Ermenegildo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'erede al trono dei Visigoti, vedi Ermenegildo (principe visigoto).

Ermenegildo è un nome proprio di persona italiano maschile[1][2][3][4][5].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Continua l'antico nome germanico Erminigild o Hermingild di tradizione visigotica, composto da due elementi: il primo è ermen, un epiteto del dio del cielo germanico Tiwaz, che significa "grande", "potente", "completo", "universale" (presente anche nei nomi Arminio, Ermengarda, Ermentrude ed Ermelinda); il secondo è gild, che vuol dire "che vale", "che ha consistenza" o "restituire", ma anche "valoroso", "valente"[1][2][4][5][9]. Alcune fonti propongono, come senso complessivo del nome, "completo sacrificio" o "sacrificio divino"[1][2], tuttavia questa interpretazione presente diverse difficoltà, ed è invece più probabile che sia "valoroso e potente"[1].

Il nome venne portato da Ermenegildo, principe dei Visigoti, fatto uccidere dal suo stesso padre Leovigildo per aver rifiutato l'arianesimo, e venerato quindi come santo e martire dalle Chiese cristiane[1][2][3][4][9]. Il suo culto, seppure scarso, può aver contribuito alla diffusione del nome in Italia, dove è attestato con maggior frequenza al Nord e minore al Sud[4] (nonché spesso abbreviato in "Gildo" per via del suono pesante e austero[1][4]).

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

L'onomastico si festeggia il 13 aprile in onore di sant'Ermenegildo, erede al trono dei Visigoti[1][2][3][7][10][11]. Con questo nome si ricordano anche, alle date seguenti:

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Variante Hermenegildo[modifica | modifica wikitesto]

Variante femminile Ermenegilda[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Tagliavini, pp. 115-116.
  2. ^ a b c d e f g h i (EN) Hermenegildo, su Behind the Name. URL consultato il 24 settembre 2019.
  3. ^ a b c Burgio, p. 150.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l De Felice, p. 19.
  5. ^ a b c La Stella T., pp. 134-135.
  6. ^ a b (EN) Ermenegilda, su Behind the Name. URL consultato il 24 settembre 2019.
  7. ^ a b c d Albaigès i Olivart, p. 101.
  8. ^ a b c d Albaigès i Olivart, p. 136.
  9. ^ a b c d Förstemann, coll. 463, 798.
  10. ^ a b c Santi e beati di nome Ermenegildo, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 24 settembre 2019.
  11. ^ a b (EN) Name - Hermenegild, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 24 settembre 2019.
  12. ^ (EN) Saint Ermengilda of Ely, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 24 settembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi