Emanuele Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emanuele Romano
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Trapani
Vescovo titolare di Nigre Maggiori
Vescovo ausiliare di Monreale
 
Nato25 gennaio 1912 a Gela
Ordinato presbitero26 luglio 1936 dal vescovo Ernesto Eugenio Filippi
Nominato vescovo22 luglio 1973 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo22 luglio 1973 dal cardinale Francesco Carpino
Deceduto9 febbraio 1998 a Palermo
 

Emanuele Romano (Gela, 25 gennaio 1912Palermo, 9 febbraio 1998) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Angelo e Concettina Catalano, proveniva da una famiglia della borghesia palermitana.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi nel seminario arcivescovile di Monreale, si è laureato in filosofia presso l'Università degli Studi di Palermo.[1]

È stato ordinato sacerdote a Monreale da Ernesto Eugenio Filippi,[1] arcivescovo di Monreale, il 26 luglio 1936.

Nel 1945 monsignor Filippi lo ha nominato vicario generale, incarico che ha mantenuto anche con i successori Francesco Carpino e Corrado Mingo.[1] Dal 1950 al 1952 è stato anche rettore del seminario arcivescovile.[2]

Il papa Pio XII, nel 1946 lo ha nominato prelato domestico e nel 1949 protonotario apostolico.[1]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 giugno 1973 è stato nominato vescovo titolare di Nigre Maggiori e ausiliare di Monreale da papa Paolo VI; è stato consacrato il 22 luglio successivo dal cardinale Francesco Carpino, arcivescovo emerito di Palermo, coconsacranti Corrado Mingo, arcivescovo di Monreale, e Pasquale Bacile, vescovo di Acireale.

Il 24 gennaio 1978, lo stesso Papa lo ha nominato vescovo coadiutore di monsignor Francesco Ricceri, vescovo di Trapani di cui ha preso il posto a partire dal 31 luglio 1978.

È stato vescovo delegato per le comunicazioni sociali nell'ambito della Conferenza episcopale siciliana.[1]

Di lui si ricorda l'omelia al funerale del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto nel 1983.[3]

L'8 settembre 1988 ha lasciato la diocesi per raggiunti limiti d'età e si è ritirato a vita privata a Palermo, dove è morto undici anni dopo, il 9 febbraio 1998; è sepolto a Monreale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Mons. Emanuele Romano, su parrocchiasantarosalia.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  2. ^ Rettori del Seminario di Monreale nella storia, su seminariomonreale.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  3. ^ Saverio Lodato, Anche il 1983 fu un anno tremendo, in Quarant'anni di mafia. Storia di una guerra infinita, Milano, Rizzoli, 2012, ISBN 978-88-17-05627-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) David Cheney, Emanuele Romano, su Catholic-Hierarchy.org. Modifica su Wikidata