Emanuele Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emanuele Romano
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato25 gennaio 1912 a Gela
Ordinato presbitero26 luglio 1936 dal vescovo Ernesto Eugenio Filippi
Nominato vescovo22 luglio 1973 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo22 luglio 1973 dal cardinale Francesco Carpino
Deceduto9 febbraio 1998 (86 anni) a Palermo
 

Emanuele Romano (Gela, 25 gennaio 1912Palermo, 9 febbraio 1998) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Angelo e Concettina Catalano, proveniva da una famiglia della borghesia palermitana.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi nel seminario arcivescovile di Monreale, si è laureato in filosofia presso l'Università degli Studi di Palermo.[1]

È stato ordinato sacerdote a Monreale da Ernesto Eugenio Filippi,[1] arcivescovo di Monreale, il 26 luglio 1936.

Nel 1945 monsignor Filippi lo ha nominato vicario generale, incarico che ha mantenuto anche con i successori Francesco Carpino e Corrado Mingo.[1] Dal 1950 al 1952 è stato anche rettore del seminario arcivescovile.[2]

Il papa Pio XII, nel 1946 lo ha nominato prelato domestico e nel 1949 protonotario apostolico.[1]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 giugno 1973 è stato nominato vescovo titolare di Nigre Maggiori e ausiliare di Monreale da papa Paolo VI; è stato consacrato il 22 luglio successivo dal cardinale Francesco Carpino, arcivescovo emerito di Palermo, coconsacranti Corrado Mingo, arcivescovo di Monreale, e Pasquale Bacile, vescovo di Acireale.

Il 24 gennaio 1978, lo stesso Papa lo ha nominato vescovo coadiutore di monsignor Francesco Ricceri, vescovo di Trapani di cui ha preso il posto a partire dal 31 luglio 1978.

È stato vescovo delegato per le comunicazioni sociali nell'ambito della Conferenza episcopale siciliana.[1]

Di lui si ricorda l'omelia al funerale del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto nel 1983.[3]

L'8 settembre 1988 ha lasciato la diocesi per raggiunti limiti d'età e si è ritirato a vita privata a Palermo, dove è morto undici anni dopo, il 9 febbraio 1998; è sepolto a Monreale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Mons. Emanuele Romano, su parrocchiasantarosalia.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  2. ^ Rettori del Seminario di Monreale nella storia, su seminariomonreale.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  3. ^ Saverio Lodato, Anche il 1983 fu un anno tremendo, in Quarant'anni di mafia. Storia di una guerra infinita, Milano, Rizzoli, 2012, ISBN 978-88-17-05627-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]