Congresso Olimpico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Programma del I Congresso Olimpico del 1894.

Il Congresso Olimpico è un incontro consultivo organizzato dal Comitato Olimpico Internazionale, a cui partecipano i comitati olimpici nazionali, le federazioni sportive riconosciute dal massimo organo sportivo e i membri del CIO, oltre ad alcuni rappresentanti dei vari sport.[1]

Nel corso degli anni vi sono stati tredici Congressi Olimpici, convocati dal Presidente del Comitato Olimpico Internazionale ad intervalli non regolari, con lo scopo di discutere e sviluppare il movimento olimpico e sportivo mondiale.[1] Ai congressi olimpici si affiancano le Sessioni del Comitato Olimpico Internazionale, che si tengono a frequenza più regolare e ratificano se necessario le raccomandazioni dei Congressi, che appunto hanno ruolo esclusivamente consultivo.[2]

Il primo incontro di questo genere si tenne nel 1894 su iniziativa di Pierre de Coubertin e dell'Union des sociétés françaises de sports athlétiques, con l'obiettivo di ripristinare i Giochi olimpici, durante il quale venne istituito il CIO e vennero stabiliti alcuni principi di massima del movimento olimpico.[3][4] Dal 1894 al 1930 sono stati organizzati otto Congressi Olimpici, che trattarono varie questioni relative alla struttura e agli ideali olimpici; dopo questo periodo, ci fu poi un'interruzione di oltre quarant'anni fino a quando il X Congresso Olimpico si tenne a Varna, in Bulgaria, nel 1973.

Lista dei Congressi Olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Città Nazione Tema
I 1894 Parigi Francia Francia Rinascita dei Giochi olimpici, studio e principi del dilettantismo
II 1897 Le Havre Francia Francia Igiene sportiva e pedagogia
III 1905 Bruxelles Belgio Belgio Questioni di sport ed educazione fisica
IV 1906 Parigi Francia Francia Integrazione delle belle arti nei Giochi Olimpici e nella vita di tutti i giorni
V 1913 Losanna Svizzera Svizzera Psicologia e fisiologia dello sport
VI 1914 Parigi Francia Francia Unificazione dei regolamenti olimpici e delle condizioni di partecipazione
VII 1921 Losanna Svizzera Svizzera Modifica del programma olimpico e condizioni di partecipazione
VIII 1925 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia Pedagogia sportiva, regolamento olimpico
IX 1930 Berlino Germania Germania Modifica dei regolamenti olimpici
X 1973 Varna Bulgaria Bulgaria Sport per un mondo di pace
Ridefinizione del Movimento Olimpico e del suo futuro, Rapporti tra CIO, Federazioni Internazionali e Comitati Olimpici Nazionali, Progetti per i Giochi Olimpici futuri
XI 1981 Baden-Baden bandiera Germania Ovest Uniti da e per lo sport
Il futuro dei Giochi Olimpici, la cooperazione internazionale, il futuro del Movimento Olimpico
XII 1994 Parigi Francia Francia Congresso Olimpico del Centenario, Congresso dell'unità
Il contributo del Movimento Olimpico alla società moderna, l'atleta contemporaneo, lo sport nel suo contesto sociale, lo sport e i mass media
XIII 2009 Copenaghen Danimarca Danimarca Il ruolo del Movimento Olimpico nella società
Gli atleti, i Giochi Olimpici, la struttura del Movimento Olimpico, Olimpismo e gioventù, la rivoluzione digitale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) IOC Congresses, su Olympics.com. URL consultato il 28 agosto 2021.
  2. ^ (FR) Comitato Olimpico Internazionale, Charte Olympique (PDF), su Olympic.org, 17 luglio 2020. URL consultato il 23 agosto 2021.
  3. ^ (FR) Athènes 1896 : 125 ans de valeurs olympiques partagées, su Olympics.com, 1º agosto 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  4. ^ (EN) I Olympic Congress - Paris 1894, su Olympics.com. URL consultato il 20 agosto 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Norbert Muller, One Hundred Years of Olympic Congresses 1894-1994, Losanna, International Olympic Committee, 1994, ISBN 3885001195.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici Portale Giochi olimpici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giochi olimpici