Comes Illyrici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Comes Illirici
Roman provinces of Illyricum, Macedonia, Dacia, Moesia, Pannonia and Thracia.jpg
L'Illirico romano con le province pannoniche in alto sulla sinistra della cartina.
Descrizione generale
Attivafine IV secolo - V secolo
NazioneImpero romano
Tipocomandante di un tratto del limes danubiano
Guarnigione/QGcastra stativa in epoca imperiale
PatronoMarte dio della guerra
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Comes Illyrici era il comandante di truppe di comitatensi della diocesi dell'Illirico,[1] e facenti parte dell'armata imperiale del Numerus intra Illyricum. Suoi diretti superiori erano al tempo della Notitia dignitatum (nel 400 circa), sia il magister peditum praesentalis per le unità di fanteria,[2] sia il magister equitum praesentalis per quelle di cavalleria.[2][3]

Elenco unità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista delle truppe ausiliarie romane e Limes romano.

Era a capo di 22 unità totali, come risulta dalla Notitia dignitatum:[2][3]

  • 12-13 Auxilia palatina: Sagittarii Tungri, Iovii iuniores, Sequani, Raeti, Sagittarii venatores, Latini, Valentinianenses felices, Honoriani victores, Seguntienses, Tungri, Mauri Honoriani seniores, Valentinianenses, Catarienses[?];[2][3]
  • 6 legiones comitatenses: Mattiarii Honoriani Gallicani, Tertiani, III Herculea, Propugnatores iuniores, Pacatianenses, Mauri cetrati;[2][3]
  • 3 Pseudocomitatenses: Lanciarii Lauriacenses, Lanciarii Comaginenses, II Iulia Alpina.[2][3]

Al Comes Illyrici erano inoltre sottoposte tutte le unità di limitanei facenti capo ai seguenti ufficiali di confine: il Dux Pannoniae secundae, il Dux Valeriae ripensis e il Dux Pannoniae primae et Norici ripensis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Not.Dign., Occ., I.
  2. ^ a b c d e f Not.Dign., Occ., VII.
  3. ^ a b c d e Not.Dign., Occ., V.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Fonti storiografiche moderne[modifica | modifica wikitesto]

  • J.Rodríguez González, Historia de las legiones Romanas, Madrid, 2003.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dellesercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]