Dux Raetiae primae et secundae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dux Raetiae primae et secundae
Römische Provinzen im Alpenraum 395 n Chr.png
Nella cartina le province di Rezia I e II ai tempi della Notitia dignitatum (fine del IV secolo).
Descrizione generale
Attivafine IV secolo - V secolo
NazioneImpero romano
Tipocomandante di un tratto di limes danubiano
Guarnigione/QGcastra stativa in epoca imperiale
PatronoMarte dio della guerra
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Dux Raetiae primae et secundae era il comandante di truppe di limitanei nella diocesi dell'Italia annonaria.[1] Suo diretto superiore era probabilmente al tempo della Notitia dignitatum (nel 400 circa), il comes Italiae, che a sua volta obbediva sia al magister peditum praesentalis per le unità di fanteria,[2] sia al magister equitum praesentalis per quelle di cavalleria.

Elenco unità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista delle truppe ausiliarie romane e Limes romano.

Era a capo di 10 unità (o distaccamenti) di fanteria[3] e 6 di cavalleria,[3] come risulterebbe dalla Notitia dignitatum:

  • Praefectus legionis III Italicae, a Castra Regina, a Submuntorio, a Vimania Cassiliacum, a Cambidano, a Foetibus ed a Teriolis;[3]
  • Praefectus militum Ursariensium, Guntiae;[3]
  • Tribunus cohortis IX Batavorum, Batavis; Tribunus cohortis III Brittorum, Abusina; Tribunus cohortis VI Valeriaae Raetorum, Venaxamodorum; Tribunus cohortis I Herculeae Raetorum, Parroduno; Tribunus cohortis V Valeriae Frygum, Pinianis; Tribunus cohortis III Herculeae Pannoniorum, Caelio; Tribunus cohortis Herculeae Pannoniorum, Arbore;[3]
  • Praefectus numeri barbaricariorum, presso Brecantia;[3]
  • Equites stablesiani seniores, Augustanis; Equites stablesiani iuniores, Ponte Aoni ora Febians; Equites stablesiani iuniores, Submuntorio;[3]
  • Praefectus alae I Flaviae Raetorum, Quintanis; Praefectus alae II Valeriae singularis, Vallatio; Praefectus alae II Valeriae Sequanorum, Vimania;[3]
  • Tribunus gentis per Raetias deputatae, Teriolis ora Zirl.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Not.Dign., Occ., I.
  2. ^ Not.Dign., Occ., VII.
  3. ^ a b c d e f g h i Not.Dign., Occ., XXXV.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • J. Rodríguez González, Historia de las legiones Romanas, Madrid, 2003.
  • A.K. Goldsworthy, Storia completa dell'esercito romano, Modena, 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008. ISBN 978-88-430-4677-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]