Elixir (linguaggio di programmazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elixir
Official Elixir logo.png
Il logo ufficiale del linguaggio di programmazione Elixir.
AutoreJosé Valim, collaboratori su GitHub
Data di origine24 maggio 2012; 5 anni fa (v0.5.0)
Ultima versione1.4.5[1] (22 giugno 2017; 5 mesi fa)
Utilizzoscripting, general purpose
Paradigmiconcorrente, funzionale
Tipizzazionedinamica, forte
Specifiche di linguaggioThe Elixir Language Specification
Estensioni comuniex e exs
Influenzato daErlang, Ruby, Clojure
Implementazione di riferimento
LicenzaLicenza Apache 2.0[2]
Sito web

Elixir è un linguaggio di programmazione funzionale, concorrente, il cui codice compilato viene interpretato dalla macchina virtuale Erlang (BEAM). Utilizza quest'ultima proprio per fornire applicazioni distribuite, fault-tolerant e (near) real-time, ma anche per estenderla verso il supporto della meta-programmazione attraverso macro, polimorfismo e protocolli.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il creatore del linguaggio, José Valim, all'ElixirConf 2014
Il programmatore informatico Dave Thomas all'ElixirConf 2014

Il creatore del linguaggio di programmazione Elixir è José Valim. Il linguaggio di programmazione è un progetto R&D di Plataformatec. Lo scopo è quello di consentire una maggiore estensibilità e produttività della VM Erlang, preservando al contempo la compatibilità con gli strumenti e l'ecosistema stesso di Erlang.[4]

La nascita di Elixir è stata motivata dal fatto che la capacità di calcolo dei processori è in continuo aumento, il che ha dato luogo ai processori a core multipli, e che l'ecosistema Erlang, compresa la sua macchina virtuale, sfrutta appieno questo tipo di architettura multi-processore, così che un programma in esecuzione può essere suddiviso in una serie di micro processi paralleli. Elixir è nato per superare le carenze di Erlang su alcuni paradigmi e per rendere disponibili taluni approcci di programmazione non ammessi da Erlang, come la meta-programmazione ed il polimorfismo.

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Elixir dispone di un sistema di gestione dei pacchetti, di macro, di uno strumento che automatizza lo sviluppo facile da usare e del sistema di codifica Unicode.[5] Dato che Elixir è un linguaggio che viene eseguito sulla macchina virtuale Erlang, ottiene tutti i vantaggi forniti dalla maturità della VM e può usare le librerie Erlang esistenti, senza penalizzare le performance.[5] Al contrario di Erlang, Elixir dispone dell'operatore pipe.[5] La sintassi di Elixir, al contrario di quella di Erlang, risulta più familiare agli sviluppatori Ruby.[5]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Un linguaggio che viene compilato in bytecode per la macchina virtuale Erlang (BEAM)[3]
  • Tutto è un'espressione[3]
  • Perfetta integrazione con il linguaggio di programmazione Erlang: nessuna penalità verso le chiamate di funzione Erlang (e vice versa)
  • Meta-programmazione che prevede la manipolazione diretta di AST[3]
  • Supporto per la documentazione attraverso docstring in stile Python; il linguaggio di markup usato come standard de facto è il markdown[3]
  • Polimorfismo attraverso un meccanismo chiamato protocols. Enumerable è un esempio di protocollo ed è ispirato ai riduttori Clojure[6] Così come avviene in Clojure, i protocolli forniscono un meccanismo di collegamento dinamico detto dynamic dispatch. Tuttavia, ciò non va confuso con il collegamento multiplo, anche detto multiple dispatch.
  • Architettura shared-nothing attraverso lo scambio di messaggi (Actor model)
  • Enfasi sulla ricorsione e le funzioni di ordine superiore piuttosto che side-effects e cicli.
  • Collezioni pigre ed asincrone con i flussi
  • Pattern matching[3]
  • Supporto Unicode e stringhe UTF-8

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti esempi possono essere eseguiti in una shell IEx (acronimo di Interactive Elixir) oppure possono essere salvati in un file ed essere eseguiti dalla linea di comando, digitando elixir <filename>.

Hello world - Stampa sullo standard output della stringa di caratteri Hello world:

IO.puts "Hello World!"

Operazioni sulle liste - Degli elementi appartenenti alla lista originale si selezionano solo quelli dispari (ottenuti laddove il resto della loro divisione per 2 è uguale ad 1) e si crea un elenco contenente questi elementi al quadrato.

for n <- [1,2,3,4,5], rem(n,2) == 1, do: n*n
#=> [1, 9, 25]

Pattern Matching

[1, a] = [1, 2]
# 'a' now equals 2

{:ok, [hello: a]} = {:ok, [hello: "world"]}
# 'a' now equals "world"

Moduli

defmodule Fun do
  def fib(0), do: 0
  def fib(1), do: 1
  def fib(n) do 
    fib(n-2) + fib(n-1)
  end
end

Invocazione di codice nativo Erlang - Esempio di utilizzo di una libreria di Erlang (la libreria è inet_res); al momento della stesura di questo paragrafo l'indirizzo IP dell'host a cui punta l'URL fornito come parametro d'ingresso al metodo (quello della sezione polacca di Wikipedia) era 91.198.174.192

:inet_res.lookup('pl.wikipedia.org', :in, :a)
#=> [{91, 198, 174, 192}]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://github.com/elixir-lang/elixir/blob/v1.4.5/CHANGELOG.md
  2. ^ https://github.com/elixir-lang/elixir/blob/master/LICENSE
  3. ^ a b c d e f José Valim, Elixir, su Sito Web ufficiale di Elixir, José Valim, 24 aprile 2012. URL consultato il 24 aprile 2012 (archiviato il 1º settembre 2015).
  4. ^ Elixir - A modern approach to programming for the Erlang VM, su vimeo.com. URL consultato il 17 febbraio 2013.
  5. ^ a b c d Lau Taarnskov, Elixir - The next big language for the Web, su Creative Deletion, Lau Taarnskov, 19 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015 (archiviato il 3 settembre 2015).
  6. ^ Peter Minten, Elixir's Enumerable, su A Cauldron of Black and White Stones, Weblog personale di Peter Minten, Peter Minten, 07 settembre 2014. URL consultato il 07 settembre 2014 (archiviato il 1º settembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Wolfgang Loder, Erlang and Elixir for Imperative Programmers, Prima edizione, capitolo 16: "Code Structuring Concepts", sezione "Actor Model", Leanpub, 12 maggio 2015, pp. 53.
  • (EN) Dave Thomas, Programming Elixir: : Functional > Concurrent > Pragmatic > Fun, Prima edizione, The Pragmatic Bookshelf, 2014, pp. 280, ISBN 978-1937785581.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di software libero