Dux Pannoniae secundae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dux Pannoniae secundae
Limes4-it.png
Il tratto di limes della Pannonia II (al tempo della Notitia dignitatum).
Descrizione generale
Attivafine IV secolo - V secolo
NazioneImpero romano
Tipocomandante di un tratto di limes danubiano
Guarnigione/QGcastra stativa in epoca imperiale
PatronoMarte dio della guerra
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Dux Pannoniae secundae era il comandante di truppe di limitanei della diocesi dell'Illirico,[1] e facenti parte dell'armata imperiale del Numerus intra Illyricum. Suo diretto superiore era al tempo della Notitia dignitatum (nel 400 circa), il comes Illyrici, che a sua volta dipendeva dal magister peditum praesentalis per le unità di fanteria,[2] e dal magister equitum praesentalis per quelle di cavalleria.

Elenco unità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista delle truppe ausiliarie romane e Limes romano.

Era a capo di 18 unità (o distaccamenti) di fanteria, 18 di cavalleria e 5 flotte, come risulterebbe dalla Notitia dignitatum:[3]

legioni di limitanei:

altre unità di fanteria:

  • Tribunus cohortis III Alpinorum Dardanorum, in località sconosciuta; Tribunus cohortis tertiae Alpinorum, Sisciae; Tribunus cohortis I Ioviae, Leonatae; Tribunus cohortis I Thracum civium Romanorum, Caput Basensis.
  • Praefectus militum Calcariensium, Sirmi;
  • Auxilia Herculensia, ad Herculem; Auxilia Novensia, Arsaciana e a Novas; Auxilia Augustensia, di fronte a Bononiam tra i barbari nel forte di Onagrino; Auxilia Praesidentia, nell'accampamento di Herculis; Auxilia ascarii, Tauruno e a Marsonia;

unità di cavalleria:

  • Equites Dalmatae, Novas; Equites Dalmatae, Albano; Equites promoti, Teutibarcio; Equites Dalmatae, Cornaco; Equites sagittarii, Cuccis; Equites Dalmatae, Bonoriae; Equites Dalmatae, Cusi; Equites sagittarii, Acimirci; Equites Dalmatae, Ricti; Equites Dalmatae, Burgentas; Equites promoti, Tauruno;
  • Ala Sirmensis, Sirmi;
  • Cuneus equitum scutariorum, Cornacii; Cuneus equitum Dalmatarum, Teutiborgio; Cuneus equitum Constantianorum, Burgenas; Cuneus equitum promotorum, Cuccis; Cuneus equitum constantium, Aciminci; Cuneus equitum Italicianorum, Secundarum;

marina militare romana:

  • Praefectus classis I Flaviae Augustae, Sirmi; Praefectus classis II Flaviae, Graio; Praefectus classis Histricae, Mursae; Praefectus classis primae Pannonicae, Seruitii; Praefectus classis Aegetensium siue secundae Pannonicae, a Sisciae;

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Not.Dign., Occ., I.
  2. ^ Not.Dign., Occ., VII.
  3. ^ Not.Dign., Occ., XXXII.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • J.Rodríguez González, Historia de las legiones Romanas, Madrid, 2003.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dellesercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]