Dux Scythiae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dux Scythiae
Dioecesis Thraciae 400 AD.png
La diocesi di Tracia nel 400, al tempo della Notitia dignitatum.
Descrizione generale
Attivafine IV secolo - V secolo
NazioneImpero romano
Tipocomandante di un tratto di limes danubiano
Guarnigione/QGcastra stativa in epoca imperiale
PatronoMarte dio della guerra
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Dux Scythiae era il comandante di truppe limitanee di un settore del limes danubiano, nella diocesi di Scytia minor. Suo diretto superiore era al tempo della Notitia dignitatum (nel 400 circa), il magister militum per Thracias.

Elenco unità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista delle truppe ausiliarie romane e Limes romano.

Era a capo di ben 16 unità o distaccamenti di unità, posizionate in 23 differenti località, come risulta dalla Notitia Dignitatum (Orien. XXXIX):

  • Cuneus equitum scutariorum, Sacidava; Cuneus equitum Solensium, Capidava; Cuneus equitum stablesianorum, a Cii e Bireo; Cuneus equitum catafractariorum, Arubio; Cuneus equitum armigerorum, Aegissos; Cuneus equitum Arcadum, Talamonio;
  • Auxiliares: Milites navclarii, Flaviana; Milites superventores, Axiopoli; Milites Scythici, Carso; Milites secundi Constantini, Troesmis; Milites Scythici, Dirigothia; Milites primi Constantini, Novioduro; Milites quinti Constantini, Salsovia; Milites primi Gratianenses, Gratiana;
  • legiones riparienses: legio II Herculia, a Troesmis, Axiopoli, Iprosmis e sulla flotta presso Inplateypegiis; legio I Iovia, a Novioduno, Accesso e in località ignota.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Fonti storiografiche moderne[modifica | modifica wikitesto]

  • J.Rodríguez González, Historia de las legiones Romanas, Madrid, 2003.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dellesercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]