Emma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Emma (disambigua).

Emma è un nome proprio di persona italiano femminile[1][2][3][4][5].

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta senza dubbio di un nome di origine germanica, attestato fin dal VII secolo in forme quali i femminili Emma, Imma, Ima e anche i maschili Immo ed Emmo[1][2][4]. L'etimologia non è del tutto certa, ma generalmente viene considerato, al pari di Irma, un ipocoristico di altri nomi germanici comincianti con la radice irmin o ermen[1][2][4][5][6][7], come Ermengarda, Ermentrude ed Ermenegildo; essa vuol dire "grande", "potente"[1][4][5] o anche "intero", "universale"[2][6], ma può anche essere teoforica, e richiamare un nome alternativo del dio Odino, "Irmin"[3].

Seguono poi una serie di ipotesi minoritarie, che lo riconducono al germanico amals o imme ("valoroso")[1][3], al norreno imr ("lupo")[1], o ancora ad una voce infantile onomatopeica simile al tedesco Amme, "mamma"[1].

Il nome gode di buona diffusione in Italia[1][4], ed è stato continuativamente nella lista dei dieci nomi più usati per le neonati dal 2010 fino al 2017[8]. È attestata anche una forma maschile, "Emmo", comunque talmente rara[4] che alcune fonti considerano il nome esclusivamente femminile[1][5].

In Inghilterra venne introdotto grazie ad Emma di Normandia che fu moglie di due re d'Inghilterra[2][6]; divenne piuttosto comune dopo la conquista normanna[2] e, durante il Medioevo, era generalmento usato in forme vernacolari quali Em, Emm ed Emme, con diminutivi quali Emmot, Emmet ed Emmett, oltre ad essere confuso con Amy[6]; il nome, nella forma base Emma, venne ripreso nel XVIII secolo, forse anche grazie al poema di Matthew Prior Henry and Emma[2][6], e nuovo lustro al nome venne dato da Emma Peel, personaggio della serie televisiva degli anni Sessanta Agente speciale[6]. Emma è uno dei nomi più popolari attribuiti alle bambine nate negli Stati Uniti d'America, collocandosi tra i primi cinque continuativamente dal 2002 fino al 2017[9].

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

L'onomastico può essere festeggiato il 29 giugno in memoria di sant'Emma di Gurk, contessa di Friesach e fondatrice di svariati monasteri benedettini in Austria[10][11], oppure il 3 dicembre (19 aprile in alcuni calendari) in ricordo di sant'Emma di Lesum, o "di Brema" o "di Stiepel" o "di Sassonia", nobildonna, vedova e benefattrice[3][12][13].

Si segnala inoltre che alcuni fonti agiografiche non ufficiali annoverano tra le sante, in data 31 gennaio, anche Emma di Baviera, regina consorte dei Franchi Orientali come moglie di Ludovico II il Germanico[1].

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Emma.

Variante Emmy[modifica | modifica wikitesto]

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il nome nelle arti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Tagliavini, pp. 121-122.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac (EN) Emma, su Behind the Name. URL consultato il 14 aprile 2019.
  3. ^ a b c d Burgio, p. 144.
  4. ^ a b c d e f De Felice, p. 10.
  5. ^ a b c d La Stella T., p. 128.
  6. ^ a b c d e f g h i j Sheard, p. 203.
  7. ^ a b c (EN) Emma, su Online Etymology Dictionary. URL consultato il 19 aprile 2019.
  8. ^ Quanti bambini si chiamano...?, su Istat. URL consultato il 15 aprile 2019.
  9. ^ (EN) Popular Names - Popularity of the female name Emma, su Social Security - The Official Website of the U.S. Social Security Administration. URL consultato il 15 aprile 2019.
  10. ^ Santa Emma di Gurk, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 14 aprile 2019.
  11. ^ (EN) Blessed Hemma of Gurk, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 14 aprile 2019.
  12. ^ Sant' Emma di Sassonia, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 14 aprile 2019.
  13. ^ (EN) Saint Emma of Bremen, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 14 aprile 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi