto il brano Disco Bambina interpretato da Heather Parisi e sigla di Fantastico[1]. Ha inoltre composto la colonna sonora della serie televisiva Valentina del 1989[5]

Dal 1990 in avanti ha partecipato a quasi tutte le edizioni del Festival di Sanremo - in qualità di compositore, arrangiatore, produttore, direttore d'orchestra - vincendone diverse edizioni tra le quali quella del 1999 (dirigendo la canzone Senza pietà di Anna Oxa) e nella sezione delle nuove proposte del 2010 (dirigendo la canzone vincitrice Il linguaggio della resa di Tony Maiello).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]