Domenico Crusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Crusco
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Sollicitudo mea gloria Dei
Incarichi ricoperti Vescovo di Oppido Mamertina-Palmi
Vescovo di San Marco Argentano-Scalea
Amministratore apostolico di Cassano all'Ionio
Nato 19 agosto 1934 a Grisolia
Ordinato presbitero 16 luglio 1961 dal vescovo Luigi Rinaldi
Nominato vescovo 7 febbraio 1991 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 29 aprile 1991 dall'arcivescovo Luigi Poggi (poi cardinale)
Deceduto 25 agosto 2013 a Grisolia

Domenico Crusco (Grisolia, 19 agosto 1934Grisolia, 25 agosto 2013) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Grisolia, in provincia di Cosenza e diocesi di San Marco Argentano-Scalea, il 19 agosto 1934.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il ginnasio nel seminario diocesano di San Marco ed il liceo classico presso il Pontificio seminario regionale Pio XI di Reggio Calabria; compie gli studi teologici nel Pontificio seminario regionale San Pio X di Catanzaro[1].

Il 16 luglio 1961 è ordinato presbitero, nella cattedrale di San Marco Argentano, dal vescovo Luigi Rinaldi per la diocesi di San Marco e Bisignano[1].

Ricopre il ruolo di rettore del seminario diocesano[1].

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 febbraio 1991 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Oppido Mamertina-Palmi; succede a Benigno Luigi Papa, precedentemente nominato arcivescovo metropolita di Taranto. Riceve l'ordinazione episcopale il 20 aprile successivo dall'arcivescovo Luigi Poggi (poi cardinale), coconsacranti il vescovo Augusto Lauro e l'arcivescovo Giuseppe Agostino.

È membro della Conferenza episcopale calabrese[2].

Il 6 marzo 1999 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di San Marco Argentano-Scalea; succede ad Augusto Lauro, dimessosi per raggiunti limiti d'età.

Promuove il restauro della cattedrale, dell'episcopio e della curia vescovile[1].

Il 14 gennaio 2007 è nominato amministratore apostolico di Cassano all'Ionio dopo il trasferimento di Domenico Graziani all'arcidiocesi di Crotone-Santa Severina[2]; mantiene il suo incarico fino al 10 marzo 2007, quando annuncia la nomina di Vincenzo Bertolone a vescovo di Cassano all'Ionio.

Il 7 gennaio 2011 papa Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia al governo pastorale della diocesi di San Marco Argentano-Scalea, presentata per raggiunti limiti d'età; gli succede Leonardo Bonanno.

Il 25 agosto 2013 muore a Grisolia, suo paese natale; dopo le esequie, celebrate il 27 agosto dal vescovo Leonardo Bonanno, viene sepolto nella cripta della cattedrale di San Marco Argentano[1].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Scalea, a San Marco la salma del Vescovo Crusco su www.miocomune.it, 26 agosto 2013. URL consultato il 10 giugno 2015.
  2. ^ a b Amministratore apostolico S.E. Mons. Domenico Crusco, 18 gennaio 2007. URL consultato il 10 giugno 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Oppido Mamertina-Palmi Successore BishopCoA PioM.svg
Benigno Luigi Papa, O.F.M.Cap. 7 febbraio 1991 - 6 marzo 1999 Luciano Bux
Predecessore Vescovo di San Marco Argentano-Scalea Successore BishopCoA PioM.svg
Augusto Lauro 6 marzo 1999 - 7 gennaio 2011 Leonardo Bonanno
Controllo di autorità VIAF: (EN204739433