Eleonora del Belgio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principessa Eleonora
Mathilde, Emmanuel en Eléonore 2016.jpg
Principessa del Belgio
Stemma
Nome completo francese: Eléonore Fabiola Victoria Anne Marie
olandese: Eleonore Fabiola Victoria Anna Maria
Nascita Anderlecht, 16 aprile 2008 (10 anni)
Padre Filippo del Belgio
Madre Mathilde d'Udekem d'Acoz
Religione Chiesa cattolica

Eleonora, principessa del Belgio, in francese Eléonore Fabiola Victoria Anne Marie, in olandese Eleonore Fabiola Victoria Anna Maria (Anderlecht, 16 aprile 2008), è una nobile e principessa belga, quarta figlia del re Filippo e della moglie la regina consorte Mathilde. È quarta in linea di successione al trono del Belgio, dopo i fratelli maggiori Elisabetta (nata il 25 ottobre 2001), Gabriele (nato il 20 agosto 2003) ed Emanuele (nato il 4 ottobre 2005).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce all'ospedale Erasmo di Anderlecht, il 16 aprile 2008.[1]

La principessa è stata battezzata il 14 giugno 2008 nella cappella privata del castello di Ciergno dal cardinale Godfried Danneels, arcivescovo di Malines-Bruxelles. Il suo padrino è il conte Sébastien von Westphalen zu Fürstenberg e sue madrine sono la principessa ereditaria di Svezia Vittoria e la principessa Claire del Belgio.[2][3]

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

La principessa Eleonora è una studentessa del Sint-Jan Berchmanscollege a Marollen, a Bruxelles, che è frequentata anche dai fratelli maggiori.[4] Eleonora studia olandese, francese, inglese e suona il violino.[1][5]

Titoli, trattamento e stemma[modifica | modifica wikitesto]

  • 16 aprile 2008 - attuale: Sua Altezza Reale Principessa Eleonora del Belgio

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Re dei Belgi
Casa di Sassonia-Coburgo-Gotha
Coat of Arms of the King of the Belgians (1921).svg


Leopoldo I (1790-1865)
Leopoldo II (1835-1909)
Alberto I (1875-1934)
Leopoldo III (1901-1983)
Baldovino I (1930-1993)
Alberto II (1934-vivente)
Figli
Filippo (1960-vivente)
Modifica
Eléonore del Belgio Padre:
Filippo del Belgio
Nonno paterno:
Alberto II dei Belgi
Bisnonno paterno:
Leopoldo III dei Belgi
Trisnonno paterno:
Alberto I del Belgio
Trisnonna paterna:
Elisabetta di Wittelsbach
Bisnonna paterna
Astrid di Svezia
Trisnonno paterno:
Carlo di Svezia
Trisnonna paterna:
Ingeborg di Danimarca
Nonna paterna:
Paola Ruffo di Calabria
Bisnonno paterno:
Fulco Ruffo di Calabria
Trisnonno paterno:
Fulco Beniamino Ruffo di Calabria
Trisnonna paterna:
Laura Mosselman du Chenoy
Bisnonna paterna:
Luisa Gazelli dei Conti di Rossana
Trisnonno paterno:
Augusto Gazelli dei Conti di Rossana
Trisnonna paterna:
Maria dei Conti Rignon
Madre:
Mathilde d'Udekem d'Acoz
Nonno materno:
Conte Patrick d'Udekem d'Acoz
Bisnonno materno:
Barone Charles d'Udekem d'Acoz
Trisnonno materno:
Barone Maximilien d'Udekem d'Acoz
Trisnonna materna:
Baronessa Angélique Maria van Eyll
Bisnonna materna:
Jonkvrouw Suzanne van Outryve d'Ydewalle
Trisnonno materno:
Jonkheer Clément van Outryve d'Ydewalle
Trisnonna materna:
Jonkvrouw Madeleine de Thibault de Boesinghe
Nonna materna:
Contessa Anna Maria Komorowska
Bisnonno materno:
Conte Léon-Michel Komorowski
Trisnonno materno:
Conte Michel Komorowski
Trisnonna materna:
Maria Zaborowska
Bisnonna materna:
Principessa Zofia Sapieha
Trisnonno materno:
Principe Adam Zygmunt Sapieha
Trisnonna materna:
Contessa Teresa Sobanska

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Princess Eléonore, su The Belgian Monarchy. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  2. ^ (NL) 'Dames en heren, voor u staat een trotse vader', in De Standaard, 16 aprile 2008. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  3. ^ (EN) Belgian Princess Baptized, in CBS News, 17 giugno 2008. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  4. ^ (EN) Ainhoa Barcelona, Belgian royal children go back to school, in HOLA, 1º settembre 2017. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  5. ^ (EN) Siofra Brennan, Princess Eleonore surprises King Philippe with a violin recital as they celebrate their birthdays one day apart, in Mail Online. URL consultato il 17 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]