Ex mattatoio (L'Aquila)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ex mattatoio dell'Aquila
Ex mattatoio L'Aquila.jpg
La facciata sud dell'ex mattatoio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
LocalitàL'Aquila
Indirizzolargo Tornimparte, 1
Coordinate42°21′00.7″N 13°23′21″E / 42.350194°N 13.389167°E42.350194; 13.389167Coordinate: 42°21′00.7″N 13°23′21″E / 42.350194°N 13.389167°E42.350194; 13.389167
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXX secolo
Ricostruzione2012-2015
UsoSede museale
Realizzazione
ProprietarioComune dell'Aquila

L'ex mattatoio dell'Aquila è un complesso di edifici originariamente adibito alla macellazione ed alla distribuzione delle carni.

Realizzato nella prima metà del XX secolo, è uno dei rari esempi di archeologia industriale in città[1]; danneggiato dal sisma del 2009, è stato ricostruito tra il 2012 ed il 2015 per diventare la sede del museo nazionale d'Abruzzo (MUNDA)[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il mattatoio nacque negli anni Trenta del XX secolo in un'area strategica della città, poiché vicino agli scali ferroviari delle Ferrovie dello Stato (stazione RFI sulla ferrovia Terni-Sulmona) e della Società Industriale Aterno (stazione SIA sulla ferrovia L'Aquila-Capitignano), adiacente al fiume Aterno e non distante dal centro cittadino[1]. Alla fine della seconda guerra mondiale, l'opificio fu affiancato da altre due palazzine.

Rimasto inutilizzato sin dagli anni Novanta, il complesso è stato poi gravemente danneggiato dal terremoto dell'Aquila del 2009 che ha colpito soprattutto le due palazzine, successivamente demolite. L'intera area è stata poi inglobata in un progetto di recupero che ha interessato gli argini del fiume Aterno, la cinta muraria ed il complesso dell'ex mattatoio destinato a diventare sede museale, all'interno del programma Mumex per la valorizzazione dei poli museali nel Mezzogiorno d'Italia[1][3]. In quest'occasione, il complesso è stato donato in comodato d'uso gratuito dal Comune dell'Aquila — che ne è il proprietario — al Ministero per i beni e le attività culturali[2].

I lavori di ricostruzione del fabbricato sono iniziati nel 2012 e si sono conclusi, con qualche ritardo, tre anni dopo per un costo superiore ai 5 milioni di euro[3]. Il 19 dicembre 2015 la struttura è stata aperta al pubblico alla presenza del ministro Dario Franceschini[4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso è situato a Borgo Rivera — in uno dei quartieri più antichi della città —, adiacente le mura dell'Aquila, precisamente tra le porte Rivera e della Stazione. L'area, a forte connotazione turistico-monumentale, è caratterizzata dalla presenza della fontana delle 99 cannelle e della chiesa di San Vito alla Rivera[3][5].

Occupa una superficie di oltre 4.000 , di cui circa la metà recuperati e accessibili al pubblico, ed è formato da un edificio principale (sede della collezione del museo nazionale d'Abruzzo) e da un nuovo fabbricato, ulteriormente suddiviso in due blocchi a livelli sfalsati, al cui interno trovano posto le strutture accessorie al museo, una sezione uffici ed una sala congressi da 96 posti[6]. Il padiglione principale si articola su 6 sale all'interno di 5 aree espositive[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Marianna Gianforte, L'Aquila, da ex mattatoio a piccolo gioiello dell’edilizia museale, in Il Centro, 2 maggio 2014.
  2. ^ a b c Valentina Bernabei, L'Aquila. La rinascita dell'arte, in la Repubblica, 19 dicembre 2015.
  3. ^ a b c Nello Avellani, L'arte trova una nuova casa: riapre il 'Munda', il Museo Nazionale d'Abruzzo. Franceschini: "Un pezzo del percorso dell'Aquila verso il futuro", in news-town.it, 19 dicembre 2015.
  4. ^ Michela Corridore, L'Aquila, da ex mattatoio a piccolo gioiello dell’edilizia museale, in Il Centro, 19 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  5. ^ divisare.com, Struttura polivalente presso l'ex mattatoio. L’Aquila, su divisare.com. URL consultato il 18 dicembre (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ archiportale.com, Nuova vita per il Museo Nazionale d’Abruzzo, su archiportale.com. URL consultato il 18 dicembre.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo nazionale d'Abruzzo, su munda.abruzzo.it. URL consultato il 19 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2016).