Emanuele del Belgio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principe Emanuel
Principe del Belgio
Stemma
Nome completo francese: Emmanuel Léopold Guillaume François Marie
olandese: Emmanuel Leopold Willem Frans Maria
Nascita Anderlecht, 4 ottobre 2005 (12 anni)
Padre Filippo del Belgio
Madre Mathilde d'Udekem d'Acoz
Religione Chiesa cattolica

Emanuele, principe del Belgio, in francese Emmanuel Léopold Guillaume François Marie, in olandese Emmanuel Leopold Willem Frans Maria (Anderlecht, 4 ottobre 2005), è un nobile e principe belga, terzo figlio del re Filippo e di sua moglie la regina Matilde. È terzo in linea di successione al trono del Belgio, dopo i fratelli maggiori Elisabetta e Gabriele.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce all'ospedale Erasmo di Anderlecht, il 4 ottobre 2005.[1]

Ha due sorelle: Elisabetta (nata il 25 ottobre 2001) ed Eleonora (nata il 16 aprile 2008), e un fratello Gabriele (nato il 20 agosto 2003).[2]

Il principe è stato battezzato nella cappella privata del castello di Ciergnon il 10 dicembre 2005. Il suo padrino è il Granduca Ereditario del Lussemburgo, Guglielmo, e la sua madrina è la contessa Elisabeth d'Udekem d'Acoz, sua zia materna.[3]

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Gabriele è stato uno studente del Sint-Jan Berchmanscollege a Marollen, a Bruxelles, come i suoi fratelli maggiori. Nel settembre 2012 è stato annunciato che il principe Emauele si sarebbe trasferito alla scuola speciale Eureka a Kessel-Lo, Lovanio.[4][5] La scuola si dedica, in mondo mirato, a bambini con dislessia.[5][6] Emanuele studia olandese, francese e inglese.[1]

Titoli, trattamento e stemma[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 ottobre 2005 - attuale: Sua Altezza Reale Principe Emanuele del Belgio

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Re dei Belgi
Casa di Sassonia-Coburgo-Gotha
Coat of Arms of the King of the Belgians (1921).svg


Leopoldo I (1790-1865)
Leopoldo II (1835-1909)
Alberto I (1875-1934)
Leopoldo III (1901-1983)
Baldovino I (1930-1993)
Alberto II (1934-vivente)
Figli
Filippo (1960-vivente)
Modifica
Emanuele del Belgio Padre:
Filippo del Belgio
Nonno paterno:
Alberto II dei Belgi
Bisnonno paterno:
Leopoldo III dei Belgi
Trisnonno paterno:
Alberto I del Belgio
Trisnonna paterna:
Elisabetta di Wittelsbach
Bisnonna paterna
Astrid di Svezia
Trisnonno paterno:
Carlo di Svezia
Trisnonna paterna:
Ingeborg di Danimarca
Nonna paterna:
Paola Ruffo di Calabria
Bisnonno paterno:
Fulco Ruffo di Calabria
Trisnonno paterno:
Fulco Beniamino Ruffo di Calabria
Trisnonna paterna:
Laura Mosselman du Chenoy
Bisnonna paterna:
Luisa Gazelli dei Conti di Rossana
Trisnonno paterno:
Augusto Gazelli dei Conti di Rossana
Trisnonna paterna:
Maria dei Conti Rignon
Madre:
Matilde d'Udekem d'Acoz
Nonno materno:
Conte Patrizio d'Udekem d'Acoz
Bisnonno materno:
Barone Carlo d'Udekem d'Acoz
Trisnonno materno:
Barone Massimiliano d'Udekem d'Acoz
Trisnonna materna:
Baronessa Angelica Maria van Eyll
Bisnonna materna:
Jonkvrouw Susanna van Outryve d'Ydewalle
Trisnonno materno:
Jonkheer Clemente van Outryve d'Ydewalle
Trisnonna materna:
Jonkvrouw Maddalena de Thibault de Boesinghe
Nonna materna:
Contessa Anna Maria Komorowska
Bisnonno materno:
Conte Leone-Michele Komorowski
Trisnonno materno:
Conte Michele Komorowski
Trisnonna materna:
Maria Zaborowska
Bisnonna materna:
Principessa Sofia Sapieha
Trisnonno materno:
Principe Adamo Sigismondo Sapieha
Trisnonna materna:
Contessa Teresa Sobanska

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Prince Emmanuel, su The Belgian Monarchy. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  2. ^ (FR) La regina Mathilde, su La monarchia belga (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  3. ^ (EN) An intimate, candlelit baptism for Prince Emmanuel, su Hello Magazine, 12 dicembre 2005. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  4. ^ (NL) Prins Filip brengt Emmanuel naar nieuwe school, in Nieuwsblad.be, 3 settembre 2012. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  5. ^ a b (EN) Prince Emmanuel of Belgium heads back to Eureka school, in HOLA, 1º settembre 2016. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  6. ^ Eureka Onderwijs, su eurekaonderwijs.be.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]